attualità

Mossad market

(foto Associated Press)

Impazza la “Mossad-mania” in Israele dopo l’uccisione dell’esponente di Hamas, Mahmoud al-Mabhouh, fatto fuori il 19 gennaio in un albergo di Dubai.

Prima le magliette, poi i boom al sito dell’agenzia d’intelligence israeliana, infine le tante candidature per diventare 007 dei servizi segreti più sofisticati – e pericolosi – del mondo. Ma non si era mai arrivati al punto da usare un omicidio – attribuito da tutto il mondo al Mossad – per trarre ispirazione per una pubblicità.

A rompere il tabù ci ha pensato una catena di supermercati. Che, visto il traino, ha deciso di girare uno spot televisivo ispirato proprio all’omicidio. Lo pubblicità della Mahsaney Kimat Hinam mostra gli attori con racchette da tennis, che indossano cappelli, occhiali e parrucche, gli stessi vestiti usati dai presunti killer del Mossad ritratti dalle immagini di sorveglianza dell’hotel dov’è stato ucciso al-Mabhouh.

Le immagini dello spot imitano le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza e mostrano gli attori mentre fanno scivolare con fare sospetto i prodotti dentro il carrello, accompagnati dagli slogan «eliminiamo i prezzi» e «offriamo prezzi killer».

“Non si tratta di uno spot di cattivo gusto”, ha detto Sefi Shaked, responsabile della pubblicità. “Certo – ha proseguito – la nostra società spera di capitalizzare l’enorme attenzione dei media sull’omicidio di Dubai”.

Standard