attualità

Auto sportive e corsi di velocità per le donne palestinesi

(foto Afp)

Se non altro ha il merito di riportare a galla la difficile condizione femminile in Palestina. Certo, l’iniziativa è particolare. Perché le gare automobilistiche, in mezzo a una delle aree più tese degli ultimi decenni, sembrano più un viaggio onirico alla David Lynch piuttosto che un evento concreto.

E comunque. Il consolato britannico di Ramallah ha dato inizio a un progetto “per consentire alle giovani donne di praticare attività di motosport”. Siano essi rally o ciclocross. E ha fornito anche tutto l’abbigliamento necessario. Così alcune giovani palestinesi hanno preso parte alle competizioni automobilistiche in diverse località della West Bank: Jenin, Nablus, Ramallah, Betlemme e Gerico.

(foto Afp)

Le foto fornite dagli inviati dell’Afp (ne riportiamo soltanto due) sono molto particolari. Con gli uomini che guardano dietro le transenne e le donne assolute protagoniste. Certo, una parola veloce sulle auto: più che vere macchine da competizione, sembrano – in particolare la Bmw in alto – veicoli sequestrati (o presi in prestito) alla malavita locale.

“Il nostro obiettivo è incoraggiare la componente femminile della società a prendere parte alle attività sportive in generale, in particolare nelle competizioni automobilistiche”, hanno fatto sapere dal consolato britannico.

La stessa autorità governativa fa sapere che presto inizieranno dei veri e propri corsi di guida competitiva. Corsi tenuti da campioni inglesi della specialità. Certo, sarà dura trovare gli “allievi”. Nella competizione di Jenin si sono presentate soltanto quattro donne.

Standard