attualità

Ariel Sharon e i colloqui di pace: le prime pagine dei giornali israeliani

Ariel Sharon nel suo ranch dei Sicomori nel 1993 (foto Gideon Markowicz / Flash90)

Ariel Sharon nel suo ranch dei Sicomori nel 1993 (foto Gideon Markowicz / Flash90)

Tanti articoli sui migranti, certo, ma a dominare le prime pagine dei giornali israeliani – ancora una volta – è lui: Ariel Sharon. Le condizioni dell’ex premier, in coma da otto anni, sono peggiorate nelle ultime ore. C’è chi pensa che il politico che ha dominato per anni la scena pubblica mediorientale se ne andrà a breve. E chi, come i figli, sperano in un miglioramento.

La prima pagina dello Yedioth Ahronoth

La prima pagina dello Yedioth Ahronoth

«Dire addio ad Arik», titola in apertura lo Yedioth Ahronoth, il più venduto quotidiano israeliano. «Arik» è il soprannome con cui viene chiamato Sharon. «Le condizioni dell’ex premier – continua l’articolo – sono passate da “critiche” a “in fase terminale” e in molti, dai figli agli autisti passando per i consiglieri, sono andati in ospedale per dirgli addio».

Stesso titolo in prima pagina per Israel Hayom, giornale gratuito e anche il più letto dello Stato ebraico. All’interno, quattro pagine speciali. Tra queste spicca l’analisi di Matti Tochfeld, editorialista del free press, che riepiloga un po’ la vita militare e politica di Sharon – tra alti e bassi – dalla guerra dello Yom Kippur al suo arrivo alla guida del governo. Senza dimenticare il ruolo dell’ex premier nel massacro di Sabra e Shatila o lo scandalo corruzione che ha coinvolto uno dei figli, Omri.

jerusalem_postAnche il Jerusalem Post decide di aprire sulle condizioni di salute di Ariel Sharon. «Sta lottando per la vita – racconta il figlio Omri – e noi saremo con lui tutto il tempo necessario». «Reni e polmoni hanno ceduto del tutto – scrive il quotidiano in lingue inglese –, il sangue e il battito cardiaco, dopo essere tornati ai livelli normali lunedì scorso, hanno mostrato valori anomali il giovedì successivo».

In controtendenza Maariv. Il secondo quotidiano più venduto dedica poco spazio a Sharon, in prima pagina, mettendolo comunque nella parte più alta, appena sotto la testata. Il giornale preferisce dare più risalto allo stato dei lavori sui colloqui di pace tra israeliani e palestinesi: qui, una vignetta mostra esplicitamente il segretario di Stato Usa e mediatore tra le due parti, John Kerry, che procede di fatto verso un burrone. A spiegare meglio l’illustrazione c’è un retroscena che illustra le profonde divisioni tra Gerusalemme e Washington. All’interno c’è anche un ampio sondaggio con dati poco incoraggianti: otto israeliani su dieci si dicono pessimisti sull’esito di questo giro di negoziati e il 73 per cento non vuole che l’esercito se ne vada dalla Valle del Giordano.

La prima pagina di Israel Hayom

La prima pagina di Israel Hayom

Si parla di colloqui anche nella prima pagina di Haaretz dove si mette in risalto il «no» del premier Benjamin Netanyahu a inserire lo status di Gerusalemme all’interno dei negoziati. «Sono disposto a far fallire tutto», avrebbe detto il primo ministro ai suoi uomini di partito, «se americani e palestinesi vogliono trattare anche la nostra capitale». Una «chiusura» però, fa notare il quotidiano progressista, «che non c’è stata, sempre su Gerusalemme, durante il faccia a faccia tra Netanyahu e Kerry. Anzi, nell’incontro il premier si sarebbe mostrato più flessibile e possibilista di quanto poi ha detto nella riunione del Likud».

