attualità

La vittoria di Bibi Netanyahu

Benjamin Netanyahu, rieletto primo ministro d'Israele

Benjamin Netanyahu, rieletto primo ministro d’Israele

A poche ore dal voto s’è lanciato a destra. Molto a destra. «Se sarò rieletto primo ministro non ci sarà uno Stato palestinese», ha detto dal podietto allestito alla periferia di Gerusalemme. E mentre lo diceva sullo sfondo trionfavano i cantieri e i palazzi in costruzione per l’allargamento di Har Homa, un insediamento ebraico in Cisgiordania.

Era un tentativo disperato. Perché i sondaggi lo davano indietro, anche di quattro seggi. Perché con quella frase ha finito per confermare le accuse degli Stati Uniti di boicottare qualsiasi tentativo di pace tra i due popoli. E perché potrebbe essersi alienato anche quei pochi alleati – importanti – che gli sono rimasti nel mondo.

Benjamin Netanyahu, primo ministro uscente e candidato di punta del Likud, parla lunedì 16 marzo ad Har Homa, a sud di Gerusalemme (Menahem Kahana/Afp)

Benjamin Netanyahu, primo ministro uscente e candidato di punta del Likud, parla lunedì 16 marzo ad Har Homa, a sud di Gerusalemme (Menahem Kahana/Afp)

Però eccolo qui, il giorno dopo, presentarsi come il vincitore. «Contro tutto e tutti», come ha sottolineato martedì sera dal suo quartier generale. «Contro tutti e nonostante la moglie», ha fatto sapere più di un consigliere del premier per sottolineare le diverse situazioni imbarazzanti causate da Sara, la first lady. Il tutto mentre sotto al palco centinaia di sostenitori gli chiedevano soltanto una cosa: nessun governo di unità nazionale, nessuna alleanza con il centro-sinistra.

Benjamin Netanyahu continuerà ad essere il primo ministro d’Israele. Stavolta lo potrà fare non da seconda scelta – come indicavano tutti i sondaggi della vigilia – ma da leader di un partito, il Likud, che guadagna 30 seggi (o 29), cioè un quarto della Knesset, il parlamento. E come rappresentante di un Paese che è andato a votare in massa, come non succedeva da anni. «Non vorremmo essere nei panni di Barack Obama e di quando dovrà telefonargli per congratularsi», scherzavano ieri diversi esponenti del Likud, ricordando come tra i due leader ormai i rapporti siano al minimo diplomatico.

Israeliani in coda per votare alle elezioni del 17 marzo 2015

Israeliani in coda per votare alle elezioni del 17 marzo 2015

Ha vinto Netanyahu. Tuffandosi a destra. Allontanandosi dal centro. Un centro affollato di pesi massimi (Yesh Atid di Yair Lapid, Kulanu di Moshe Kahlon). E una destra – pure religiosa – frammentata, nonostante fossero gli alleati «naturali»: c’era Yahad, il «clone» degli ultrareligiosi dello Shas. Eppoi United Torah Judaism. Quindi Avigdor Lieberman con Yisrael Beitenu e Naftali Bennett con Casa ebraica.

Il premier uscente ha parlato proprio a loro, alla destra. Senza alienarsi le simpatie degli altri partiti del settore. Senza dire «votate per me, non per loro». Ma trasmettendo, per ore, lo stesso messaggio: «Se mi volete come primo ministro votate Likud. Se non volete che la sinistra s’impadronisca d’Israele, mettendolo in pericolo, votate Likud».

Un ultraortodosso guarda un operaio mentre lavora su un maxiposter di Benjamin Netanyahu all'ingresso di Gerusalemme (foto di Yonatan Sindel/Flash90)

Un ultraortodosso guarda un operaio mentre lavora su un maxiposter di Benjamin Netanyahu all’ingresso di Gerusalemme (foto di Yonatan Sindel/Flash90)

Poi ha strizzato l’occhio ai coloni – elettorato di base di Bennett e Lieberman – ma senza irritare gli alleati politici passati, presenti e futuri. «Nelle circostanze attuali in Medio Oriente non c’è spazio per la soluzione dei due Stati: ogni spazio che lasciamo a loro verrebbe utilizzato per armare gli islamisti e scatenarli contro di noi», ha detto Netanyahu. «Esattamente quello che è successo in Libano e nella Striscia di Gaza. È quello che accadrebbe in Cisgiordania».

Ma non sarà un percorso in discesa per Netanyahu. Intanto c’è da sciogliere il nodo della coalizione di governo. Il presidente Reuven Rivlin preme per un esecutivo di larghe intese. Moshe Kahlon, forza in campo decisiva, non si dice contrario all’idea. Ma Netanyahu deve fare i conti con il suo elettorato che gli chiede una formazione di destra. E con il fatto che, seggi alla mano, ci sono i margini per creare una realtà schierata tutta da una parte.

