attualità

La festa, il ballo, i sorrisi: la storia degl’israeliani e dei palestinesi che fecero la pace (anche se per cinque minuti)

Il fermo immagine del video in cui soldati israeliani ballano insieme a giovani palestinesi a Hebron, in Cisgiordania

Il fermo immagine del video in cui soldati israeliani ballano insieme a giovani palestinesi a Hebron, in Cisgiordania

«Dategli il Nobel per la Pace!». La Rete parla. La Rete chiede. La Rete protesta. E si domanda: ma che hanno fatto di male? «Nulla». Anzi, «semmai bisognerebbe farli sedere con i politici – israeliani e palestinesi – a discutere di pace». «Perché sicuramente con loro l’accordo lo troveremmo in pochi minuti». Magari a passo di danza.

Già, la danza. Maledetta danza. E maledetto Psy. Se non fosse per il suo Gangnam Style forse questi soldati, tutti giovanissimi, tutti isolatissimi in quel pezzo di terra che si chiama Hebron, ecco, forse questi soldati non sarebbero ora nei guai. Sospesi dal servizio. Criticati dai capi e messi sott’accusa.

Succede tutto nel giro di poche ore. Un gruppo di soldati israeliani della famosa Brigata Givati sta pattugliando le vie tormentate di Hebron, nel sud della Cisgiordania. Sente della musica provenire da un edificio. C’è una festa. I giovani, armati e in divisa, si avvicinano. È un attimo. Altri giovani, palestinesi, li invitano a unirsi a quel momento di gioia. A passare qualche minuto insieme.

Capita anche questo, a Hebron. Si spara. Ci si ammazza. Ci si manda a quel Paese tutti i santissimi giorni. Ma poi la ragione riesce a dominare per qualche ora. Unisce israeliani e palestinesi. E non ci scappa il morto. Ma solo tante risate.

Ecco, torniamo alla pattuglia della Brigata Givati. I soldati dell’Idf – l’esercito dello Stato ebraico – si uniscono al ballo. Accolti da applausi, fischi di felicitazioni e inviti a mettersi nel centro della sala da danza improvvisata. Scatta Gangnam Style del rapper sudcoreano Psy. Alcuni militari, appesantiti dalle divise, vengono addirittura portati in spalla a muoversi tra le note della canzone più ascoltata del mondo.

Lì, in quel momento, in quella via affollata e stretta di Hebron, nel cuore della Cisgiordania, va in scena la pace tra israeliani e palestinesi. Un momento «storico». Che non può restare nella memoria collettiva di chi c’era. Deve essere condiviso. Visto. Apprezzato. Ed ecco che qualcuno gira un video con uno smartphone. Carica il filmato su Youtube. È un attimo. Le immagini vengono trasmesse nel tg principale della tv Channel 2. E la storia prende un’altra piega.

I vertici dell’Idf non solo vedono il video. Ma scoprono che la pattuglia è stata a casa del clan dei Jaabari. «Si tratta di una famiglia legata a doppio filo ad Hamas», dice l’intelligence israeliana. «Si tratta di un episodio di estrema gravità», commentatno ufficialmente da Gerusalemme. «I soldati sono stati sottoposti a un interrogatorio e le indagini vanno avanti. Quello che è certo è che i responsabili saranno trattati nel modo più appropriato». Il modo appropriato, per ora, è la sospensione. Immediata.

«Quei soldati potevano essere rapiti e consegnati ai terroristi di Hamas», spiegano i generali dell’Idf. «Non vogliamo avere altri Gilad Shalit (sotto il video del rilascio) sulla coscienza». Motivazioni che, però, al «popolo della Rete» non sono piaciute. Tanto che qualcuno parla di «autogol» per l’esercito israeliano. «Che hanno fatto di male questi ragazzi? Anzi, bisognerebbe congratularsi con loro», scrivono in molti su forum e blog.

«Di solito stiamo qui per molti mesi, alla fine succede che con molti palestinesi ti saluti ogni giorno. Spesso ci scambi qualche parola», racconta un soldato che è stato nel limite tra Hebron 1 ed Hebron 2 per trenta settimane. «Io sono stato invitato da almeno tre famiglie palestinesi a prendere un caffè o un tè da loro. Non ci sono mai andato, perché è vietato. Ma quelle stesse famiglie il caffè e il tè sono venuti a portarmelo lì, al posto di blocco».

