attualità

Bibi e Obama, così i due alleati si spiavano a vicenda

.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu (a sinistra) con il presidente americano Barack Obama nell’ncontro alla Casa Bianca, a Washington, il 9 novembre 2015 (foto di Haim Zach / Gpo)

In pubblico le strette di mano, qualche sorriso e più di uno screzio. In privato si spiavano a vicenda con un’intensità inaudita. Il primo registrando le conversazioni tra il premier con i suoi alti ufficiali, con i deputati del Congresso Usa e i leader dei più influenti gruppi ebraici americani nel tentativo di bloccare qualsiasi piano di sabotaggio. Il secondo facendo inseguire dai suoi 007 membri della Casa Bianca spediti in giro per il mondo a riannodare i fili della diplomazia con l’Iran e quindi spifferando tutto alla stampa internazionale.

C’è un nuovo imbarazzo diplomatico sull’asse Washington-Gerusalemme: il Wall Street Journal, citando attuali ed ex funzionari statunitensi, scrive che la National Security Agency ha intercettato per molto tempo Benjamin Netanyahu [link a pagamento], primo ministro d’Israele, nel tentativo di contrastare la campagna del leader mediorientale contro eventuali strette di mano con Teheran. Un timore, quello di Obama, fondato. Perché – come le intercettazioni dell’Nsa hanno poi confermato – diverse spie israeliane hanno in effetti registrato materiale importante, l’hanno consegnato a Gerusalemme che a sua volta l’ha fatto filtrare attraverso i giornali locali.

È a questo punto che la Nsa è entrata in gioco permettendo all’amministrazione Usa di infiltrarsi nei tentativi israeliani di spingere la maggioranza del Congresso americano a votare contro l’accordo sul nucleare della Repubblica islamica. Tra gli esponenti più attivi, in chiave anti-Obama e anti-Iran, il Wsj riporta il nome di Ron Dremer, ambasciatore d’Israele negli Stati Uniti. Il tutto dopo gennaio 2014, quando dopo lo scandalo Datagate – seguito alle rivelazioni di Edward Snowden – Obama promise che avrebbe interrotto qualsiasi atto di spionaggio nei confronti dei leader stranieri.

Cosa che effettivamente sarebbe successa – secondo il quotidiano americano – tranne che nei confronti di Netanyahu sul quale il capo della Casa Bianca avrebbe chiesto di «pedinarlo» nel timore che potesse nuocere alle trattative con Teheran.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard
attualità

La nuova vita degli israeliani e le scelte di Netanyahu

Due poliziotti controllano tra gli scaffali di un supermercato di Gerusalemme dove si nasconde un palestinese che ha appena accoltellato un'israeliana 70enne (foto Reuters)

Due poliziotti controllano tra gli scaffali di un supermercato di Gerusalemme dove si nasconde un palestinese che ha appena accoltellato un’israeliana 70enne (foto Reuters)

L’«Intifada dei coltelli» è proprio come l’avevano immaginato: uno stillicidio quotidiano. Esattamente quello che nel 2011 i vertici dell’intelligence israeliana avevano prospettato al premier Benjamin Netanyahu. E quello che Falafel Cafè aveva anticipato undici giorni fa. Quando le aggressioni erano ancora poche. Quando si pensava si sarebbe spento tutto. Così come spesso si spengono i fuochi che compaiono senz’alcuna avvisaglia in Cisgiordania e a Gerusalemme Est.

Ma se c’è una cosa che queste prime due settimane di ottobre hanno fatto è rispolverare negl’israeliani – negli ebrei – quello stato d’allerta, quel senso d’insicurezza, di precarietà che molti avevano seppellito in fondo dopo la «Seconda Intifada» durato quasi quattro anni e mezzo (autunno 2000 – inverno 2005) e con un bilancio da guerra civile che s’è portato sottoterra 1.010 cittadini israeliani, 3.179 palestinesi, 55 stranieri.

