attualità

Le dimensioni non contano

L'home page della campagna promozionale su Israele

Scena numero uno: due giovani a letto con la ragazza che guarda verso le parti intime del ragazzo. Inizia a fare delle facce e a dire: “E’ troppo piccolo!”. Scena numero due: il ragazzo non la prende bene e replica. “Sarà pure piccolo, ma te l’assicuro che è un piccolo angolo di Paradiso”, dice. Scena numero tre: stacco sulla cartina d’Israele e una scritta. “Size doesn’t matter”, le dimensioni non contano, appunto.

In cinquanta secondi di promo, le comunità ebraiche canadesi hanno deciso di sponsorizzare così il turismo verso Israele. Mettendo su una vera campagna che ha come titolo principale proprio “Size doesn’t matter”.

Ma non sono mancate le polemiche. Richard Silverstein, blogger ebreo: “La pubblicità non tiene conto della complessità e della ricchezza d’Israele”. Neal Ungerleider, scrittore statunitense: “Promo che fa ridere, ma manca completamente l’obiettivo principale che è quello di incentivare a visitare il Paese. Eppoi – rincara – in ogni studio pubblicitario ti dicono che accostare uno stato ai genitali non è che sia proprio il massimo”.

Standard