attualità

Lettera da Tel Aviv / “Noi, i tanti ‘pacifinti’ e la stupidità umana”

di NADIA ELLIS / Tel Aviv

Basiamoci sui fatti: 6 navi dichiarate “pacifiste” si sono presentate al largo di Gaza qualche giorno fa, cercando di violare il blocco di sicurezza marittimo imposto da Israele. Cinque di queste avevano a cuore di passare degli aiuti umanitari a Gaza: e cosi e’ stato. Non ci sono stati ne’ scontri ne’ morti, e gli aiuti sono stati consegnati a Gaza (via terra) come voluto dai Pacifisti, e come offerto da Israele. Ma Hamas non li ha accettati, perché non ha affatto a cuore il benestare della popolazione palestinese.

Una di queste navi, invece, ospitava dei cosiddetti “Pacifinti”: delle persone che avevano a cuore solo la rottura del blocco marittimo stesso, e che hanno barbaramente aggredito dei soldati che, nel rispetto del diritto internazionale, si calavano a bordo della Mavi Marmara per bloccarne l’accesso nel mare di Gaza. Pacifinti che avevano come unico scopo quello di riportare Israele sulla bocca di tutti, naturalmente nel ruolo dell’assassino. Sui nove morti, poi, mi sembra inutile specificare che anche gli Israeliani, come tutto il mondo, ne sono dispiaciuti.

Questa è decisamente una settimana in cui si gioca a battaglia navale sui giornali del mondo. Come ci sentiamo, qui in Israele? Non abbiamo paura di girare per strada, o meglio non ne abbiamo ne’ piu’ ne’ meno di prima. Anche perche’, un occhio sulle persone che entrano, quando sei seduto in un bar di Tel Aviv o Gerusalemme, ce lo butti sempre. Non sia mai che…

Siamo arrabbiati? Un po’. Anzi, tanto. Siamo arrabbiati con il nostro governo, tanto per cominciare: perche’ avrebbe dovuto fermare in altro modo quelle navi. L’operazione dell’IDF ci pare un bel fallimento, soprattutto mediatico. Non pensiamo che Israele non avesse il diritto di andare a fermare Mavi Marmara & co., ne’ facciamo finta di credere (come troppa gente nel mondo) che a bordo di quella nave ci fossero dei poveri pacifisti inermi. Al contrario. Israele ha agito nel pieno rispetto del Diritto Marittimo Internazionale e ha provato a difendersi come qualsiasi stato ha il dovere, e il diritto, di fare.  Ma Israele non doveva cadere nella trappola cosi facilmente, e invece cio’ e’ accaduto. E gli organizzatori turchi della Flotilla hanno raggiunto il loro scopo: delegittimare Israele.

Per questa ragione siamo anche arrabbiati con il mondo: arrabbiati neri. Ancora, di nuovo, un accanimento senza senso. Tre giorni fa, prima ancora che si sapesse la versione di Israele, il mondo intero ne condannava le azioni. E perbacco! Il governo ci ha messo tanto (forse troppo) a farvi sapere che cosa e’ accaduto ai nostri soldati. Ma voi? Che fretta avete – di nuovo, ancora, un’altra volta, daccapo, uff! – di condannarci senza che l’imputato sia nemmeno arrivato al processo? E adesso che circolano video inconfutabili sugli eventi, perche’ nessuno ritratta le proprie posizioni anti-Israeliane delle prime ore?

Tristezza. Questo e’ il sentimento che prevale. Siamo tristi e stanchi. Perché anche Israele e’ un paese fatto di uomini. Di uomini, di donne, di bambini, di cani, gatti, pappagalli. Di pesciolini rossi, di criceti, di sole e di mare, di spiaggia. E di sangue. Sangue, troppo sangue, sangue che non vogliamo e non abbiamo mai voluto.