Protestante palestinese colpito dalle forze dell'ordine israeliane (foto di Ali Hassan/Anadolu Agency/Getty Images)

Protestante palestinese colpito dalle forze dell’ordine israeliane (foto di Ali Hassan/Anadolu Agency/Getty Images)

Nel 2015 i coltelli e le accette compaiono quando meno te l’aspetti. «Anche perché noi e i palestinesi non siamo diversi fisicamente, è difficile individuare subito il malintenzionato», racconta – abbastanza scoraggiata – una 26enne di Tel Aviv. La notizia buona – ammesso che ce ne sia una in questi giorni che hanno registrato la morte di una trentina di persone tra ebrei ed arabi – ecco, la notizia «buona» la spiega una fonte del governo israeliano: dice, la fonte, che nell’incontro notturno dello scorso 13 ottobre lo Shin Bet – l’intelligence interna – ha spiegato a Netanyahu che no, non si ripeterà una «Seconda Intifada» né per modi né, soprattutto, per tempi. «Ci dobbiamo aspettare ancora aggressioni contro gli ebrei – è stato il ragionamento –, ma i numeri torneranno abbastanza presto ai livelli “fisiologici”».

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu poco prima di parlare alla Knesset, il parlamento israeliano il 12 ottobre 2015 (foto di Gali Tibbon / Afp)

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu poco prima di parlare alla Knesset, il parlamento israeliano il 12 ottobre 2015 (foto di Gali Tibbon / Afp)

A incoraggiare lo scenario degli 007 è l’adesione davvero degli arabo-israeliani (il 21% della popolazione circa). E la posizione del presidente palestinese Mahmoud Abbas che ha invitato i suoi a fermare qualsiasi violenza. Ma è un incoraggiamento che – hanno ammesso gli stessi responsabili della sicurezza nazionale – si regge su basi fragile nel medio e lungo periodo. Nel panorama locale cambia tutto molto in fretta. Hamas ha già chiamato i palestinesi a darsi da fare scavalcando le recinzioni e le mura per attaccare gl’israeliani. Netanyahu, poi, deve badare pure a quello che succede nella Siria in fiamme: migliaia di soldati iraniani – ha raccontato l’agenzia Reuters un paio di giorni fa – sarebbero arrivati per preparare l’offensiva via terra in due grandi città dello Stato arabo.

Alcuni parenti guardano verso il feretro di Alon Govberg, ucciso in un attacco da un palestinese a Gerusalemme martedì 13 ottobre (foto di Abir Sultan / Epa)

Alcuni parenti guardano verso il feretro di Alon Govberg, ucciso in un attacco da un palestinese a Gerusalemme martedì 13 ottobre (foto di Abir Sultan / Epa)

Martedì notte, la sera del vertice di sicurezza dove la tensione ha preso più di una volta il posto della diplomazia e della mente lucida, è stato anche il momento in cui esperti militari e diplomatici hanno sintetizzato al primo ministro israeliano un ragionamento che nelle cancellerie europee e in quella statunitense domina da ormai mesi: lo Stato ebraico ha tassi di “simpatia” internazionale tra i più bassi di sempre. Qualsiasi decisione dura di Netanyahu finirebbe per isolare il Paese ancora di più. Questo potrebbe spiegare perché le misure eccezionali prese dal premier – alcune accusate di essere pure al limite della costituzionalità – hanno colto di sorpresa gl’israeliani per il loro impatto «soft».

Diversi analisti dello Stato ebraico lanciano poi l’allarme alle «macerie ideologiche» che questa «Intifada dei coltelli» lascerà sulla popolazione israeliana. «Macerie» che – denunciano – si vedono e si sentono già nei video che accompagnano le aggressioni dei palestinesi: urla di odio, parole che incitano a «neutralizzare» (cioè a uccidere) subito il violento. In un filmato un civile chiede esplicitamente al poliziotto: «Ma che cosa tiri fuori a fare lo spray al peperoncino, ammazzalo subito quel bastardo palestinese!».