Isaac Herzog, leader di Unione sionista (centro-sinistra) martedì 17 marzo al voto

Isaac Herzog, leader di Unione sionista (centro-sinistra) martedì 17 marzo al voto

E dall’altra parte? Lo sconforto. La delusione. Anche in presenza di un risultato che si conferma tra i migliori degli ultimi vent’anni. Unione sionista – nonostante il vento occidentale favorevole, nonostante l’editoriale di sostegno del settimanale Economist – non ha sfondato quanto poteva. Quanto doveva. Isaac Herzog, a capo di questa coalizione di centro-sinistra, è apparso un aspirante primo ministro troppo debole di fronte alle sfide interne (l’economia, il costo della vita, la bolla immobiliare) e, soprattutto, esterne (l’Iran, Isis, Hezbollah).

E non ha giocato a suo favore nemmeno la confusione di leadership, causata dalla coabitazione – nella cabina di pilotaggio del Paese – con Tzipi Livni, ex ministro della Giustizia e alla guida di una formazione di centro. Avevano deciso di cedersi la guida del Paese dopo due anni: prima Herzog, poi Livni. Ma gli spin doctor si sono accorti che era proprio quello che faceva il gioco di Netanyahu: l’assenza di un’unica guida all’opposizione. Per questo, a poche ore dall’apertura dei seggi, Livni si è tirata indietro: nessuna alternanza in caso di vittoria, il premier sarà sempre Herzog per tutti e quattro gli anni.

Una donna arabo-israeliana vota alle elezioni del 17 marzo 2015

Una donna arabo-israeliana vota alle elezioni del 17 marzo 2015

Resta ora da capire anche il ruolo degli arabi. Sono la terza forza del Paese. Rappresenteranno il 20% della popolazione israeliana. Per tutto martedì è stata diffusa la voce che stavano votando in massa, tanto da spingere proprio Netanyahu a fare appello ai suoi sostenitori. Ma è ancora presto per capire quanti di loro si siano recati alle urne. Come bisognerà capire pure come hanno votato le diverse fasce della popolazione.

L’unica certezza è Netanyahu. Che da oggi dovrà lavorare per formare il nuovo governo. E da domani dovrà affacciarsi nel mondo e ristabilire i rapporti con l’Occidente. Ma questa è un’altra storia.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard
attualità

Elezioni in Israele, da Netanyahu ai Pirati: ecco i partiti in corsa

Il poster elettorale di Netanyahu e quello del rivale Herzog si danno il cambio in una via di Tel Aviv (foto di Jack Guez/Afp)

Il poster elettorale di Netanyahu e quello del rivale Herzog si danno il cambio in una via di Tel Aviv (foto di Jack Guez/Afp)

Centro-sinistra contro destra. Isaac Herzog e Tzipi Livni contro il premier uscente Benjamin Netanyahu. In secondo piano tutti gli altri. L’ultradestra. I religiosi. I centristi. La sinistra. Ma anche una formazione di sole donne ultraortodosse. Eppoi i simpatizzanti della marijuana. I verdi. I Pirati. Martedì 17 marzo circa sei milioni d’israeliani (5.881.696 per la precisione) saranno chiamati ad esprimere il loro voto per le elezioni politiche. A due anni dall’ultimo appuntamento elettorale e dopo il collasso della grande coalizione guidata da Benjamin Netanyahu…

(Continua su corriere.it)

Standard
attualità

Secondo, ma comunque premier. Così Netanyahu spera di ripetere l’elezione del 2009

Un ultraortodosso guarda un operaio mentre lavora su un maxiposter di Benjamin Netanyahu all'ingresso di Gerusalemme (foto di Yonatan Sindel/Flash90)

Un ultraortodosso guarda un operaio mentre lavora su un maxiposter di Benjamin Netanyahu all’ingresso di Gerusalemme (foto di Yonatan Sindel/Flash90)

Nel suo partito volano gli stracci. Gli sms di fuoco. Le accuse reciproche. Ma lui si mostra tranquillo. Male che vada – è il ragionamento che fa con i suoi più stretti collaboratori – «andrà a finire come nel 2009». Sei anni fa lui arrivò secondo, con un seggio in meno di «Kadima». E però «Kadima» non riuscì a formare un governo. E così le redini del Paese andarono al secondo, lui, che nel frattempo era riuscito a tirare su una coalizione abbastanza solida di 74 parlamentari su 120.