La prima pagina di Haaretz

La prima pagina di Haaretz

Ampio spazio, all’interno di tutti i giornali, è dedicato poi alle richieste dei migranti che chiedono di non finire nei centri di detenzione e di non essere espulsi. Maariv però fa notare che gli scioperi e le manifestazioni di chi è scappato dall’Africa «stanno creando problemi ai commercianti, tanto che molti palestinesi clandestini si sono offerti di rimpiazzare i migranti anche agli esercenti del centralissimo mercato Carmel di Tel Aviv».

Approccio diverso, sul tema, di Haaretz che fa partire in prima pagina un commento di uno dei manifestanti – Mutasim – che racconta anche la storia, dalla fuga in Darfur nel 2009 all’arrivo nello Stato ebraico. «Una delle ragioni per cui ho deciso di venire qui (in Israele, ndr) è perché credo davvero che gli ebrei siano gli unici ad avere idea delle difficoltà che passa un profugo, del resto ci sono passati anche loro quando sono scappati dal genocidio».

La prima pagina di Maariv

La prima pagina di Maariv

Altro argomento delicato, per Israele, è il taglio al budget della Difesa. Secondo Yedioth Ahronoth «c’è un buco nei cieli del nostro Paese»: «i risparmi di fatto obbligano le forze armate ad aspettare prima di mettere a punto i due Iron Dome (gli scudi anti-missile) che, nei piani, si dovevano aggiungere alle altre sei batterie». I due dispositivi  – chiarisce lo Yedioth – sono stati già comprati, in realtà, ma non potranno essere messi a punto e dislocati sul territorio perché i tagli di fatto bloccano tutte le operazioni logistiche. Iron Dome non è un aggeggio qualsiasi: durante l’operazione militare su Gaza “Pilastro della Difesa” (correva il novembre 2012), gli scudi anti-missile hanno intercettato circa l’80 per cento dei razzi sparati dagli esponenti di Hamas sul suolo israeliano.

© Leonard Berberi

CORREZIONE: Nella prima versione di questo articolo, parlando della prima pagina del Jerusalem Post, ho scritto: «Reni e fegato hanno ceduto del tutto». In realtà la versione corretta è «reni e polmoni hanno ceduto del tutto»

Annunci
Standard
attualità

L’annuncio (insolito) dello Shin Bet: cercasi aspiranti 007 che sappiano benissimo il cinese

shabak_terrorism

«A.A.A. cercasi aspiranti 007 che parlino cinese in modo perfetto e che lavorino a tutte le ore». Firmato: Shin Bet. Ora, che sia il Mossad a richiedere agenti segreti da mandare in giro e con capacità comunicative senza falle, si può anche capire. Ma che la richiesta venga dall’agenzia israeliana che si occupa della sicurezza interna, lo Shin Bet appunto, questo è particolare. I cinesi stanno minacciando, da dentro i confini, lo Stato ebraico?

La domanda, dopo la pubblicazione dell’annuncio sul sito ufficiale, se l’è posta il quotidiano Ma’ariv. Ed è arrivata a una conclusione: Gerusalemme è preoccupata dai cittadini cinesi presenti nel Paese e teme che qualcuno di questi riesca a captare un bel po’ di segreti da passare a Pechino che, a sua volta, ci metterebbe poco, pochissimo a rivenderli a Teheran.

La spiegazione sembra credibile. Ma fino a un certo punto. Come fa notare più di un analista «la Cina non ci pensa per niente ad avere problemi con Israele e difficilmente manderebbe suoi agenti, almeno ufficialmente, a rovistare tra i segreti dello Stato ebraico. Pechino sa che se venisse scoperto anche un solo uomo loro verrebbe interrotta qualsiasi relazione». Resta, quindi, un altro livello di spionaggio. Quello non ufficiale. Quello che fa affidamento a persone che nulla c’entrano con l’intelligence cinese. E che lavorano a «cottimo».

