attualità

E in Turchia arriva “il primo sex shop online” per i musulmani

L'home page del sex shop aperto in Turchia (foto Falafel Cafè)

L’home page del sex shop aperto in Turchia (foto Falafel Cafè)

Dentro al catalogo c’è molto materiale. Dalle erbe ai profumi. Dai lubrificanti ai giocattoli erotici. Mancano i vibratori, «ma solo perché quelli la religione ce li vieta». C’è però il «decalogo» per il buon sesso. Sesso halal, s’intende. Perché Haluk Murat Demirel, turco di 38 anni, ha aperto quello che dice di essere il primo sex shop in un Paese musulmano.

Se non è un tabù infranto poco ci manca. E Dio sa quanto tutto questo durerà man mano che la voce arriverà lassù, alle autorità religiose. Ma Demirel non sembra preoccuparsene. Anzi, racconta che l’idea gli è venuta dopo che decine di amici si lamentavano di non avere un posto dove ricevere consigli sessuali e comprarsi essenze e oggetti che non si trovassero in posti così espliciti come i tradizionali sex shop.

Quindi ecco l’idea. Ecco un sex shop online. Ma senza le immagini di donne e uomini nudi dalle pagine virtuali. Sito che, a vederlo, a sfogliarlo, a passare da un link all’altro, sembra tutto tranne che lo spazio su Internet di un negozio che vende oggettistica sessuale. E sarà anche per questo che, canta vittoria Demirel, il sito web – lanciato martedì 15 ottobre – «ha già avuto un picco la scorsa domenica, con 33 mila utenti unici in ventiquattr’ore». L’idea di Demirel arriva due anni dopo l’iniziativa di un ebreo americano che s’è aperto il suo sito di sesso “kosher”.

Una sola domanda: durerà? E qui l’interrogativo è riferito all’avventura imprenditoriale in terra musulmana, mica alle prestazioni sotto alle lenzuola. È presto per dirlo.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard
attualità

Ecco Koshersextoys, il negozio erotico a prova di religione (ebraica)

Dentro il negozio elettronico c’è un po’ di tutto. Lubrificanti, attrezzi per feticisti, vibratori. Nulla di particolare, a dire il vero. Del resto è un sexy shop virtuale, con prodotti reali a prezzi di mercato. Quello che colpisce, però, è la clientela a cui si rivolge: gli ebrei ortodossi americani. Pubblico che, prima di ogni cosa, ha bisogno di avere a che fare con materiale “kosher”, conforme quindi alle norme religiose. E che non può «rendere piccante la sua relazione» per le troppe immagini a luci rosse presenti nei negozi tradizionali.

È così che è nato il sito koshersextoys.net. L’ha messa in piedi Gavriel (Gabriele), un ebreo americano di 25 anni, e vende le stesse cose che si troverebbero in un normale sex shop, ma «illustrati e spiegati in modo tale da rispettare le regole dell’ebraismo», ha spiegato il ragazzo al “New York Post”. Gavriel ha poi aggiunto: «Non c’è nulla di sbagliato nell’usare un vibratore. È solo una rottura di scatole per un ebreo ortodosso trovarne uno e in un luogo “kosher”».

L’idea si è concretizzata a settembre di quest’anno ed è partita quando insieme alla moglie Gavriel ha pensato di ricorrere all’oggettistica tipica per rendere più piccante la sua relazione. «Ma non potevamo andare nei sex shop normali», racconta. «Quei negozi sono pieni di donne e uomini nudi». Ecco perché il sito koshersextoys.net ha una grafica semplice e senza nudità.

Gli affari, a poco più di un mese dall’inaugurazione, starebbero andando bene. Gli ebrei ortodossi, almeno a sentire il proprietario, pare siano pazzi delle manette ricoperte di pelliccia. «Sono in assoluto l’oggetto più venduto del momento», racconta Gavriel. All’interno del sito c’è anche la sezione in cui si può inoltrare la domanda al dottor David S. Ribner, sessuologo israeliano esperto in terapia di coppia.

L’idea, però, non è piaciuta ai religiosi. «Non vale la pena sprecare nemmeno una parola, né sul sito, né sulla persona che lo gestisce. E intendo tutto questo in senso negativo», ha commentato Isaac Abraham, leader della comunità chassidica. A cui, però, il rabbino Shmuley Boteach – autore del bestseller “Kosher Sex” – ha replicato quasi subito: «Gli ebrei ortodossi non sono persone pie a letto», ha detto Boteach. Anzi. «Una volta sposati, infatti, a loro viene insegnato di avere rapporti sessuale fenomenali, con tanto di urla e chiasso da far tremare le pareti».

Leonard Berberi

[si ringrazia per la segnalazione Goffredo d’Onofrio]

Standard