attualità

WikiLeaks press release / Pubbliche 5 milioni di email del sito di analisi e intelligence “Stratfor”

LONDON -Today WikiLeaks began publishing The Global Intelligence Files – more than five million emails from the Texas-headquartered “global intelligence” company Stratfor. The emails date from between July 2004 and late December 2011.
They reveal the inner workings of a company that fronts as an intelligence publisher, but provides confidential intelligence services to large corporations, such as Bhopal’s Dow Chemical Co., Lockheed Martin, Northrop Grumman, Raytheon and government agencies, including the US Department of Homeland Security, the US Marines and the US Defense Intelligence Agency. The emails show Stratfor’s web of informers, pay-off structure, payment-laundering techniques and psychological methods, for example:
  1. “[Y]ou have to take control of him. Control means financial, sexual or psychological control… This is intended to start our conversation on your next phase” – CEO George Friedman to Stratfor analyst Reva Bhalla on 6 December 2011, on how to exploit an Israeli intelligence informant providing information on the medical condition of the President of Venezuala, Hugo Chavez.
  2. The material contains privileged information about the US government’s attacks against Julian Assange and WikiLeaks and Stratfor’s own attempts to subvert WikiLeaks. There are more than 4,000 emails mentioning WikiLeaks or Julian Assange. The emails also expose the revolving door that operates in private intelligence companies in the United States. Government and diplomatic sources from around the world give Stratfor advance knowledge of global politics and events in exchange for money. The Global Intelligence Files exposes how Stratfor has recruited a global network of informants who are paid via Swiss banks accounts and pre-paid credit cards. Stratfor has a mix of covert and overt informants, which includes government employees, embassy staff and journalists around the world.
  3. The material shows how a private intelligence agency works, and how they target individuals for their corporate and government clients. For example, Stratfor monitored and analysed the online activities of Bhopal activists, including the “Yes Men”, for the US chemical giant Dow Chemical. The activists seek redress for the 1984 Dow Chemical/Union Carbide gas disaster in Bhopal, India. The disaster led to thousands of deaths, injuries in more than half a million people, and lasting environmental damage.
  4. Stratfor has realised that its routine use of secret cash bribes to get information from insiders is risky. In August 2011, Stratfor CEO George Friedman confidentially told his employees: “We are retaining a law firm to create a policy for Stratfor on the Foreign Corrupt Practices Act. I don’t plan to do the perp walk and I don’t want anyone here doing it either.”
  5. Stratfor’s use of insiders for intelligence soon turned into a money-making scheme of questionable legality. The emails show that in 2009 then-Goldman Sachs Managing Director Shea Morenz and Stratfor CEO George Friedman hatched an idea to “utilise the intelligence” it was pulling in from its insider network to start up a captive strategic investment fund. CEO George Friedman explained in a confidential August 2011 document, marked DO NOT SHARE OR DISCUSS: “What StratCap will do is use our Stratfor’s intelligence and analysis to trade in a range of geopolitical instruments, particularly government bonds, currencies and the like”. The emails show that in 2011 Goldman Sach’s Morenz invested “substantially” more than $4million and joined Stratfor’s board of directors. Throughout 2011, a complex offshore share structure extending as far as South Africa was erected, designed to make StratCap appear to be legally independent. But, confidentially, Friedman told StratFor staff: “Do not think of StratCap as an outside organisation. It will be integral… It will be useful to you if, for the sake of convenience, you think of it as another aspect of Stratfor and Shea as another executive in Stratfor… we are already working on mock portfolios and trades”. StratCap is due to launch in 2012.
  6. The Stratfor emails reveal a company that cultivates close ties with US government agencies and employs former US government staff. It is preparing the 3-year Forecast for the Commandant of the US Marine Corps, and it trains US marines and “other government intelligence agencies” in “becoming government Stratfors”. Stratfor’s Vice-President for Intelligence, Fred Burton, was formerly a special agent with the US State Department’s Diplomatic Security Service and was their Deputy Chief of the counterterrorism division. Despite the governmental ties, Stratfor and similar companies operate in complete secrecy with no political oversight or accountability. Stratfor claims that it operates “without ideology, agenda or national bias”, yet the emails reveal private intelligence staff who align themselves closely with US government policies and channel tips to the Mossad – including through an information mule in the Israeli newspaper Haaretz, Yossi Melman, who conspired with Guardian journalist David Leigh to secretly, and in violation of WikiLeaks’ contract with the Guardian, move WikiLeaks US diplomatic cables to Israel.
  7. Ironically, considering the present circumstances, Stratfor was trying to get into what it called the leak-focused “gravy train” that sprung up after WikiLeaks’ Afghanistan disclosures:
  8. “[Is it] possible for us to get some of that ‘leak-focused’ gravy train? This is an obvious fear sale, so that’s a good thing. And we have something to offer that the IT security companies don’t, mainly our focus on counter-intelligence and surveillance that Fred and Stick know better than anyone on the planet… Could we develop some ideas and procedures on the idea of ´leak-focused’ network security that focuses on preventing one’s own employees from leaking sensitive information… In fact, I’m not so sure this is an IT problem that requires an IT solution.”
  9. Like WikiLeaks’ diplomatic cables, much of the significance of the emails will be revealed over the coming weeks, as our coalition and the public search through them and discover connections. Readers will find that whereas large numbers of Stratfor’s subscribers and clients work in the US military and intelligence agencies, Stratfor gave a complimentary membership to the controversial Pakistan general Hamid Gul, former head of Pakistan’s ISI intelligence service, who, according to US diplomatic cables, planned an IED attack on international forces in Afghanistan in 2006. Readers will discover Stratfor’s internal email classification system that codes correspondence according to categories such as ‘alpha’, ‘tactical’ and ‘secure’. The correspondence also contains code names for people of particular interest such as ‘Izzies’ (members of Hezbollah), or ‘Adogg’ (Mahmoud Ahmedinejad).
  10. Stratfor did secret deals with dozens of media organisations and journalists – from Reuters to the Kiev Post. The list of Stratfor’s “Confederation Partners”, whom Stratfor internally referred to as its “Confed Fuck House” are included in the release. While it is acceptable for journalists to swap information or be paid by other media organisations, because Stratfor is a private intelligence organisation that services governments and private clients these relationships are corrupt or corrupting.
  11. WikiLeaks has also obtained Stratfor’s list of informants and, in many cases, records of its payoffs, including $1,200 a month paid to the informant “Geronimo” , handled by Stratfor’s Former State Department agent Fred Burton.
  12. WikiLeaks has built an investigative partnership with more than 25 media organisations and activists to inform the public about this huge body of documents. The organisations were provided access to a sophisticated investigative database developed by WikiLeaks and together with WikiLeaks are conducting journalistic evaluations of these emails. Important revelations discovered using this system will appear in the media in the coming weeks, together with the gradual release of the source documents.
Annunci
Standard
attualità