L'annuncio pubblicato sul sito ufficiale dello Shin Bet

L’annuncio pubblicato sul sito ufficiale dello Shin Bet

E la cosa, almeno per la Repubblica popolare asiatica, non sarebbe nemmeno impossibile da fare. Basterebbe guardare ai cantieri edili di alcuni insediamenti ebraici in Cisgiordania. Se l’80 per cento della manodopera è fatta di lavoratori palestinesi che – per soldi e solo per soldi – tirano su centinaia di case nelle colonie, c’è un venti per cento che, invece, ha passaporto cinese. Costano poco, rompono le scatole ancora meno. E, soprattutto, non sono arabi, musulmani, palestinesi. Sempre più colonie, soprattutto quelle estremiste, decidono di chiamare cinesi per costruire appartamenti, uffici e scuole. Una presenza, regolare, che però potrebbe portare qualcuno dei migranti a fare il doppio lavoro: di giorno a maneggiar la cazzuola, di notte a cercare tra i punti strategici d’Israele. Di qui l’«urgenza» di Gerusalemme a cercare qualcuno che parli cinese perfettamente da poter infiltrare tra i lavoratori.

In realtà ci sarebbe anche una seconda, possibile, spiegazione. Ancora più complicata e per questo suggestiva. Dice, questa spiegazione, che lo Shin Bet non vuole reclutare per infiltrare tra i cinesi, ma che cerca proprio i cinesi in modo che siano gli occhi e le orecchie della sicurezza interna tra le comunità di coloni radicali. Un modo per monitorare la situazione in modo discreto e per evitare atti di terrorismo ebraico contro interessi palestinesi. Proprio ora che tra le due parti si sta andando avanti sui colloqui di Pace.

«I cinesi sono normali, umili, lavorano e si fanno gli affari loro. Soprattutto sono affidabili», spiega un analista. «I residenti delle colonie più radicali si fidano di loro proprio per queste caratteristiche e si muovono abbastanza allo scoperto nel loro odio contro i palestinesi. Avere qualcuno che aggiorna su quello che succede, per lo Shin Bet sarebbe il massimo. Certo, mi chiedo se mettendo l’annuncio online in questo modo l’agenzia non rischi di rompere questa relazione speciale tra coloni estremisti e lavoratori cinesi».

© Leonard Berberi

Standard
attualità

LA STORIA / La “dolce vita” degli israeliani a Teheran

L'allora primo ministro israeliano, David Ben-Gurion (il primo da sinistra), parla con Reza Safinia, ministro iraniano plenipotenziario in una festa a Gerusalemme il 1° giugno 1950 (foto Teddy Brauner/Gpo)

L’allora primo ministro israeliano, David Ben-Gurion (il primo da sinistra), parla con Reza Safinia, ministro iraniano plenipotenziario in una festa a Gerusalemme il 1° giugno 1950 (foto Teddy Brauner/Gpo)

Se lo tiene ancora stretto quell’orologio tutto d’oro Ofer Nimrodi. Milionario israeliano, ex proprietario del quotidiano «Maariv», Nimrodi oggi ha 56 anni. All’età di otto, e dopo aver suonato il pianoforte, s’è ritrovato con un dono costosissimo. E tutto grazie a questo signore grosso e a tratti minaccioso che aveva deciso che era stato bravissimo. E che, proprio per questo, meritava un premio. «Ecco, tienilo, è tuo, te lo sei guadagnato», gli disse quell’uomo.

È il 1965. In una villa a nord di Teheran, in Iran, Yaakov Nimrodi – inviato militare dello Stato d’Israele – ha invitato a casa alcuni dei più alti rappresentaNti dell’esercito dello scià di Persia Reza Pahlavi. Tra questi c’è anche il generale Fereydoun Djam, capo di Stato maggiore. Per divertire gli ospiti d’eccezione Yaakov decide di chiamare il figlio Ofer a esibirsi con il piano. Il piccolo esita. Il padre insiste. Quei signori pure. Ed ecco che Ofer si siede, respira, e inizia a suonare.

La locandina del documentario sui rapporti tra Israele e Iran

La locandina del documentario sui rapporti tra Israele e Iran

È un successo. Quei signori, pieni di stellette, applaudono e apprezzano. Poi il generale Djam, in persiano, chiama il ragazzino e gli regala l’orologio che aveva al polso. «Non avevo idea di cosa stava accadendo. Ho cercato di fare qualcosa guardando mio papà. Ma lui, dopo aver cercato di rifiutare quel dono, si è dovuto arrendere».