A non essere tranquilli sono però gli alti esponenti del Likud, il partito di Benjamin Netanyahu. Perché il primo ministro uscente – secondo i sondaggi – potrebbe aver dilapidato un tesoretto politico tanto da essere staccato di quattro o cinque seggi dall’«Unione sionista», la formazione di centro-sinistra del duo Isaac Herzog – Tzipi Livni data come vincitrice.

«Qualcosa non sta andando nella maniera giusta», dice una fonte del Likud al quotidiano Haaretz. «Il discorso di Netanyahu al Congresso avrebbe dovuto creare un punto di svolta per noi e rafforzarci alle elezioni, ma è ormai chiaro che non abbiamo raggiunto il risultato sperato». E così, continua la fonte, «se la vittoria dell’Unione sionista è ormai cosa certa, resta da vedere quanto sarà importante il distacco. Anche se toccherà a noi formare il nuovo governo questa campagna elettorale sarà comunque un fallimento colossale e la colpa sarà soprattutto di Netanyahu».

Il laburista Isaac Herzog e Tzipi Livni - leader del blocco di centro-sinistra "Unione sionista" - giovedì 12 marzo al Mercato Carmel di Tel Aviv (foto di Jack Guez/Afp)

Il laburista Isaac Herzog e Tzipi Livni – leader del blocco di centro-sinistra “Unione sionista” – giovedì 12 marzo al Mercato Carmel di Tel Aviv (foto di Jack Guez/Afp)

Ma mentre da più parti, all’interno del Likud, non mancano scene di panico, Netanyahu ostenta sicurezza. Convinto com’è – secondo fonti del partito – che alla fine gl’israeliani «voteranno per chi davvero è in grado di garantire la sicurezza e l’integrità dello Stato ebraico». Un ragionamento che il premier uscente ha chiarito in tv e nel colloquio con il Jerusalem Post. «Se il divario dei sondaggi tra il Likud e Unione sionista aumenterà tra una settimana Herzog e Livni diventeranno a rotazione primi ministri di questo Paese con l’appoggio dei partiti arabi», ha detto Netanyahu.

«Con loro al governo la nostra sicurezza sarà a rischio – ha continuato il premier –. Herzog e Livni hanno zero leadership, non resisterebbero un millesimo di secondo alle pressioni di fronte alle sfide che attendono Israele nei prossimi mesi: gli sarà chiesto di ritirarsi entro i confini del 1967, di cedere sull’accordo con l’Iran». Quindi la stoccata, indiretta, all’inquilino della Casa Bianca, Barack Obama. «I leader di Unione sionista pensano che l’unica cosa che devono fare è dire di sì a ogni richiesta che viene dal nostro migliore alleato».

Il primo ministro uscente Benjamin Netanyahu durante l'intervista a Canale 2 giovedì 12 marzo 2015 (frame da Canale 2)

Il primo ministro uscente Benjamin Netanyahu durante l’intervista a Canale 2 giovedì 12 marzo 2015 (frame da Canale 2)

Netanyahu ha poi escluso qualsiasi possibilità di un governo di unità nazionale con «Unione sionista» se dalle elezioni non dovesse venire fuori una formazione forte. Lo scenario – ritenuto probabile dagli analisti e i politologi israeliani – è sostenuto dal presidente Reuven Rivlin. Ma Netanyahu non ne vuole sapere: «Non credo proprio, c’è un abisso tra noi e i laburisti», ha commentato.

E intanto a proposito di laburisti il leader Isaac Herzog ha ricevuto l’endorsement da parte dell’ex presidente Simon Peres che ha annunciato il suo sostegno al blocco di centro-sinistra. «Isaac è un leader che agisce a mente fredda, onesto e responsabile», ha detto Peres. «È uno con la testa sulle spalle, pieno di responsabilità nei confronto del popolo israeliano: sono certo che è adatto per l’incarico di primo ministro».

© Leonard Berberi

Standard
attualità

“Eretz Nehederet”, torna in tv lo show che non risparmia nessun politico israeliano

Il cast, al completo, di "Eretz Nehederet", lo show satirico israeliano di Canale 2 (foto via Facebook)

Il cast, al completo, di “Eretz Nehederet”, lo show satirico israeliano di Canale 2 (foto via Facebook)

Nel 2013, di fronte a una platea di giovani israeliani, il presidente americano Barack Obama all’improvviso smise di parlare. Dopo un attimo di silenzio disse: «Non c’è nulla di vero. Tra me e il premier Netanyahu in realtà va tutto bene. Volevamo soltanto offrire nuovo materiale agli autori di “Eretz Nehederet”».