Un sondaggio condotto dalla società Migdam per la tv privata Canale 2 ha trovato che la stragrande maggioranza degl’israeliani si ritiene per nulla contento della gestione della crisi attuale da parte di Netanyahu. Il 35% si è detto «insoddisfatto» mentre il 38% «molto insoddisfatto». E quando è stato chiesto il nome della persona più adatta a far finire le violenze il 22% ha detto che quella persona è l’ultranazionalista Avigdor Lieberman, ex ministro degli Esteri, un altro 17% ha risposto Naftali Bennett, capo del partito dei coloni e solo il 15% ha indicato Netanyahu. In fondo, molto in fondo, Herzog, leader del centro-sinistra (5%) e il centrista Yair Lapid (4%).

Insomma: il Paese, ad oggi, si è spostato a destra. Più di prima. E questo, per il governo Netanyahu che «vive» con un solo un voto di maggioranza potrebbe tradursi nella sua caduta. Nelle elezioni anticipate. E nel trionfo di nazionalisti e ultrareligiosi.

© Leonard Berberi

Standard
politica

Sicurezza e rivali, ecco come Netanyahu corre verso la vittoria (salvo sorprese)

Il primo ministro israeliano uscente Benjamin Netanyahu saluta i suoi supporter il 23 gennaio 2013 (foto di Yotam Ronen/Activestills)

Il primo ministro israeliano uscente Benjamin Netanyahu saluta i suoi supporter il 23 gennaio 2013 (foto di Yotam Ronen/Activestills)

Tutto deciso. Salvo sorprese. Perché alle elezioni mancano ancora dei giorni (23, per la precisione). E perché lo scenario mediorientale – incasinato com’è, soprattutto in questi ultimi anni – non lascia spazio alla prevedibilità.

E però chi ha avuto contatti con lo staff di Benjamin Netanyahu parla di un’atmosfera elettrizzante dentro il Likud, il partito del primo ministro israeliano uscente. Se non ci saranno imprevisti – e scossoni – verso le 23 del prossimo il 17 marzo dovrebbe essere proprio Netanyahu a tenere il discorso della vittoria. Con tanto di ringraziamenti – di rito – al popolo. E ai suoi nuovi alleati. Alleati che poi tanto nuovi non sono. E che, comunque, saranno non pochi. Almeno cinque.

La proiezione della distribuzione dei seggi al parlamento israeliano sulla media dei sondaggi di questi giorni (da Haaretz)

La proiezione della distribuzione dei seggi al parlamento israeliano sulla media dei sondaggi di questi giorni (da Haaretz)

E comunque. A incoraggiare «Bibi» (come viene chiamato il premier) sono i sondaggi. A rincuorarlo sono le proiezioni. Dall’altra parte, nell’area di centro-sinistra, non si arriva a quota 61 seggi, quelli necessari per formare il governo. Di più. Anche mettendo insieme un ampio spettro politico – dall’«Unione sionista» (il ticket formato da laburisti e la formazione di Tzipi Livni) fino al blocco dei partiti arabo-israeliani passando per quelli di destra come «Kulanu» – si potrebbe arrivare a 60 seggi. Ma è un’ipotesi di scuola remota. Per non dire impossibile.

Dal suo lato, per il Likud splende il sole. Certo, Netanyahu dovrebbe mettersi insieme con altri cinque partiti – «Habayit Hayehudi» di Naftali Bennett, «Kulanu» dell’ex ministro di Netanyahu, Moshe Kahlon, «Yisrael Beitenu» di Avigdor Lieberman, «Shas» (ultraortodossi), «United Torah Judaism» – ma almeno il campo politico e ideologico è a destra. Niente più accordi e strette di mano con il centro, insomma. Niente più ricatti – questo ha sempre denunciato Bibi – per mano di Tzipi Livni e Yair Lapid.