È una delle storie, forse incredibili, successe quando a Teheran non solo si vedevano molti israeliani, ma El Al, la compagnia dello Stato ebraico, aveva addirittura un suo ufficio e voli quotidiani. Per non parlare della sede di una delle sole due scuole israeliane al di fuori del Paese. E di quando il Purim si festeggiava tutti insieme, tra balli, canti, suoni e cibo. E risate. Poi arrivò la rivoluzione islamica. E fu l’inizio della fine. Per chi aveva un passaporto con la Stella di Davide. E per i centomila iraniani di religione ebraica.

Basta vedere i filmati girati in otto millimetri. O sentire i testimoni diretti. Per rendersi conto che, un tempo, c’era un «paradiso israeliano» in Iran. Lo raccontano in un documentario di circa un’ora i registi Dan Shadur e Barak Heyman. Un lavoro di ricerca e interviste durato mesi e confluito in «Before the Revolution», prima della rivoluzione. La sintesi di quello che – molti degli intervistati, tutti israeliani fuggiti dopo l’arrivo di Khomeini – chiamano «i momenti più belli della nostra vita».

Decine di israeliani festeggiano il Purim all'interno della loro ambasciata a Teheran negli anni Settanta (frame dal documentario "Before the revolution")

Decine di israeliani festeggiano il Purim all’interno della loro ambasciata a Teheran negli anni Settanta (frame dal documentario “Before the revolution”)

Il documentario (sotto il trailer) cerca di raccontare il periodo senza ignorare nulla. Nemmeno i legami tra ebrei e regime nonostante la violazione, palese, di alcuni dei più fondamentali diritti umani. Ma erano tutte questioni che non riguardavano gl’israeliani. I quali, spiega il documentario, «pensavano a partecipare alle feste dello Scià di Persia e a fare tanti soldi». A proposito di «ombre», si ricorda anche che è stato proprio Yaakov Nimrodi, per conto di Gerusalemme, a fornire a Teheran gli strumenti per costruire un sistema missilistico avanzato e 50 mila mitragliatrici di tipo Uzi. E si fa intuire, senza approfondire però più di tanto, che il programma nucleare iraniano potrebbe essere stato avviato proprio grazie agl’israeliani. Gli stessi che, oggi, vogliono bloccarlo.

Gli accordi, fino al 1979, sono andati a gonfie vele per entrambi i Paesi. Lo Stato ebraico importava il petrolio. Quello iraniano riceveva le conoscenze tecnologiche necessarie per l’agricoltura, il commercio e, soprattutto, l’esercito. «Quei tempi erano incredibili», ricorda nel documentario Yitzhak Segev, inviato militare dal 1977 al 1979 a Teheran. «Praticamente ogni generale iraniano è stato in Israele e molti di noi sono stati da loro». Non sono soltanto memorie, magari in bianco e nero, di un vecchio uomo dell’esercito. Sono anche le centinaia di foto dove si vedono i più alti ranghi di entrambi i Paesi parlare, bere qualcosa, partecipare insieme a feste religiose e laiche.

Gli uffici della compagnia aerea israeliana El Al saccheggiati e dati alle fiamme a Teheran nel 1979 durante la rivoluzione khomeinista (frame dal documentario "Before the revolution")

Gli uffici della compagnia aerea israeliana El Al saccheggiati e dati alle fiamme a Teheran nel 1979 durante la rivoluzione khomeinista (frame dal documentario “Before the revolution”)

Tutto svanito nel 1979. Con il Mossad che ha dovuto faticare non poco per riportare a casa tutti gl’israeliani. Con le ambasciate occidentali – soprattutto quella americana – impegnate a offrire supporto logistico a Gerusalemme per salvare il più alto numero di ebrei. Con l’ambasciata e l’ufficio della El Al saccheggiato e distrutto. Quando Khomeini salì al potere c’erano circa 100 mila iraniani di religione ebraica. Sessantamila lasciarono il Paese. Oggi si contano non più di ventimila.