Risate in sala. La consacrazione – definitiva – di uno show tv satirico in onda su Canale 2 che pochi giorni fa ha riaperto i battenti per la dodicesima edizione. E che nella sua prima puntata ha tenuto incollato 1,1 milioni di telespettatori e circa il 30% di share complessivo. In grado, senza tanti giri di parole, di spostare decine di migliaia di voti. Pure senza volerlo. Perché l’obiettivo è di prendere in giro tutti, non risparmiare nessuno, nemmeno la religione.

Il finto Benjamin Netanyahu mentre "marcia" con i volti dei leader europei, ricordando quella di Parigi dopo gli attacchi terroristici (fermo immagine da Canale 2 / Keshet)

Il finto Benjamin Netanyahu mentre “marcia” con i volti dei leader europei, ricordando quella di Parigi dopo gli attacchi terroristici (fermo immagine da Canale 2 / Keshet)

Una partenza col «botto» quella di «Eretz Nehederet», che in ebraico vuol dire «Un Paese meraviglioso». Protagonista, in passato, di leggendarie prese per i fondelli pure di certi nostri politici, a partire dall’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Una tappa, l’ultima, che ufficializza anche la campagna elettorale verso il voto del 17 marzo. Perché, sostengono molti israeliani, non c’è corsa politica senza la «benedizione», a modo suo, degli attori di «Eretz Nehederet».

Nel primo lunedì – giorno in cui va in onda – tutti i candidati leader sono stati inseriti nella saga di «Guerre Stellari». Allora ecco il finto Benjamin Netanyahu recitare la parte dell’imperatore del Male. Ecco Avigdor Lieberman, ministro degli Esteri, nei panni di Darth Vader. E più in là l’accoppiata Isaac Herzog – Tzipi Livni (insieme nel blocco di centro-sinistra) impersonare, rispettivamente, Luke Skywalker e la principessa Leila. Con Herzog-Skywalker, preso in giro per la sua voce nasale, dipinto come una sorta di sfigato. Nulla a che fare con Netanyahu che, nella trasmissione, ricorda più in un ganassa.

Yair Lapid, Isaac Herzog e Tzipi Livni presi in giro durante la prima puntata di quest'anno della nuova stagione di "Eretz Nehederet" (fermo immagine da Canale 2 / Keshet)

Yair Lapid, Isaac Herzog e Tzipi Livni presi in giro durante la prima puntata di quest’anno della nuova stagione di “Eretz Nehederet” (fermo immagine da Canale 2 / Keshet)

C’è pure spazio per Yoda, che è rappresentato dal finto Shimon Peres, l’ex presidente d’Israele, 91 anni compiuti e uno dei volti del Paese. Ma quando gli altri protagonisti chiedono a Peres come vincere un’elezione lui sparisce: pur avendo fatto diverse volte il primo ministro, l’ex capo dello Stato non ha mai vinto un’elezione.

«Le guerre e le elezioni sono il carburante di uno spettacolo come questo: quello che non è un bene per il Paese lo è per “Eretz Nehederet”», dice all’Associated Press Roy Bar-Natan, attore comico che recita la parte di Isaac Herzog. «Lo show mette in evidenza due tipi di sentimenti: l’alienazione e il cinismo nei confronti della classe politica israeliana», aggiunge Meital Balmas-Cohen, docente alla Hebrew University che sulla trasmissione nel 2012 ha scritto uno studio.

«Noi cerchiamo di fare il nostro lavoro, in realtà: quello che poi la gente pensa quando ci vede è affare loro», spiega all’agenzia Reuters Muli Segev, produttore dello spettacolo. «Non lasciamo nessuno fuori dalle nostre prese in giro», precisa in seguito all’Ap. «Ma è ovvio che ci concentriamo soprattutto sui più potenti».

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu (a destra) con il suo clone Mariano Idelman durante la trasmissione (foto da Facebook)

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu (a destra) con il suo clone Mariano Idelman durante la trasmissione (foto da Facebook)

Per questo il primo ministro uscente, Benjamin Netanyahu, è l’obiettivo numero uno. Anche dopo il 16 aprile 2013, quando negli studi si presentò lui stesso, in persona, a prendersi in giro di fronte alle telecamere e a fare da spalla a Mariano Idelman, il comico che veste proprio i panni del premier. Altro «protagonista» delle battute è Avigdor Lieberman. Non solo per le sue origini russe, ma anche il suo atteggiamento da buttafuori delle discoteche (quale è stato, davvero, anni fa).