I due slogan a confronto. Quello di Unione sionista (in alto) recita "Noi o lui" dove "lui" è Netanyahu. Quello del Likud, sopra, replica: "Noi o loro" dove "loro" sono quelli di Unione sionista

I due slogan a confronto. Quello di Unione sionista (in alto) recita “Noi o lui” dove “lui” è Netanyahu. Quello del Likud, sopra, replica: “Noi o loro” dove “loro” sono quelli di Unione sionista

Insomma, Netanyahu. Di nuovo. Da quattordici anni. Nonostante le gaffe. Le accuse. I passi falsi. Le frasi inopportune. Le visite non richieste. I discorsi non graditi. Per chi guarda da fuori la scena politica israeliana lo stupore non è poco. Come può uno come Netanyahu – da anni in prima linea, da settimane al centro delle polemiche – ecco, come può ancora lui essere il favorito alle prossime elezioni?

In realtà quelle che sono apparse come figuracce sembravano volute. Per accreditare il primo ministro come un garante della religione (quando invita gli ebrei europei a trasferirsi in Israele). Per trasformarlo nel salvatore della Patria (quando ricorda i pericoli che rappresentano Isis, Hamas, Hezbollah, l’Iran). Per etichettarlo come bastione degl’israeliani in Medio Oriente e nel mondo (quando s’impone su Washington e decide di andare a parlare al Congresso Usa nonostante la contrarietà della Casa Bianca oppure quando va a far campagna elettorale negl’insediamenti in Cisgiordania).

Isaac Herzog (leader laburista) e l'ex ministro della Giustizia Tzipi Livni (leader di Hatnua) alla presentazione ufficiale del blocco di centro-sinistra Unione sionista lo scorso 10 dicembre (foto Reuters)

Isaac Herzog (leader laburista) e l’ex ministro della Giustizia Tzipi Livni (leader di Hatnua) alla presentazione ufficiale del blocco di centro-sinistra Unione sionista lo scorso 10 dicembre (foto Reuters)

Sicurezza. Sicurezza. Sicurezza. Il Likud gioca su questo argomento. Il centro-sinistra no. Anzi. Non solo non riesce a portare – finora – la campagna su un tema «delicato» per Netanyahu, l’economia. Ma non si è nemmeno accreditato come alternativa al premier uscente proprio sulla sicurezza. Da una parte (il Likud) la chiarezza politica. Dall’altra (Unione sionista) messaggi poco chiari. Da una parte un volto (Netanyahu). Dall’altra due (Isaac Herzog e Tzipi Livni). In tutto questo il centro-sinistra deve scontare la poca notorietà di Herzog. Leader dell’opposizione da anni, è poco conosciuto nell’elettorato. Fa parte dei «Kennedy d’Israele», gli Herzog, e il papà Chaim è stato il sesto presidente dello Stato d’Israele.

Un handicap che Herzog – e Livni, e gli staff – conosce. E non è un caso se, intervistato dal settimanale tedesco Der Spiegel, ha risposto così alla domanda sul tipo di leader per lui migliore: «Levi Eshkol, primo ministro durante la guerra dei Sei giorni nel 1967, per me è un modello. Non era molto carismatico, ma è stato semplicemente un premier eccellente e un grande capo».

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Le incognite del voto di marzo (e del futuro premier d’Israele)

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu durante la conferenza stampa in cui annuncia la fine della maggioranza e chiede le elezioni anticipate (foto Reuters)

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu durante la conferenza stampa in cui annuncia la fine della maggioranza e chiede le elezioni anticipate (foto Reuters)

L’ufficio del primo ministro d’Israele non è molto grande. A vederlo così – con una scrivania, una libreria, una tv a schermo piatto, tende chiare che coprono le finestre da cima a fondo e una lampada da tavolo – ha tutte le caratteristiche di un normale ufficio. E però è qui che vengono prese le decisioni più importanti per milioni di persone. Decisioni che, per dirla con molti analisti, «spesso sono di vita e di morte».

