attualità

Ingeriscono un chilo di semi d’anguria. Due bambini finiscono in ospedale

Tiro. Gol. E giù una fetta d’anguria. Tiro. Gol. E giù un’altra fetta d’anguria. Ma i semi? Ecco, i semi se li sono scordati. E se li sono portati giù, nello stomaco, insieme alla frutta rossa. È così che, pezzo dopo pezzo, due bambini sono finiti in ospedale. Dentro il loro intestino si era depositato quasi un chilo di semi d’anguria.

Chissà dove avevano la testa tutti. Forse distratti, i piccoli, dalle partite del campionato del mondo di calcio in tv. Forse distratti, i genitori, dalle discussioni sulle sfide, dal suono delle vuvuzelas e dalle eliminazioni eccellenti.

Ospedale Rambam Medical Center di Haifa, nord d’Israele. Nell’ultima settimana due bambini, uno di 7 anni e una di 9, sono stati ricoverati per un blocco intestinale. Quando i medici hanno fatto le analisi, hanno scoperto che dentro il loro apparato digerente c’erano migliaia di semi. Semi che toccavano la cifra record di un chilogrammo. In entrambi i casi.

«Vuoi per la partita, vuoi perché i genitori non badavano troppo ai figli, questi due poveretti hanno mangiato l’anguria scordandosi di togliere i semi», ha detto il dottore che li ha avuti in cura, Itai Shavit. Che, poi, visti i due casi in pochi giorni, ha mandato a dire ai genitori: «Fate attenzione. Io non voglio insegnarvi il mestiere, ma forse dovreste spiegare ai vostri bambini come si mangia l’anguria».

Per i due poveretti un piccolo intervento e via, stomaco e intestino puliti. Ma chissà per quanto tempo non si avvicineranno all’anguria.

Annunci
Standard
attualità

Onda d’urto

La nuova tecnica israeliana potrebbe risolvere il problema degli uomini con disfunzione erettile che non traggono benefici nemmeno dal Viagra

Viagra addio. Forse. E – sempre forse – addio anche alla delusione di prendere una pillola blu che poi non fa effetto.

Arriva dal Rambam Medical Center di Haifa la soluzione per curare le disfunzioni erettili. Questo è quello che pensano i ricercatori israeliani. La nuova tecnica si basa non sull’assunzione di sostanze, ma su piccole onde d’urto “in grado di stimolare la crescita di nuovi vasi sanguigni nei genitali”. Onde, che non hanno effetti collaterali e non fanno male, che vengono indirizzate in cinque aree genitali specifiche, così da attivare il fattore di crescita dei vasi sanguigni.

I risultati promettono bene: su venti uomini che prima prendevano il Viagra, l’esperimento ha avuto successo su quindici. “Potrebbe essere la soluzione definitiva per quel 30% di uomini che pur assumendo il Viagra non hanno nessun risultato”, hanno detto i ricercatori/autori di uno studio approvato dall’International society of sexual medicine.

Standard