Ebrei ultaortodossi con le divise militari. Arabi oggetto di razzismo. Olocausto. Aggressioni sessuali. Attacchi terroristici. «Eretz Nehederet» non ha pudore. Non ha tabù. E poco si spaventa di chi guida il Paese. Tanto che, mentre Moshe Katsav – ex capo dello Stato – era sotto processo per violenza sessuale in trasmissione non si sono fatti scrupoli e l’hanno raffigurato mentre palpeggia le signorine. Stesso «trattamento» per Ehud Olmert, l’ex primo ministro, condannato per corruzione. Nella nuova stagione compare – quello vero – nella «wall of fame» di una fantomatica Scuola di governo e corruzione.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Elezioni in Israele, se a decidere saranno errori e scandali

Isaac Herzog, leader laburista, e Tizpi Livni, al vertice dei centristi di Hatnua, mentre annunciano l'accordo elettorale e la creazione del blocco Campo sionista (foto Flash 90)

Isaac Herzog, leader laburista, e Tizpi Livni, al vertice dei centristi di Hatnua, mentre annunciano l’accordo elettorale e la creazione del blocco Campo sionista (foto Flash 90)

Noi o lui. Noi o loro. Comunque vadano le elezioni del 17 marzo in Israele c’è già un vincitore: la personalizzazione della politica. Per cui i partiti sono relegati sullo sfondo. E in scena la sfida è tutta giocata sui volti dei leader e sulle loro parole, sulle malefatte (presunte) delle mogli e sugli scandali (denunciati) degli assistenti. Soprattutto: sull’alternativa netta. Per cui o è bianco o è nero, o è una parte o l’altra. O «noi» o «loro», appunto.

I politologi locali concordano tutti su una cosa: mai campagna elettorale è stata così «rumorosa», pure per una realtà – come quella israeliana – di solito abituata a percorsi senza strappi, senza eccessi. Stavolta più della sostanza si bada agli errori, agli scivoloni dei candidati. «Non c’è molto da dire: è una guerra basata tutta su chi getta più fango sugli avversari», sintetizza Hanan Crystal, analista politica molto ascoltata su Radio Israele. «Dove però ci porterà tutto questo nessuno lo sa».

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e la moglie Sara al voto durante le primarie del Likud, il partito del premier, lo scorso 31 gennaio (foto di Bernat Armangue / Ap)

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e la moglie Sara al voto durante le primarie del Likud, il partito del premier, lo scorso 31 gennaio (foto di Bernat Armangue / Ap)

Non è un caso se a tenere banco – più della sicurezza, più dell’Iran, più di Hezbollah, più dell’economia – ecco, non è un caso se a dominare per giorni la scena politica è stato il «bottiglia-gate» della moglie del premier (uscente) Benjamin Netanyahu. Scrive il quotidiano Haaretz – dopo aver ottenuto documenti da un tribunale – che Sara Netanyahu avrebbe preteso che gli assistenti riportassero al supermercato i vuoti delle bottiglie per avere indietro dieci centesimi di deposito per ciascuna.

Peccato, fa notare Haaretz, che quelle bottiglie erano state comprate dalla famiglia del primo ministro con i soldi dei contribuenti. E la first lady – psicologa ed ex assistente di volo – finisce per l’ennesima volta al centro delle critiche per il suo stile di vita giudicato eccessivo.

Forse finirà anche questo «caso» per decidere le sorti delle elezioni. Soprattutto perché gli ultimi due sondaggi – quelli commissionati dai quotidiani Yedioth Ahronoth e Ma’ariv – vedono il Likud, il partito di Netanyahu, e il Campo sionista (laburisti e centristi di Tzipi Livni) di fatto alla pari. Secondo lo Yedioth il centro-sinistra dovrebbe vincere 25 seggi (su 120) contro i 24 di Netanyahu. Per Ma’ariv sarebbe l’esatto opposto. Quando Netanyahu decise di mandare tutti a casa, però, era convinto di vincere le elezioni e di diventare – per la quarta volta – premier.

In una vignetta di Haaretz i candidati alle prossime elezioni del 17 marzo

In una vignetta di Haaretz i candidati alle prossime elezioni del 17 marzo

«O noi o lui», recita lo slogan del centro-sinistra. «O noi o loro», ribatte il Likud di Netanyahu. Niente più sicurezza o economia al centro del dibattito. Ma l’invito – esplicito – a una scelta di campo. Il perché è spiegato, secondo alcuni analisti: dal momento che il premier uscente è percepito come una figura forte e autorevole nel Paese l’opposizione non può che fare leva su altri aspetti.

«Da anni è in atto un percorso per cui gli elettori si interessano di più delle personalità dei candidati e meno ai partiti e alle ideologie. Questo non succedeva prima», ragiona Gideon Rahat, professore alla Hebrew University. Un aspetto che spiegherebbe la sfilza di attacchi personali tra leader.