E il generale Fereydoun Djam, dopo essersi rifiutato di servire sotto l’ayatollah, è morto nel maggio del 2008 in un ospedale alla periferia di Londra. Aveva 94 anni.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Il quotidiano israeliano Maariv: colloqui di pace sull’orlo del fallimento

Il segretario di Stato Usa, John Kerry (a sinistra) insieme ai mediatori israeliano (Tzipi Livni) e palestinese (Saeb Erekat)

Il segretario di Stato Usa, John Kerry (a sinistra) insieme ai mediatori israeliano (Tzipi Livni) e palestinese (Saeb Erekat)

A quattro mesi dal loro inizio, i negoziati di pace israelo-palestinesi sono prossimi a un fallimento. Lo sostiene oggi il quotidiano Maariv secondo cui in questo momento il nodo centrale su cui le posizioni delle due parti sembrano inconciliabili riguarda il controllo militare sulla valle del Giordano. Anche su altre questioni (Gerusalemme, colonie e profughi) non sembra siano stati registrati progressi.

A quanto risulta al giornale, Israele prefigura uno Stato palestinese del tutto smilitarizzato, e insiste per garantirsi anche in futuro il controllo sul suo spazio aereo e sui confini. I palestinesi replicano che in quelle condizioni non si potrebbe più parlare di uno Stato vero e proprio; «sarebbe come una gabbia», hanno lamentato.

Fonti politiche israeliane hanno detto a Maariv che il premier Benyamin Netanyahu teme adesso pressioni statunitensi per il dislocamento sul Giordano di forze internazionali. Questa idea risulta essere sgradita ai palestinesi. Netanyahu, da parte sua, ha ribadito ieri in parlamento: «In ogni accordo (di pace) Israele dovrà essere in grado di difendersi da solo di fronte ad ogni minaccia. Non potremo affidarci a forze straniere». (Ansa)

Standard
attualità

Stessa vicenda, stesso giornalista, articoli diversi: il caso “Maariv” – “Makor Rishon”

Stesso evento. Due articoli opposti. Entrambi scritti dallo stesso giornalista. Possibile? Possibile. Almeno in Israele. Dove, causa crisi dell’editoria senza precedenti, i quotidiani si comprano a vicenda, gli editori s’incrociano e s’accavallano, i conflitti d’interessi galoppano. E l’obiettività della professione? Dipende. Dalla testata, soprattutto.

Succede tutto all’interno del gruppo editoriale di Shlomo Ben-Tzvi – magnate dei media e casa a Efrat, insediamento ebraico in Cisgiordania – tra il quotidiano “Makor Rishon” (di orientamento religioso e nazionalista) e “Maariv”, storica testata moderata acquistata a novembre. Assaf Gibor, cronista degli affari che si muovono nel mondo arabo, viene incaricato di seguire la visita “storica” martedì scorso del presidente iraniano Ahmadinejad in Egitto e di scrivere due articoli: uno per “Makor”, l’altro per “Maariv”. Risultato: i due articoli – fanno notare quelli di Presspectiva, associazione che monitora la stampa locale – non solo sono diversi, ma anche nel titolo si collocano agli estremi.

I due titoli a confronto: sopra quello di "Makor Rishon", più in basso quello di "Maariv". Entrambi gli articoli sono stati scritto dello stesso giornalista (foto Presspectiva / Falafel Cafè)

I due titoli a confronto: sopra quello di “Makor Rishon”, più in basso quello di “Maariv”. Entrambi gli articoli sono stati scritto dello stesso giornalista (foto Presspectiva / Falafel Cafè)

«Il presidente iraniano Ahmadinejad ricevuto con tutti gli onori in Egitto», titola “Makor Rishon”. Dato lo stesso proprietario e – accusano in molti – la stessa linea editoriale, in molti s’aspettavano più o meno lo stesso titolo anche per “Maariv”. E invece, ecco la sorpresa. «Accoglienza fredda per Ahmadinejad in Egitto» è l’apertura di pagina del quotidiano moderato.