Per entrare nella stanza più «intima» del primo ministro d’Israele bisogna aprire due porte. La prima introduce a una stanzetta, una sorta di disimpegno. La seconda alla scrivania delle scelte storiche. Il premier Benjamin Netanyahu – nonostante le accuse di essere uno spendaccione – l’ha sempre voluto tenere così il suo studio: semplice. Perché è da lì che si fa vedere in tv alla nazione. È da lì che spiega a centinaia di migliaia di persone che cosa succederà nei giorni successivi.

Netanyahu durante la registrazione di un'intervista televisiva dal suo studio gli ultimi giorni di novembre scorso (foto da Facebook)

Netanyahu durante la registrazione di un’intervista televisiva dal suo studio gli ultimi giorni di novembre scorso (foto da Facebook)

Ma queste potrebbero essere le ultime settimane di Netanyahu là dentro. Il voto del 17 marzo 2015 – voto anticipato, dopo il collasso dell’esecutivo – rischia di chiudere la sua carriera politica. Anche se i sondaggi, per ora, danno il suo partito – di destra – al comando. Anche se le altre formazioni di destra uscirebbero ancora più rafforzate di prima. Perché quella del 17 marzo non sarà un’elezione. Sarà un referendum. Su Netanyahu. Il primo ministro che – per molti – ha difeso l’esistenza d’Israele. Per tanti altri ha seppellito qualsiasi tentativo di far la pace con i palestinesi.

Le incognite non mancano. Al netto dei sondaggi – che certo nel Paese hanno dimostrato abbastanza affidabilità – il premier dovrà vedersela con un quadro geopolitico cambiato. Sempre più nazioni – anche se in via simbolica – votano per il riconoscimento dello Stato di Palestina. Gli Stati Uniti non nascondono l’insofferenza per l’attuale classe dirigente. L’Unione europea si prepara a cambiare registro diplomatico e a cercare di penalizzare ancora di più l’economia degli insediamenti. Il mondo arabo ribolle. La Siria è collassata. Gli estremisti dell’Isis minacciano la sicurezza d’Israele. In generale la vita quotidiana degli ebrei – in Medio Oriente, in Europa, negli Usa – è diventata più complicata. E questo, dietro la tendina del seggio elettorale potrebbe finire per fare la differenza.

Yair Lapid, ex conduttore di tg, ex ministro delle Finanze e leader di Yesh Atid a Gerusalemme lo scorso 2 dicembre subito dopo essere stato "licenziato" dal premier Netanyahu (foto di Yonatan Sindel/Flash90)

Yair Lapid, ex conduttore di tg, ex ministro delle Finanze e leader di Yesh Atid a Gerusalemme lo scorso 2 dicembre subito dopo essere stato “licenziato” dal premier Netanyahu (foto di Yonatan Sindel/Flash90)

«La verità è che il prossimo primo ministro – chiunque esso sia – potrebbe trovarsi a dover ricoprire l’incarico più delicato e difficile della storia dello Stato d’Israele», commenta Eitan Haber sul quotidiano Yedioth Ahronoth. «La questione non riguarda più la tutela della vita dei cittadini israeliani contro il terrorismo. Il problema non sono più soltanto Hezbollah o Hamas. La questione più grande è l’aumento dell’onda islamica in quasi tutto il mondo, e sicuramente in Europa e Medio Oriente.

«Il premier Netanyahu ha ragione su una cosa: gl’israeliani si meritano un governo migliore», spiega Sima Kadmon, analista sempre per lo Yedioth Ahronoth, il giornale più venduto nel Paese. Ma è l’unica cosa che lei concede al primo ministro. Perché, continua, «la conferenza stampa in cui ha dichiarato il collasso del suo esecutivo è stata patetica. La lista della spesa con gli esempi delle presunte malefatte dei suoi due ministri dissidenti (Yair Lapid, ex capo delle Finanze, e Tzipi Livni, ex guida della Giustizia) è stata così ridicola che nessuno alla fine voleva ricordargli tutte le cose che ha fatto lui quand’era ministro contro il suo stesso premier, Ariel Sharon». «Il tipo di governo che Netanyahu ci sta offrendo – chiude Kadmon – è quello della destra estrema e degli ebrei ultraortodossi. Sono loro i suoi alleati naturali. Solo con loro lui si sente a casa».

