attualità, sport

Fratelli, cugini e nipoti: se lo scudetto è un affare di famiglia

Due calciatori-parenti del Wadi al-Nes a bordo campo (foto di Dusan Vranic/Ap)

Due calciatori-parenti del Wadi al-Nees a bordo campo (foto di Dusan Vranic/Ap)

Un minareto, un grande clan e ottocento abitanti lassù, in vetta alla classifica del calcio palestinese. Sopra a formazioni di città da 250 mila residenti. E squadre con alle spalle imprenditori che non hanno problemi a spendere milioni di dollari. Il richiamo, biblico, a Davide e Golia sarebbe fin troppo facile. Del resto siamo in Medio oriente. E raccontata così, questa storia avrebbe poco di eccezionale. Se non fosse per un piccolo particolare: nel villaggio di Wadi al-Nees, a sud di Betlemme, da anni le sorti di questa capolista con la maglia blu e le righe bianche — il Taraji — sono un affare di famiglia. Letteralmente.

(continua a leggere l’articolo sull’edizione cartacea
di domenica 9 marzo 2014 del
Corriere della Sera)

Annunci
Standard