La storia cambia poco anche nei due articoli. Scritti dallo stesso cronista. Nelle prime righe del pezzo per “Maariv”, fa notare Presspectiva, «Assaf Gibor scrive che se in un primo momento Ahmadinejad è stato accolto con le fanfare all’atterraggio al Cairo, poi racconta che il presidente iraniano è stato attaccato da una cittadina siriana». Due elementi che non si trovano nella versione per “Makor Rishon” che, però, aggiunge la visita all’università Al-Azhar. Visita soltanto accennata in “Makor”, mentre su “Maariv” si racconta che all’interno dell’ateneo c’è stato un complicato colloquio con il grande imam Ahmed Mohammed el-Tayeb.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

E a Gaza Hamas lancia l’offensiva contro i pantaloni a vita bassa (dei maschi)

Ragazzi palestinesi impegnati nel “parkour” nella Striscia di Gaza (foto Ali Ali / Epa)

Dura la vita, a Gaza City. Per le donne, certo. Ma pure per gli uomini. Se è vero che, da qualche giorno, le milizie «morali» di Hamas inseguono i ragazzi da Rafah fino al confine con Israele e li arrestano se indossano pantaloni a vita bassa.

La notizia l’ha data per prima il quotidiano dello Stato ebraico Ma’ariv. Che sottolinea come, dopo aver imposto – molto lentamente – abbigliamenti castigati alle donne della Striscia, Hamas ora guarda al look maschile. E non perdona. Le milizie «morali» ritengono che i pantaloni a vita bassa siano «inaccettabili soprattutto perché mettono in mostra anche la biancheria intima». E giù botte. E manette. E condanne.

Sul web, dove nulla possono le milizie palestinesi, il dibattito è aperto. Anche se, perfetta sintesi della demografia di Gaza, una maggioranza non c’è. Perché ai giovani che hanno condannato la repressione, si sono aggiunti altri che hanno suggerito ad Hamas di bloccare l’ingresso dei jeans a vita bassa, essendo il gruppo paramilitar-politico di fatto controllore dei tunnel sotterranei e illegali che collegano l’Egitto alla Striscia. Poi ci sono quelli più anzianotti che, sempre sul web, hanno dato ragione ad Hamas: «Chi indossa quei pantaloni lo fa solo per scimmiottare lo stile corrotto dell’Occidente», è stato il ragionamento.

Su una cosa tutti concordano: l’ondata repressiva non ha sorpreso nessuno. Al quartier generale di Gaza City non erano affatto piaciute le immagini – immesse sul circuito internazionale, fatte circolare in tutto il mondo – dei ragazzi impegnati nel «parkour». Quelle capriole e quei salti, quelle corse veloci di pochi secondi e quelle camminate sui muri, ecco, tutto questo, richiamava alla memoria le periferie francesi, svedesi e americane. Non la landa desolata della Striscia, dove a qualche centinaio di metri dal centro urbano c’è il deserto o la distruzione, non i palazzoni.

Dopo i jeans a vita bassa sarà vietato anche il «parkour»? In molti ci scommettono. In tanti altri temono che sia solo l’inizio di un nuovo corso che porterà Hamas ad abolire l’unico vero spazio di libertà per i palestinesi: Internet.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

L’inverno dell’informazione israeliana: la crisi di Ma’ariv, Haaretz e Canale 10

Dall’alto: Haaretz, Yedioth Ahronoth (il giornale più venduto nel Paese, il secondo più letto) e Ma’ariv

«Non puoi andare in guerra senza avere l’ok dei giornali. E quando l’ok non arriva, l’unica cosa che puoi fare è comprarteli, i quotidiani. Netanyahu su questo è bravissimo. Soprattutto ora che l’editoria israeliana è in crisi nera».