Moshe Kahlon, ex ministro delle Comunicazioni con Netanyahu, ora leader di un partito - che non ha ancora un nome - ma che secondo i sondaggi dovrebbe andare molto bene (foto Flash90)

Moshe Kahlon, ex ministro delle Comunicazioni con Netanyahu, ora leader di un partito – che non ha ancora un nome – ma che secondo i sondaggi dovrebbe andare molto bene (foto Flash90)

La stampa si è molto divisa sulla crisi di governo e sull’annuncio delle elezioni anticipate. Ma nessuno, a questo punto, può negare che a livello politico sta succedendo quello che – storicamente – succede da vent’anni a questa parte: il blocco di destra torna compatto, quello di sinistra continua ad essere minoritario, mentre il centro è alla ricerca di un’identità. E intanto dialoga con la sinistra. Nella speranza di avere almeno 61 seggi (su 120) al parlamento.

In tutto questo – e tolte le incognite esterne – ce ne sono almeno cinque «interne». Incognite importanti. Che potrebbero spostare di qua o di là migliaia di voti. Per esempio: quanti voti «ruberà» a Netanyahu il partito (che non ha ancora un nome) di Moshe Kahlon, ex ministro delle Comunicazioni proprio con Netanyahu? E Avigdor Lieberman, di destra anche lui con la sua Yisrael Beitenu e ministro degli Esteri, quanto riuscirà ad attirare l’elettorato di origine sovietica, visto che quella è anche la sua origine? E le formazioni ultrareligiose – quelle sedotte e abbandonate da Netanyahu nel 2013 – perdoneranno l’attuale primo ministro o gli diranno no a una possibile coalizione? E gli arabo-israeliani, un quinto della popolazione totale, andranno a votare in massa questa volta o diserteranno le urne come fanno da decenni? E la sicurezza – che va dal diritto d’esistere alla salvaguardia dei confini – quanto peserà al momento del voto?

© Leonard Berberi

Standard
attualità

La nuova vita degli ebrei in Iran: “Ci sentiamo al sicuro”

Un iraniano di religione ebraica prega alla sinagoga di Molla Agha Baba Synagogue, a Yazd, 676 chilometri a sud di Teheran, la capitale dell'Iran (foto di Ebrahim Noroozi/Ap)

Un iraniano di religione ebraica prega alla sinagoga di Molla Agha Baba Synagogue, a Yazd, 676 chilometri a sud di Teheran, la capitale dell’Iran (foto di Ebrahim Noroozi/Ap)

Dice Mahvash Kohan che ora va meglio. Che ora, addirittura, «nessuno se ne vuole andare da qui». «Non come negli anni Ottanta, quando avevamo paura ed eravamo sotto pressione – racconta –. Oggi non siamo più preoccupati. Ci sentiamo al sicuro e gustiamo la libertà».

Kohan è una donna iraniana ed ebrea. Vive a Shiraz, 940 chilometri a sud di Teheran. Qualche giorno fa è stata a Yazd per un pellegrinaggio alla tomba di Harav Oursharga. Ed è lì, in quella città che ha tenuto ancora molto dell’antica Persia, che ha raccontato all’Associated Press la nuova vita di chi come lei, vive sì nello Stato islamico, ma che da decenni si sente minoranza minacciata per via della religione.

Il fatto è che in Iran gli ebrei ci vivono da più di tremila anni. E quella iraniana rappresenta la comunità ebraica più numero del Medio Oriente. Israele esclusa, ovvio. I numeri si sono ridotti e di molto, soprattutto dopo la Rivoluzione khomeinista del 1979: migliaia di persone hanno lasciato il Paese, spaventate dalla piega religiosa.