«La verità è che ogni soldato è stato a Hebron. Ognuno di noi ha fatto di tutto pur di ammazzare il tempo, o meglio la “shchikat kav”, quello stato mentale che si attiva quando stai per troppo tempo in uno stesso posto», scrive il blogger Yoni Zierler sul sito del quotidiano The Times of Israel. «Non posso dire di non essere felice nel vedere il video dei soldati che ballano. Una volta tanto mostra il volto del vero esercito israeliano. Dice che i nostri militari sono esseri umano che amano divertirsi. E la danza con i palestinesi dimostra che non siamo uno Stato che insegna l’odio e la paura ai nostri ragazzi», continua Zierler. «Ma la verità è che siamo nel bel mezzo di un conflitto e anche se nel filmato ci sono palestinesi che non vogliono far male a Israele, tanti altri di loro di certo non ci amano. Il rapimento di Gilad Shalit brucia ancora, abbiamo già pagato un alto prezzo».

E insomma. Le ragioni del cuore. Le ragioni del cervello. Il realismo dei capi. La realtà dei sottoposti. Nel mezzo una festa. Un gruppo di soldati. Decine di giovani. Musica ad alto volume. E la voglia – matta, disperata, naturale – di divertirsi per qualche minuto. Prima che la vita di tutti i giorni prenda il sopravvento. Prima che si alzi il sole. Prima che inizi un giorno, l’ennesimo, di giri per le strade. Di controlli. Di fucili pronti a sparare. Di pericoli dietro ogni angolo. Di muri e barriere da sorvegliare. Di polvere da rimuovere dalla faccia. Di vento caldo, soffocante, da sopportare. In attesa che tutto questo finisca. Se mai finirà.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard
attualità

Dietro le quinte di “Rock the Casbah”, il video che spopola sulla rete

È il tempo dei testimoni. Di quelli che possono raccontare tutti i retroscena di un video che ha imbarazzato l’esercito israeliano, ma che sta divertendo il mondo. Perché i sei militari-ballerini di “Rock the Casbah” avranno pure fatto arrabbiare i vertici dell’Idf, ma solo sul canale YouTube di Falafel Cafè il video è stato visto da oltre 200mila persone.

Così il quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth è tornato a Hebron. È andato alla ricerca di testimoni. E li ha trovati. «Erano le 4,30 del pomeriggio quando abbiamo iniziato a sentire una musica a tutto volume venire poco fuori casa nostra», racconta Naoul Sultan, un’abitante di Hebron.

«Ci siamo precipitate a vedere cosa stava succedendo e abbiamo visto un gruppo di soldati ballare lungo Jabel Rahma Street e cantare a squarciagola una canzone (“Tik tok” della cantante americana Ke$ha, nda) che né io, né mia figlia avevamo mai sentito».

Rivedi il video dei soldati israeliani

«Sembrava un gruppo di ballerini in uniforme», aggiunge Rima, figlia 15enne di Naoul Sultan. «Ho iniziato a ridere, ma poi ho smesso perché il tutto era davvero poco divertente e molto ridicolo». A pochi metri dalla loro finestra c’era un altro soldato che stava riprendendo la scena.

Non è la prima volta che i soldati israeliani realizzano performance canore. «È successo anche in passato – svela Rima –. A volte lo fanno quando il muezzin dal minareto invita alla preghiera: loro ascoltano qualche parola, la imitano e poi si mettono a ridere».

«Ormai fanno parte di Hebron – continua Rima –. Anche se devo ammettere che qualche volta ci fanno divertire: per esempio, quando i ragazzini giocano a calcio in mezzo alla strada, spesso i soldati si mettono a giocare con loro».

Sul fronte disciplinare, dopo aver annunciato di aver aperto un’inchiesta interna per individuare – e punire – i responsabili del video, i vertici dell’Idf avrebbero fatto parziale marcia indietro. A spingerli a questo passo i commenti – più che positivi, al netto degli anti-israeliani – che negli ultimi giorni hanno ridato ai soldati dello Stato ebraico e allo Stato stesso una popolarità e un attestato di simpatia inattesi. E gratuiti.

La video-replica

Qualche giorno dopo, in risposta al video dei militari, è stato postato su YouTube un altro file: dura pochi secondi e si vedono alcuni attivisti palestinesi ballare – sempre per le vie di Hebron – al ritmo di una canzone di Lady Gaga.

Leonard Berberi

(ultimo aggiornamento: domenica 11 luglio, ore 15,30)

Standard
attualità

Contro l’assedio su Gaza, si prepara un’altra flottiglia. Ma stavolta è composta da ebrei

Un bambino israeliano assiste all'avvicinamento della "Rachel Corrie" al porto di Ashdod, a sud di Tel Aviv (Reuters)

Un’altra flottiglia si prepara – a luglio – a partire verso Gaza. La ragione è semplice: contestare l’assedio israeliano sulla Striscia. Ma la notizia non è questa. La notizia è che a organizzare la spedizione è un’associazione ebraica.

