economia

La crisi economica spaventa Hamas. In arrivo nuove tasse e tagli ai salari

(foto Ap)

Non sono solo i governi europei ad essere in crisi. Economica e di consenso. Ne sa qualcosa anche Hamas, l’organizzazione terroristica che da anni controlla la Striscia di Gaza. Negli ultimi due mesi non è riuscita a pagare gli stipendi di migliaia di palestinesi che lavorano per l’autorità politica non riconosciuta fuori dai confini.

Ogni mese – dicono i bene informati – Hamas ha bisogno di circa dieci milioni di dollari per coprire il pagamento degli stipendi. Ma negli ultimi tempi i soldi sono sempre meno, dall’estero gli aiuti latitano (l’80% del budget annuale di Gaza arriva da fuori) e la popolazione civile preme, stretta dalla politica d’isolamento attuata da Israele prima ed Egitto poi. Una situazione che potrebbe esautorare l’autorità di Hamas.

L’unica soluzione sembra quella di aumentare il gettito fiscale introducendo nuove – e impopolari – tasse. Dieci nuove imposte sulle sigarette. E qualche cosa da pagare in più nelle operazioni immobiliari: dalla compravendita di una casa alla costruzione di un palazzo.

Non solo. Sul modello Grecia, ci sarà un taglio pesante dei salari dei funzionari pubblici: dagli 800 euro circa al mese del 2009 – anticipa il tesoriere di Hamas, Ismail Mahfouz – ai poco più di 300.

Annunci
Standard
economia

No news

La modella israeliana, Bar Refaeli

Da vizio tutto italiano a pratica mondiale. E Israele non fa eccezione. Se poi la questione riguarda la modella israeliana più famosa al mondo, allora tutto cambia.

Bar Refaeli è stufa di pagare le tasse – troppe, secondo lei – nel suo Paese d’origine. Così ha chiesto all’Autorità fiscale israeliana (Ita) di cancellarsi dalla lista nazionale. Nessun commento dall’ente nazionale. “Solo gossip”, replicano dall’entourage della modella bionda.

Ma Haaretz, progressista e di solito misurata, ha scritto che “Bar Refaeli non vuole pagare le tasse in Israele”. Con il sottinteso – nemmeno tanto implicito – che vuole ottimizzare i suoi guadagni. La decisione dell’Ita ci sarà tra pochi giorni.

Standard