La preghiera nella sinagoga di Yazd con i tefillin (i filatteri) e altri simboli religiosi (foto di Ebrahim Noroozi/Ap)

La preghiera nella sinagoga di Yazd con i tefillin (i filatteri) e altri simboli religiosi (foto di Ebrahim Noroozi/Ap)

Oggi ne sono rimasti circa 20 mila. Su 77 milioni di abitanti. Ma alcuni di loro, intervistati, spiegano che è cambiato qualcosa. E tutto questo, secondo la signora Kohan e tanti altri, succede soltanto da qualche mese e grazie a una persona: Hassan Rouhani, il presidente moderato che ha preso il posto del più radicale Mahmoud Ahmadinejad.

«Il governo stavolta ha sentito la nostra voce e le nostre preoccupazioni. Il fatto che veniamo quantomeno sentiti è una svolta importante», spiega Homayoun Samiah, numero uno dell’Associazione degli ebrei di Teheran. «Ma quando c’era l’altro presidente, Ahmadinejad, nessuno ci dava retta». Ahmadinejad nei discorsi pubblici ha detto più volte che l’Olocausto era un’«invenzione». Nel 2006 sponsorizzò pure una conferenza internazionale organizzata per discutere se il genocidio degli ebrei avesse mai avuto luogo durante la Seconda guerra mondiale.

L'ingresso della sinagoga di Molla Agha Baba di Yazd (foto di Ebrahim Noroozi/Ap)

L’ingresso della sinagoga di Molla Agha Baba di Yazd (foto di Ebrahim Noroozi/Ap)

Per questo Rouhani è una boccata d’ossigeno un po’ per tutti. Tanto che – raccontano gli stessi iraniani – ha permesso alle scuole ebraiche di restare chiuse di sabato per osservare lo Shabbat e ha pure donato 400 mila dollari a un’associazione benefica di Teheran. L’ultimo volta, poi, all’Assemblea generale delle Nazioni Unite di New York s’è portato pure l’unico deputato ebreo.

I gruppi per il rispetto dei diritti umani, però, non esultano. Denunciano che ancora oggi gli ebrei e le altre minoranze sono discriminate dai vertici dello Stato islamico. Ricordano che la tv di Stato iraniana ha trasmesso nel recente passato diversi programmi antisemiti. Ma «qualcosa» è meglio di «niente», almeno nella testa della signora Kohan. «Se siamo qui a Yazd è per celebrare il fatto d’essere ebrei – continua lei –. Siamo orgogliosi di praticare in piena libertà la nostra religione».

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Quegli otto ebrei catturati e uccisi mentre fuggivano dall’Iran

Cadaveri senza corpo. Omicidi senza assassini. Otto su undici sono morti. Uccisi nel tentativo di lasciare il loro Paese. Che, nel frattempo, era diventato il loro inferno in Terra. Dopo anni di indagini e inviati in territorio nemico, l’Istituto per l’intelligence e le operazioni speciali – meglio conosciuto come Mossad – è riuscito a fare luce sulla sparizione misteriosa negli anni Novanta di alcuni ebrei iraniani.

Sugli undici scomparsi, otto sono stati uccisi lungo i confini della Repubblica islamica «mentre lasciavano il Paese, probabilmente per venire in Israele». Il dossier, voluminoso, è stato presentato nei giorni scorsi al primo ministro Benjamin Netanyahu. Resta il giallo degli altri tre, la cui fine è ancora ignota.

Si chiude così, almeno per una parte dei parenti, uno dei capitoli più drammatici degli ebrei nati e cresciuti in Iran. L’indagine è stata voluta del premier stesso che ha incaricato David Meidan, suo consigliere e coordinatore delle operazioni di negoziazione e rilascio di prigionieri israeliani, di tirar su una squadra investigativa per dare una risposta a chi, da anni, chiedeva informazioni sulla sorte dei propri cari.

