attualità

«Non ha la licenza in Israele», spenta la tv palestinese

Il logo di

Il logo di “Falasteen 48” (Palestina 48), l’emittente di Ramallah rivolta agli arabo-israeliani (frame da YouTube)

Una tv palestinese per gli arabo-israeliani che trasmette nello Stato ebraico grazie ai soldi di Ramallah? No, grazie. O, meglio, mai e poi mai, come sembra abbia detto pochi giorni fa il premier Benjamin Netanyahu. Irritato, raccontano, quando gli hanno fatto vedere qualche secondo di F48, la tv generalista nuova di zecca il cui nome per esteso è «Falastine 48», Palestina 48. E dove quel numero – il 48, appunto – non è altro che l’anno della Naqba, della «catastrofe», con la fuga di centinaia di migliaia di palestinesi, dopo il primo conflitto arabo-israeliano, da città e villaggi che poi diventarono parte dello Stato d’Israele.

E così, a pochi giorni dal lancio ufficiale, l’emittente nuova di zecca finanziata dall’Autorità nazionale palestinese non potrà trasmettere nel territorio israeliano. Per almeno sei mesi. «La tv non ha le autorizzazioni per essere mandata in onda nel nostro Stato», ha spiegato Gilad Erdan, ministro della Sicurezza pubblica. F48 deve chiudere, insomma. E gli arabo-israeliani, che da diverse ore si stavano sintonizzando sul canale, dovranno farne a meno.

Un momento della registrazione di un programma di

Un momento della registrazione di un programma di “F48” a Nazareth, città israeliana a maggioranza araba (foto da Haaretz)

«Non permetteremo a nessuno di danneggiare la sovranità nazionale», ha continuato ancora Erdan. «Non permetteremo a Ramallah di mettere piede nel nostro Paese». A far arrabbiare gl’israeliani, dicono i bene informati, non è stato tanto il nome. Quanto la programmazione. Approfondimenti culturali, ampio spazio alla musica araba, dibattiti sulla società. Tutti dal punto di vista palestinese. Tutti rivolti soltanto agli arabi d’Israele, 1,6 milioni di persone con passaporto dello Stato ebraico, anche se più di qualcuno si identifica con Ramallah.

Un lavoro abbastanza farraginoso quello di F48. Inizio delle trasmissioni il 18 giugno scorso – all’avvio del Ramadan –, video registrati a Nazareth e in altre località d’Israele a maggioranza araba. Poi cassette e file portati a Ramallah, il cuore politico palestinese, in Cisgiordania. Quindi la messa in onda – rivolta agli arabo-israeliani – attraverso il satellite e le frequenze già occupate da Palsat, la Palestinian satellite television.

Un programma serale di

Un programma serale di “F48”: ospite principale della serata è Mohammed Assaf (il terzo da destra, nella foto sopra), il cantante palestinese che ha vinto la seconda edizione di “Arab Idol” (frame da YouTube)

«La decisione del governo Netanyahu è assolutamente illegale», ha denunciato Riad Hassan, capo della Palestiniana Broadcasting Corporation, l’ente che decide su tv e radio in Cisgiordania per conto dell’Anp. «Porteremo il caso alla Corte Suprema». E ha ripetuto quello che aveva già detto il 17 giugno, il giorno della presentazione della tv: «Con F48 vogliamo dare voce agli arabi del 1948 perché loro possano raccontare agli arabi di tutto il mondo come vivono e cosa sopportano ogni giorno – dal punto di vista sociale, culturale ed economico – in Israele».

© Leonard Berberi

Annunci
Standard
attualità

VIDEO CHOC / Siria, profughi palestinesi contro i loro vertici: 14 morti

I quattro ragazzi si nascondono dietro a un cassonetto dell’immondizia. Più che nascondersi, in realtà, cercano di proteggersi. Dai colpi di fucile. Dalla rabbia di chi impugna quelle armi. E da un territorio ormai sfuggito a qualsiasi controllo. Solo che ad un certo punto i proiettili arrivano verso di loro. Ma dall’altra parte. Dalle loro spalle. I primi colpi vanno a vuoto.

Standard
attualità

Golan, scontri e vittime sul confine israelo-siriano

Cambia – di poco – il nome, restano i morti. Anzi: si aggiungono. Un’altra domenica di sangue ha segnato questa primavera mediorientale. Nell’anniversario della “Naqsa” – la sconfitta degli eserciti arabi nella “Guerra dei sei giorni” del 1967 – dimostranti siriani e palestinesi si sono lanciati all’assalto dei reticolati di frontiera presidiati dall’esercito israeliano sulle alture occupate del Golan, nel nord-est dello Stato ebraico.

Standard
attualità

Un nuovo appello invita i palestinesi a invadere Israele

Naqba 2 – La vendetta. O, se volete, il ritorno. Tanto il senso è lo stesso: i giovani palestinesi che vivono nei paesi che confinano con Israele non mollano. Invitano tutti i loro coetanei e il mondo arabo a fare pressione – fisica – sulle frontiere ebraiche. E, perché no, a entrare proprio sul suolo israeliano. (continua…)

Standard
attualità

Giorno del disastro, i video dell'”invasione” palestinese

Eccolo qui l’assalto dei confini israeliani nell’Altura del Golan. Il video – di poco meno di dieci minuti – l’hanno girato i ragazzi del sito baladee.net e mostra migliaia di palestinesi e siriani mentre superano le recinzioni e il filo spinato che delimita i due paesi.

Dalla parte israeliana – dove vengono fatte anche le riprese – sono in molti a chiedere di tornare indietro perché c’è il pericolo di incrociare qualche mina anti-uomo, ma nessuno se ne preoccupa. (continua…)

Standard