Niente sms, niente web, niente Facebook. Ecco il primo cellulare “kosher”

Un telefonino “kosher” mancava ancora. Un cellulare, insomma, con melodie hassidiche a far da suoneria e un menu in lingua yiddish.

Qualche compagnia ci aveva provato vendendo prodotti con il blocco delle caselle e-mail e dei profili Facebook. Ma non aveva convinto più di tanto gli ultraortodossi. (continua…)

Standard
tecnologia

Da Tom Cruise all’albero genealogico. Le dieci innovazioni (israeliane) che hanno cambiato il web

Ofer Adler deve ringraziare Tom Cruise. E il film “Mission: impossible”. In una scena, si vede l’attore mandare una mail e alla fine del testo inserisce una faccina. O meglio: un emoticon.

Da quel lontano 1996, lì, nella sala di un cinema di Tel Aviv, l’ex broker Adler – che allora aveva 26 anni – ha avuto l’idea geniale: rendere reale quella faccina vista nella pellicola. Del resto aveva cercato sul web quell’applicazione. Ma non l’aveva trovata. Così ci ha pensato su e s’è chiesto: perché non poteva farlo lui?

E così è stato. Dopo quattordici anni, Incredimail è uno dei marchi più famosi al mondo. Le sue applicazioni sono state scaricate più di 80 milioni di volte e in cento paesi. Insieme, è cambiato anche il modo di usare la posta elettronica. Non più il testo grigio e formale. Ma faccine divertenti e animazioni coinvolgenti. Poi è venuta la partnership con Google – dal luglio 2008 – e la società ha affrontato meglio di tutte la crisi: solo nel primo quadrimestre di quest’anno ha fatturato 7 milioni di dollari.

È solo uno degli esempi di successo di start-up israeliane. Perché per avere un’idea di quante ce ne sono nello Stato ebraico basta immettersi nella strada che da Tel Aviv porta ad Haifa, nel nord del paese. Le insegne, decine, stanno tutte ai bordi della strada. E ti accompagnano per chilometri. Negli anni quelle insegne sono aumentate. Fatti i conti, in pochi chilometri ce ne sono più di tremila. E sono quasi tutte start-up. Se poi si calcola che nel 2009, 447 società di high tech israeliane hanno fatturato circa 1,12 miliardi di dollari, non è riduttivo scrivere che sta venendo fuori un’altra Silicon Valley.

Migliaia di israeliani stanno contribuendo a cambiare il web. E lo fanno con pochi soldi e molta determinazione. Eccovi la top ten delle società high tech con la stella di Davide.