La “Jewish voice for peace in the Middle East” (La voce ebraica per la pace nel Medio Oriente), un’organizzazione ebraico-tedesca, vuole portare il suo messaggio di pace proprio nelle acque dove, di pace, non ce n’è stata molta negli ultimi giorni.

«Vogliamo partire a luglio e abbiamo con noi una barca che può contenere fino a 16 persone, soprattutto ebree, perché Israele deve finirla con il blocco su Gaza», ha detto Kate Leitrer, un membro dell’organizzazione.

Il progetto è già pronto. «Possiamo salire in pochi – racconta la Leitrer – e per questo ci saranno soltanto oggetti per la scuola, dolci, strumenti musicali e qualche musicista in grado di insegnarli a suonare ai bambini di Gaza una volta arrivati là. I palestinesi devono sapere che gli ebrei non sono come la cultura musulmana li ha disegnati».

E sul blitz dell’Idf sulla Mavi Marmara, l’organizzatrice – di religione ebraica – non dà scampo a Gerusalemme: «Israele ha agito in modo criminale». Eppoi: «Siamo spaventati da quest’avventura. Ma non certo da Hamas».

Standard
attualità, politica

Hurriyet pubblica le immagini del blitz. Ma l’esclusiva si trasforma in boomerang

"Le lacrime del commando". E' questa la prima pagine del quotidiano turco Hurriyet che pubblica in esclusiva le immagini dei soldati dell'Idf picchiati dai pacifisti

Le foto, Israele voleva distruggerle. Perché si vedono soldati dell’Idf sanguinanti. E l’immagine di uno dei corpi dell’esercito tra i più forti al mondo non poteva essere macchiata così. Ma quando un quotidiano turco ne è venuto in possesso – recuperandoli dalla memory card di una macchina digitale che si trovava a bordo della nave assaltata, Mavi Marmara – quel tentativo di censura s’è trasformato in un aiuto inaspettato.

In copertina e nelle pagine a seguire, Hurriyet, il giornale più venduto in Turchia, pubblica una decina di foto di quella tragica alba (qui la galleria). Si vedono soldati soccombere. “Pacifisti” usare bastoni. Altri “pacifisti” dare calci o picchiare i militari dello Stato ebraico.

“Aĝlayan Komando”, “Le lacrime del commando”. Questo il titolo di prima pagina. Ma mentre l’intenzione turca era quella di ridicolizzare le truppe israeliane, la pubblicazione ha finito con il confermare la versione dell’Idf sul raid del 31 maggio.

Perché le foto mostrano un soldato sdraiato a terra che tenta di difendere il volto. È circondato da almeno sei persone. Poi c’è un altro soldato che, sanguinante, viene trascinato giù per le scale. In un’altra foto ancora si vedono due attivisti-pacifisti che aspettano gl’israeliani dietro a una porta armati di sbarre di ferro.

«Questa è una chiara prova delle ripetute affermazioni israeliane che la nave trasportava mercenari, il cui solo scopo era uccidere i soldati», ha detto un portavoce dell’esercito dello Stato ebraico. «Le immagini sarebbero state diverse se i soldati avessero scelto di sparare ad ogni civile che si avvicinava. Grazie alla loro forza e alla loro profonda comprensione degli eventi i membri del commando della marina hanno saputo distinguere fra attivisti per la pace e terroristi».

Standard
attualità, politica

Israele discute sull’inchiesta. Ma l’esecutivo Netanyahu rischia l’implosione

Il primo ministro israeliano Netanyahu alla prima conferenza stampa dopo l'incidente alla nave dei pacifisti (foto di Amit Shabi)

L’inchiesta. È su questa parola che si stanno concentrando i media e i politici israeliani. Perché l’organizzazione dell’indagine, di chi dovrà accertare la verità e di chi dovrà entrare in possesso di report delicatissimi per la sicurezza dello Stato ebraico non sono aspetti di secondo piano.

Israele teme un Goldstone-bis, un altro dossier – dopo quello, della commissione Goldstone, appunto, sull’operazione “Piombo Fuso” su Gaza – dove si accusa Gerusalemme di aver violato le regole internazionali.

Su questo punto, gl’israeliani sono stati molto chiari con l’alleato americano: “non intendiamo dare l’ok al sequel del gruppo Goldstone”. Ed è qui che gli Usa, insieme a Italia e Olanda, hanno dato parere negativo all’Onu sull’avvio dei lavori d’inchiesta sotto la guida di osservatorio internazionali. Un no americano che, però, teneva conto della promessa: alla commissione d’inchiesta israeliana sarà affiancato un pool di esperti statunitensi.