Vera o no, l’analisi di un giornalista israeliano, di quelli che definiresti una «vecchia volpe», fatta lo scorso giugno in via privata ora torna in primo piano. E assume i toni drammatici di un Paese che, nelle prossime settimane, si ritroverà molto più povero nelle edicole. Con giornali che cambiano – per pochi soldi – proprietà (e quindi linea editoriale), con quotidiani che hanno fatto la storia della sinistra progressista dello Stato ebraico e che ora rischiano la chiusura. E con emittenti tv che hanno dato più di un fastidio al governo in carica con le loro inchieste. Tutto per colpa di Internet, certo. Ma anche di un free press (Israel haYom), filogovernativo, che ha scardinato negli ultimi 4 anni il sistema editoriale israeliano. Per non parlare della crisi e del calo di lettori.

Più che l’autunno, questo sembra essere l’inverno dell’informazione israeliana. E i primi a non accettare questa situazione sono i giornalisti. A decine, in questi giorni, stanno surriscaldando il clima di Tel Aviv. C’è, per esempio, la redazione del quotidiano Ma’ariv che martedì 11 settembre, di fronte alla sede del giornale, ha bruciato gomme di auto e urlato slogan contro la nuova proprietà (vedi la fotogallery sotto). Mentre un centinaio di colleghi incrociavano le braccia pochi chilometri più in là, sempre nella città costiera, tra i corridoi di Haaretz, pietra miliare della sinistra israeliana. In mezzo, il silenzio – preoccupato – dei giornalisti di Canale 10, l’emittente tv privata che da mesi versa in condizioni economiche disperate e non ha ancora chiuso solo perché è stato concesso di pagare i debiti con qualche mese di ritardo.

La situazione più drammatica è quella di Ma’ariv. Il giornale è passato di mano all’imprenditore Shlomo Ben-Tzvi, 47 anni, proprietario tra l’altro di un altro giornale (Makor Rishon). Costo dell’operazione: 21 milioni di dollari. Ben-Tzvi non è solo ricchissimo. È anche uno dei più strenui difensori delle politiche del premier Netanyahu. Il suo tabloid – Makor Rishon, appunto – è apprezzato molto anche tra i coloni. Dove, peraltro, Ben-Tzvi vive.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’intero gruppo editoriale di Ma’ariv – tra giornale di carta, prodotti collaterali, sito, parte audio-video – ecco, l’intero gruppo, impiega circa 2.000 persone. Se va bene manterranno il posto solo in 500, un quarto. Ma i bilanci della società, visti dai commercialisti del nuovo proprietario, parlano di entrate inferiori al previsto. Risultato: potrebbero restare senza lavoro in 1.700, gli stipendi di settembre non sono così sicuri e il prezzo inizia di vendita – 21 milioni di dollari – potrebbe ridursi di un 25 per cento. Fondata nel 1948 – anno di nascita dello Stato d’Israele – Ma’ariv per decenni ha sintetizzato l’anima centrista del Paese. Ma dagli anni Novanta il calo di copie vendute è stato lento e inesorabile.

Per le vie di Tel Aviv i giornalisti di Ma’ariv accusano la vecchia proprietà di non aver messo da parte i soldi necessari per aiutare i licenziati. E chiedono garanzie per il futuro. Un futuro che, però, secondo molti di loro sembra già segnato. «Ben-Tzvi vuole licenziare la maggior parte di noi, vuole chiudere la testata e aprirne un’altra con lo stesso nome, ma con una linea filo-governativa e solo con i giornalisti di destra», ha spiegato uno dei portavoce della protesta.

Braccia incrociate anche nella redazione di Haaretz. Un centinaio di cronisti ha annunciato l’interruzione momentanea del lavoro fino a quando l’azienda non spiegherà bene in cosa consiste il piano di contenimento dei costi, di riduzione del debito e che tipo di tagli sul personale saranno fatti. «Se Haaretz sopravvive in questi mesi è solo perché riesce a stampare a poco prezzo nella tipografia del free press Israel haYom», spiega a Falafel Cafè un giornalista del quotidiano progressista. Quotidiano fondato trent’anni prima di Ma’ariv, nel 1918. Da sempre di sinistra, anche Haaretz negli ultimi anni ha perso decine di migliaia di copie. Fino a questi mesi difficili. E con un futuro – per Haaretz, Ma’ariv, Canale 10, l’informazione israeliana – piena di incognite.

© Leonard Berberi

Standard