1. Answers.com

È stata lanciata nel gennaio del 2005. Tu fai la domanda e lui ti cerca le risposte più accreditate. In seguito è stata rinonimata “WikiAnswers” e negli Usa, nel 2009, è stata classificata come il secondo sito con più margini di crescita dopo Facebook.

2. MediaMind (ex EyeBlaster)

Un sistema web che permette di ottimizzare Internet ad uso e consumo di chi intende far pubblicità. Nel 2009, MediaMind ha curato la pubblicità online di più di 8.500 marchi in 55 paesi del mondo. Nei prossimi mesi intende quotarsi nel Nasdaq.

3. IncrediMail

Faccine, utility per il pc e software per la posta elettronica. Sono le armi vincenti di IncrediMail. Con una storia di cui abbiamo già scritto sopra.

4. iMedix

È un motore di ricerca globale dedicato soltanto alle questioni che riguardano la salute e la sanità. Mette insieme le informazioni medico-scientifiche basandosi anche sulle esperienze dei pazienti. È stata fondata nel 2007.

5. Outbrain

Ha iniziato a funzionare nel 2006 come un motore di ricerca dei blog da leggere. I blogger possono prendere questo widget e inserirlo alla fine di ogni post. Così da permettere ai lettori di dare un giudizio. Un ottimo strumento per districarsi nella giungla dei blog.

6. Kaltura

Fondata nel 2006, ma lanciata nel 2007, è la prima piattaforma online di video open source. Una sorta di Wikipedia dei video che offre la possibilità di ottimizzare i propri video. Ad oggi, più di 60mila web-publisher usano la tecnologia Kaltura. A partire da marchi quali Pepsi, Pbs, Sony Music.

7. Face.com

Fondata nel 2007, si tratta di una tecnologia di riconoscimento facciale che analizza e identifica le persone presenti in una foto caricata. È stata messa a disposizione come applicazione di Facebook nel 2009 e permette di taggare le foto in cui si trova un utente tra le tante sparse tra gli album degli amici virtuali.

8. MyHeritage

È un social network per le famiglie. Fondato nel 2003, aiuta gli internauti a costruire il proprio albero genealogico sulla base della condivisione globale delle informazioni. Ad oggi, MyHeritage conta 540 milioni di profili registrati e 47 milioni di utenti attivi.

9. FixYa

È un assistente online che si basa sulla comunità di esperti e consumatori dei prodotti tecnologici. Si può chiedere l’assistenza della comunità virtuale su tutto: dai problemi con un autoveicolo a quello con l’iPad. Le informazioni sono costantemente aggiornate e monitorate.

10. Conduit

È usato da TechCrunch, Amazon e altri 220mila siti. Ha rivoluzionato il modo degli editori e degli scrittori di editare i loro contenuti e allargare le fette di mercato. Ha permesso anche di rendere famose opere che faticavano attraverso i canali classici. Secondo recenti calcoli, 19 nuovi utenti ogni secondo installano Conduit.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Gerusalemme Est accusa: 250mila persone senza servizio postale solo perché arabe

Il cervo, il simbolo del servizio postale israeliano

Il cervo a Gerusalemme Ovest si presenta puntuale ogni giorno. A Est, invece, non lo vede più nessuno. «L’avranno ucciso», scherzano in molti.

Il cervo è il simbolo dell’Israel Postal Company, l’ente postale israeliano. E la denuncia presentata all’Alta Corte da alcuni residenti di Gerusalemme Est – «in rappresentanza dei 250mila abitanti dell’area interessata» – coinvolge lo Stato centrale «per le ripetute inadempienze del suo sistema di smistamento della missiva».

«Sono settimane che non arriva più niente sulle nostre caselle postali», accusa chi vive nella parte orientale della capitale contesa. «Questa è la lesione di un nostro diritto alla corrispondenza». E insinuano: «Guarda caso abbiamo problemi solo noi arabi, la maggioranza in questa parte, mentre l’altra parte, quella ebraica, ogni mattina si vede recapitare le sue lettere».

Il problema non è da poco. Perché alla denuncia sono state affiancate decine di atti amministrativi conseguenza del mancato recapito della missiva. A partire dalle multe: risultano tutte maggiorate per il fatto che i residenti di Gerusalemme Est non hanno potuto fare ricorso o impugnare il provvedimento. O pagarle.

C’è chi, malignamente, dice che «è una tattica ottima e giuridicamente ineccepibile per gli interessi israeliani: se uno non paga una multa, quella multa cresce fino a costringere l’autorità pubblica a sequestrare il bene immobile, cioè la casa. Ed è così che la casa sequestrata ha il doppio effetto di cacciare gli arabi e di far insediare gli ebrei». Insinuazioni. Malignità. Ma c’è qualcuno che inizia a preoccuparsi.

Tocca così all’Alta Corte dire l’ultima parola. Con la certezza che il pronunciamento avrà una ricaduta anche politica sulla capitale divisa in due.

Standard