Ma i problemi restano comunque sul tavolo. Perché l’Idf, l’esercito israeliano, esporrebbe malvolentieri la sua versione dei fatti sul blitz alla nave dei pacifisti. Il ricordo di una commissione simile, sui fatti di Jenin nel 2002, è ancora vivo: allora il corpo militare toccò il punto più basso di popolarità dopo che non era riuscita a giustificare le violenze in territorio palestinese.

Alcuni analisti fanno però notare che, a sorpresa, il governo Netanyahu potrebbe dare l’ok alla commissione internazionale. E la ragione sarebbe semplice: un dossier negativo del gruppo indipendente straniero non avrebbe conseguenze politiche immediate. Cosa che succederebbe con una commissione interna, forte a tal punto da chiedere le dimissioni dell’esecutivo.

Intanto Benjamin Netanyahu deve evitare che la sua coalizione imploda. Nelle ultime ore, è scoppiata una crisi seria tra il ministro della Difesa Ehud Barak (laburista) e il collega degli Esteri, Avigdor Lieberman (Israel Beitenu, ultradestra). Dopo le parole di un ministro del partito di Lieberman che chiedeva le dimissioni di Barak, oggi quest’ultimo ha pubblicamente denunciato che gli attacchi e le critiche della comunità internazionale a Israele sono il risultato di una politica di pubbliche relazioni fallimentare da parte del ministero degli Esteri.

I QUOTIDIANI. Il progressista Haaretz aumenta la pressione sul governo. Attraverso gli articoli e i commenti denuncia le violenze e l’incapacità dell’esecutivo Netanyahu di gestire situazioni delicate. Ha scritto Ari Shavit su Haaretz: «Invece di spingere palestinesi, siriani e turchi contro l’Iran, Netanyahu li sta portando dalla loro parte. Invece di portare europei e americane a sostenere le nostre ragioni, il primo ministro ce li sta mettendo contro». Un commento che segue quello ufficiale del quotidiano: «Il nostro esecutivo si sta comportando come un robot privo di giudizio e impostato su un percorso predeterminato».

Standard
attualità

Israele, tensione alta e guerra mediatica

Sono due giorni che sulle più importanti emittenti tv israeliane passano in continuazione i video resi pubblici dall’Idf, le forze armate di Gerusalemme. Video che riguardano la flottiglia della pace attaccata.

La sensazione, per le strade di Tel Aviv e quelle di Gerusalemme, è che gl’israeliani si siano convinti della versione dell’esercito. Lo dimostrano le manifestazioni nelle piazze delle città più importanti, ma anche negli insediamenti in Cisgiordania. Insomma, dagl’israeliani arriva un appoggio incondizionato. Ai marine. Ma anche al governo. Che, in questo momento, sembra godere di picchi di popolarità mai raggiunti dalle elezioni a questa parte.

Il video di un pacifista: manovre di disturbo

Ma è un appoggio mediatico. Perché i video lasciano sul campo tutta una serie di interrogativi. Che i giornalisti cercano di decifrare, ma ricevendo dai vertici militari – e politici – solo sorrisi di circostanza e risposte evasive. Quarantotto ore di video che hanno cancellato qualsiasi domanda sull’operazione che ha provocato nove morti e decine di feriti.

Non sappiamo nulla sulla modalità d’attacco alla Mavi Marmara. Se non quello che abbiamo visto nei video diffusi dall’Idf: soldati che scendono sulla nave e vengono bastonati o presi a calci e pugni. Soprattutto: non sappiamo i nomi e le nazionalità delle vittime (aggiornamento delle 11.00: si tratterebbe di otto cittadini turchi e un turco-americano). Non sappiamo dove siano state uccise, quando, come. Ignoriamo se le nove persone uccise siano morte sul colpo o nonostante un’adeguata assistenza medica.

Capitolo a parte meriterebbero i video registrati dalle telecamere di sicurezza interne alla nave. Tutto questo materiale è stato sequestrato dall’esercito israeliano. Sulle tv israeliane non c’è traccia dei video realizzati dai pacifisti che si trovavano a bordo quando c’è stato il blitz.

Lo scontro al parlamento israeliano

La tensione resta molto alta nelle zone ad alta densità musulmana. Clima teso a Jaffa, a sud di Tel Aviv, così come a Haifa, Gerusalemme Est e Nazareth, Umm al-Fahm. Sorveglianza e controlli rafforzati nei luoghi pubblici affollati: le stazioni dei pullman, i centri commerciali, alcune scuole.

In serata, dal Knesset, il parlamento israeliano, uno scontro tra deputati arabi e della destra israeliana (video sopra) non ha contribuito a rasserenare il clima nel Paese.

Standard