Il mondo crede che gli Israeliani si dilettano di questo ruolo di assassini che e’ stato loro (falsamente) conferito dalla stampa e dall’opinione internazionale negli anni. Ma la realta’ e’ un’altra. Qui in Israele ci sono solo donne, uomini, bambini, cani gatti e pappagalli che vorrebbero svegliarsi la mattina e uscire di casa senza aver paura di incrociare un kamikaze. Gente che vorrebbe una vita normale, come la vostra. E che da sessant’anni lavora per regalare questa vita anche agli stessi palestinesi che intanto intonano canti per la “morte del Regime Sionista”.

Siamo tristi perche’ gli uomini del mondo, esattamente come noi, non vogliono vedere la nostra umanita’. Il procedimento mi sembra lo stesso di settant’anni fa: demonizzare il nemico, anche se non e’ veramente un nemico. Perche’ un nemico ci vuole sempre, per poter sfogare i propri peggiori istinti. E questo e’ esattamente quello che fanno in tanti con Israele (Hamas in prima linea).

Ecco perche’ siamo stanchi. Quanto ancora andra’ avanti, questa farsa contro Israele? Quante altre risoluzioni passera’ l’ONU, quante altre condanne a questo Paese, mentre eccidi e genocidi veri sono perpetrati in varie parti del mondo, con il silenzio delle Nazioni “Unite”? Quanti altri articoli di giornale gonfieranno il numero di morti di uno scontro armato con Israele, per scrivere diciannove e poi scendere a nove (ma nove fa meno notizia)? Quante altre bugie saranno scritte su Israele, prima di essere smentite da tonnellate di documenti che sono reperibili ovunque, ma pubblicizzati da nessuno? (basti pensare alla presunta crisi umanitaria di Gaza). Quanti altri titoloni falsi, smentiti negli articoli stessi, solo per vendere qualche copia in più?

Alcune persone che vivono in Europa mi chiedono: ma secondo te, il mondo e’ tutto impazzito? Se la prendono cosi con Israele senza motivo? A queste persone io rispondo: quando i fratelli di mio nonno furono accompagnati nelle camere a gas di Auschwitz, qual era esattamente “la ragione”? Perche’ insomma, se tutta l’Europa partecipo’ allo sterminio di sei milioni di ebrei… “non credi che ci sia una ragione”?

No, non c’e’ una ragione: e’ solo che il mondo e’ fatto di uomini. Piccoli, deboli, insensibili, pazzi uomini. La malvagita’ umana non ha limiti, e la stupidita’ ancora di meno. Come diceva Einstein: solo due cose sono infinite, l’Universo e la stupidità umana, anche se sul primo nutro dei dubbi.

Israele non e’ perfetto. Israele non ha sempre ragione. Perche’ anche in Israele ci sono degli uomini. In Israele a volte si fanno cose stupide, come in tutto il resto del mondo. Israele ha fatto bene a bloccare la Mavi Marmara, anche se l’ha fatto in modo stupido (a mio umile avviso). Ma il linciaggio mediatico che ne e’ seguito e’ totalmente sproporzionato ed e’ figlio di una lunga, lunghissima tradizione di demonizzazione dello Stato Ebraico.

Sono tre giorni che vivo incollata ad internet e televisione. Nelle strade di Tel Aviv, in queste ore, si vede gente triste e stanca. Ma come in ogni momento di difficolta’ di questo Paese meraviglioso, si respira molta energia. E’ l’energia di quelli che, come me e come la maggioranza degli israeliani, non si danno per vinti. Un giorno ce la faremo ad avere la Pace! E a vivere senza l’incubo di leggere i titoli dei giornali stranieri.

Nadia Ellis è nata e cresciuta in Italia. Ha vissuto, studiato e lavorato a Parigi
per sei anni prima di trasferirsi, nel 2008, a Tel Aviv. “Alla soglia dei miei
30 anni – racconta -, non c’e’ nessun altro posto al mondo in cui vorrei essere”

Standard