Naftali Bennett, leader di Focolare ebraico (che sarebber il terzo più votato, secondo i sondaggi) con il premier uscente Netanyahu (foto Flash90)

Naftali Bennett, leader di Focolare ebraico (che sarebber il terzo più votato, secondo i sondaggi) con il premier uscente Netanyahu (foto Flash90)

Mentre i sondaggi fanno il loro corso, si discute molto sui blocchi. Perché se da un lato c’è Netanyahu, dall’altro c’è il Campo sionista. Uno strano blocco di centro-sinistra. Strano perché alla base c’è un accordo tra due partiti – Labur e Hatnua di Livni – per cui in caso di vittoria il posto di primo ministro verrà occupato dai due leader: Isaac Herzog nei primi due anni di governo, Tzipi Livni negli altri due. Pazienza se per molti questo avvicendamento non ci sarà.

Herzog è sempre più visto come l’alternativa a Netanyahu. Da settimane il leader laburista si batte contro le ineguaglianze sociali ed economiche del Paese e ha promesso pure di riportare lo Stato ebraico in un contesto internazionale, cosa che – secondo lui – ora non c’è a causa delle politiche del premier uscente.

Resta, sullo sfondo, la sfilza di partiti e partitini. Perché è chiaro già da ora – a meno di grandi sconvolgimenti – che né il Likud né il Campo sionista potranno governare da soli. Avranno bisogno di allearsi con altre formazioni. Ma con chi? A vedere lo spettro politico israeliano i giochi sono più facili per Netanyahu. Il quale potrebbe pure prendersi una ventina di seggi. Ma avendo a disposizioni molti più possibili alleati. Da Kahlon a Lieberman, da Bennett agli ultraortodossi.

© Leonard Berberi

Standard
politica

Cartoni animati al vetriolo e canzoni: in Israele è iniziata la campagna elettorale

Il fermo immagine della canzone-spot di Meretz, la sinistra israeliana (da YouTube)

Il fermo immagine della canzone-spot di Meretz, la sinistra israeliana (da YouTube)

Inizia a muoversi qualcosa sotto il cielo d’Israele a meno di cinquanta giorni dalle elezioni. Per ora la sfida si gioca molto sui social network e a suon di canzoni. Intanto la Commissione elettorale centrale di Gerusalemme ha reso noto il numero degli aventi diritto di voto alla tornata del 17 marzo: 5.881.696 persone potranno esprimere la loro preferenza. Nel 2013 l’affluenza definitiva è stata del 67,7 per cento.

I principali candidati politici alle elezioni del 17 marzo in Israele (da Canale 2)

I principali candidati politici alle elezioni del 17 marzo in Israele (da Canale 2)

L’ultimo sondaggio – La principale tv privata, Canale 2, ha mostrato l’ultimo sondaggio in ordine di tempo su chi, secondo gl’israeliani, dovrebbe guidare il Paese (qui lo speciale). A livello di partiti il blocco di centro-sinistra (chiamato «Blocco sionista») – formato dai partiti Labor (guidato da Isaac Herzog) e Hatnua (guidato da Tzipi Livni) – batterebbe il Likud di Benjamin Netanyahu, premier uscente, 26 seggi (su 120 totali alla Knesset, il parlamento) a 23. Seguono Jewish Home (Naftali Bennett) 15 seggi, il blocco dei partiti arabi con 12, Yesh Atid (Yair Lapid) 9, Kulanu (Moshe Kahlon) 8, Israel Beitenu (Avigdor Lieberman) 7, Shas (ultraortodossi) 7, United Torah Judaism 7, Meretz (sinistra) 6. Insomma: se così dovesse essere sarà caos coalizioni. A livello di leadership è Netanyahu che scavalcherebbe Herzog con il 44,4 per cento delle preferenze contro i 35,4 del volto del centro-sinistra.

Qui Likud – Dopo aver tolto il video (ne abbiamo parlato qui) perché usava under 15enni a scopi elettorali il partito del primo ministro stavolta prende in giro – con un cartone animato (sopra) – direttamente i due leader del centro-sinistra (Herzog e Livni, i quali, in caso di vittoria, governerebbero a rotazione). Nel filmato si prende in giro proprio questo tandem e la «rotazia»: i due volti si vedono seduti di fronte al telefono rosso (quello delle emergenze) che a un certo punto suona. È Obama. Ma nessuno dei due alza la cornetta perché continuano a dirsi l’un l’altro «Tocca a te», «No, tocca a te», «Avevamo deciso per la rotazione». Così, fino alla fine. Fino a quando il telefono smette di squillare. E compare la scritta: «Nel momento della verità, Netanyahu».

Jeremy Bird, una delle principali "menti" delle campagne elettorali - vincenti - di Barack Obama (foto da web)

Jeremy Bird, una delle principali “menti” delle campagne elettorali – vincenti – di Barack Obama (foto da web)

L’anti-Netanyahu – Il quotidiano Haaretz, nella sua versione ebraica, scrive che Jeremy Bird, capo a livello nazionale della campagna elettorale di Obama nel 2012, ex vice direttore nazionale dell’associazione (pro Obama) «Organizing for America» (e tanto altro), si sposterà – momentaneamente – in Israele, da Washington – per gestire «una campagna elettorale contro Netanyahu fuori da Tel Aviv». I finanziamenti anti-Likud, secondo Haaretz, sembrano provenire fuori dallo Stato ebraico. Bird prenderà quindi una pausa dalla campagna di Hillary Clinton.

Ex calciatore famosissimo in Israele Eli Ohana (foto Flash 90)

Ex calciatore famosissimo in Israele Eli Ohana (foto Flash 90)

Qui Jewish Home – Campagna acquisti, è proprio il caso di dirlo, per Naftali Bennett: la formazione di destra ha «ingaggiato», pardon, candida Eli Ohana, ex famosissimo calciatore del Beitar Gerusalemme. «Senza nessuna esperienza politica», fanno notare i più maliziosi, «ed ex sostenitore del Likud di Netanyahu». Ohana sarà inserito – secondo quanto rivelato da Canale 2 – tra i primi dieci nella lista guidata da Bennett.

Yair Lapid (il secondo da sinistra, in prima fila) presenta i volti candidati del suo partito, Yesh Atid, che in ebraico vuol dire "C'è un futuro" (foto di Ben Kelmer / Flash 90)

Yair Lapid (il secondo da sinistra, in prima fila) presenta i volti candidati del suo partito, Yesh Atid, che in ebraico vuol dire “C’è un futuro” (foto di Ben Kelmer / Flash 90)

Qui Yesh Atid – Con il motto «Combattere per il nostro Paese» il leader Yair Lapid, ex ministro delle Finanze con Netanyahu, ha avviato la sua campagna elettorale da ieri sera. Tra i candidati ci sono Haim Jelin (al numero sette in lista) capo del Consiglio regionale di Eshkol, Elazar Stern (numero 12) ex Idf, l’esercito israeliano ed ex deputato di Hatnua, il partito di Tzipi Livni. Ma anche Zehorit Sorek (19 in graduatoria) attivista ortodosso per i diritti Lgbt.

Qui Meretz – Nemmeno la sinistra-sinistra sta ferma in queste ore. È diventato un vero tormentone il video-spot «Voglio Meretz al governo» (sopra): in un matrimonio – decisamente noioso – la musica cambia e tutti, compreso il leader (vero) Zahava Gal-Or iniziano a cantare insieme per il proprio partito. «Tutto è possibile – recita il messaggio – è una questione di scelte».

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Il vertice Netanyahu – Lapid e il collasso del governo

Yair Lapid, ministro delle Finanze (a sinistra) e Benjamin Netanyahu, primo ministro d'Israele (foto Flash 90)

Yair Lapid, ministro delle Finanze (a sinistra) e Benjamin Netanyahu, primo ministro d’Israele (foto Flash 90)

Lasciato in sospeso per giorni, alla fine l’incontro c’è stato. E se non stabilisce una data per le elezioni anticipate, di certo conferma una cosa che da tempo tutti davano ormai per certa: la dissoluzione dell’attuale coalizione che regge il governo di Benjamin Netanyahu. Bisogna soltanto capire, a questo punto, se il primo ministro ha già in testa la nuova configurazione dell’esecutivo – fuori i centristi laici, dentro l’ultradestra religiosa – o se si andrà alle urne prima della scadenza naturale. Forse già a marzo 2015.

È finito nella notte tra lunedì e martedì il faccia a faccia – tanto atteso, tanto richiesto, tanto temuto – tra Netanyahu e Yair Lapid, il ministro delle Finanze e il leader di Yesh Atid, il secondo partito più votato alle ultime elezioni. Ed è stato un incontro – l’ultimo, prima del precipizio – giocato però tutto all’attacco dal premier. Con una lunga sequenza di accuse, a partire da quella di aver danneggiato il governo e il Paese. E un elenco di cinque punti da far sottoscrivere a Lapid, il volto nuovo della politica israeliana, dopo anni da conduttore del principale telegiornale del Paese.

Così non è stato. Lapid non solo non s’è fatto spaventare. Ha a sua volta accusato Netanyahu di fare il gioco dell’estrema destra e di chi non vuole vedere la pace nel Paese e nell’area. «Il primo ministro vuole trascinarci tutti a elezioni anticipate, fregandosene dei bisogni e degli interessi degl’israeliani», ha commentato il ministro delle Finanze. «Io così non posso governare – gli ha ribattuto Netanyahu – e il mio popolo mi ha chiesto di guidarli. Se non si arriva a un accordo allora meglio andare ognuno per la sua strada e a elezioni anticipate».

Tzipi Livni, ministro della Giustizia, e Yair Lapid, ministro delle Finanze durante una riunione dell'esecutivo: sono loro i principali oppositivo della bozza di legge di Netanyahu (foto di Uriel Sinai/Pool/Epa)

Tzipi Livni, ministro della Giustizia, e Yair Lapid, ministro delle Finanze durante una riunione dell’esecutivo: sono loro i principali oppositivo della bozza di legge di Netanyahu (foto di Uriel Sinai/Pool/Epa)

Il vertice che doveva far riavvicinare le due teste dell’esecutivo è iniziato al calar del sole nell’ufficio di Netanyahu. Il quale, da subito, ha affrontato Lapid a muso duro. «Non si può andare avanti con questo governo dove tu, Yair, e il tuo partito non fate altro che attaccarci ogni giorno». Quindi ecco le cinque richieste, da firmare, da accettare, da digerire. Cinque richieste, fanno notare molti analisti, che avrebbero decretato la fine del partito di Lapid. La prima: basta attaccare il governo. La seconda: basta criticare l’esecutivo nel rapporto con gli Stati Uniti. La terza: votare la proposta di Netanyahu di istituzionalizzare l’«ebraicità» d’Israele nelle carte fondamentali, mossa giudicata al limite del razzismo di Stato da Lapid. La quarta: che Lapid, da ministro delle Finanze, dia 6 miliardi di shekel (circa 1,2 miliardi di euro) aggiuntivi alla Difesa, cosa che l’ex conduttore non vuole fare. La quinta: che sblocchi i fondi necessari perché l’esercito finisca di spostare le basi di addestramento nel sud del Negev.

Tutte richieste che Lapid ha rispedito al mittente con un secco «no». «I punti di Netanyahu sono irricevibili, ma è chiaro che lui vuole trascinarci a elezioni anticipate, anche se non sono nell’interesse d’Israele. I bisogni degl’israeliani sono in fondo alla lista delle priorità del primo ministro. Primo ministro che vuole andare al governo con gli ultraortodossi». Sulla stessa linea è anche Tzipi Livni, il ministro della Giustizia e leader di Hatnua, altra formazione molto critica nei confronti di Netanyahu. Livni è stata ricevuta dal primo ministro subito dopo Lapid. E anche in questo caso l’incontro non ha portato a nulla. Se non all’ufficializzazione della crisi e della prossima uscita dal governo.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu (foto Flash90)

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu (foto Flash90)

E ora che succede? Le strade, come scritto, sono due. Elezioni anticipate o una nuova squadra di governo con Netanyahu al vertice sorretto da una coalizione con il baricentro spostato fortemente a destra. Anche se uno degli esponenti di Shas, la formazione ultrareligiosa che potrebbe sostenere un nuovo esecutivo, ha fatto sapere che preferisce il voto in primavera.

Voto che, stando agli ultimi sondaggi, non dovrebbe aiutare più di tanto. Perché dalle urne non uscirebbe nessun partito dominante e nemmeno una coalizione forte. Il blocco di destra – con il partito di Netanyahu da guida – otterrebbe 48 seggi sugli almeno 61 richiesti per formare il governo. L’area degli ultraortodossi la spunterebbe con 15 seggi. Altri 24 andrebbero ai centristi, da Lapid (Yesh Atid) a Livni (Hatnua). Quindi la sinistra con 22 e gli arabi con 11.

A livello di partito il Likud, quello del primo ministro, sarebbe ancora il più votato fino ad avere 23 seggi. Jewish Home di Naftali Bennett – formazione che strizza l’occhio ai coloni in Cisgiordania – balzerebbe al secondo posto con 18 seggi. I Laburisti strapperebbero 14 parlamentari. Lapid scenderebbe a 13 seggi. Gli ultra-ortodossi andrebbero a 15. La sinistra di Meretz a 8. Avigdor Lieberman – ministro degli Esteri e leader di Yisrael Beitenu – non supererebbe i 7 seggi, Moshe Kahlon – ex ministro di Netanyahu – vincerebbe 7 seggi con il suo nuovo partito, gli arabi con 11 e Livni con 4.

© Leonard Berberi

Standard