I parenti degli otto ebrei iraniani scomparsi nel 1994 e uccisi secondo il Mossad (foto Ufficio stampa del primo ministro israeliano)

I parenti degli otto ebrei iraniani scomparsi nel 1994 e uccisi secondo il Mossad (foto Ufficio stampa del primo ministro israeliano)

La storia è rimasta nascosta a lungo. Nel 1994 e 1997 undici ebrei con passaporto iraniano, in quattro gruppi, hanno tentato di abbandonare il Paese camminando per giorni. Ma quando i loro parenti, in Israele e negli Stati Uniti, hanno cercato di mettersi in contatto, non hanno avuto risposte. Dopo anni di battaglie e richieste al Parlamento israeliano e all’ufficio del primo ministro, Netanyahu ha dato l’ok alle ricerche.

«Dalle informazioni che abbiamo ricevuto da una fonte attendibile possiamo dire che gli otto iraniani spariti nel 1994 sono stati sicuramente fermati e assassinati», hanno raccontato dal Mossad. «Si sta lavorando sugli altri tre ebrei spariti, tutti partiti nel 1997, di cui non si sa ancora nulla». L’intelligence israeliana non ha fornito altre informazioni. Non ha spiegato, per esempio, chi abbia catturato gli otto del 1994 e chi li abbia uccisi.

Quello che si conosce sono i nomi. Babak Shaoulian-Tehrani aveva 17 anni al momento della sparizione. Abitava a Teheran. Come Shahin Nik-Khoo (19) e Omid Solouki (17). Salari Behzad, 21 anni, e Farad Ezati-Mahmoudi (22) vivevano a Kermanshah. Homayoun Bala-Zade (41) e Rubin Kohan-Mosleh (17) e Ibrahim Kohan-Mosleh (16), invece, avevano casa a Shiraz. Sono tutti morti, secondo il Mossad. Che ora cerca di capire se anche i tre di cui non si sa ancora nulla – Syrous Ghahremani, 32 anni, Ibrahim Ghahremani (61) Nourollah Rabi-Zade (52) – siano stati uccisi anche loro oppure sono prigionieri o fuggiti chissà dove, chissà come.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

L’annuncio (insolito) dello Shin Bet: cercasi aspiranti 007 che sappiano benissimo il cinese

shabak_terrorism

«A.A.A. cercasi aspiranti 007 che parlino cinese in modo perfetto e che lavorino a tutte le ore». Firmato: Shin Bet. Ora, che sia il Mossad a richiedere agenti segreti da mandare in giro e con capacità comunicative senza falle, si può anche capire. Ma che la richiesta venga dall’agenzia israeliana che si occupa della sicurezza interna, lo Shin Bet appunto, questo è particolare. I cinesi stanno minacciando, da dentro i confini, lo Stato ebraico?

La domanda, dopo la pubblicazione dell’annuncio sul sito ufficiale, se l’è posta il quotidiano Ma’ariv. Ed è arrivata a una conclusione: Gerusalemme è preoccupata dai cittadini cinesi presenti nel Paese e teme che qualcuno di questi riesca a captare un bel po’ di segreti da passare a Pechino che, a sua volta, ci metterebbe poco, pochissimo a rivenderli a Teheran.

La spiegazione sembra credibile. Ma fino a un certo punto. Come fa notare più di un analista «la Cina non ci pensa per niente ad avere problemi con Israele e difficilmente manderebbe suoi agenti, almeno ufficialmente, a rovistare tra i segreti dello Stato ebraico. Pechino sa che se venisse scoperto anche un solo uomo loro verrebbe interrotta qualsiasi relazione». Resta, quindi, un altro livello di spionaggio. Quello non ufficiale. Quello che fa affidamento a persone che nulla c’entrano con l’intelligence cinese. E che lavorano a «cottimo».

L'annuncio pubblicato sul sito ufficiale dello Shin Bet

L’annuncio pubblicato sul sito ufficiale dello Shin Bet

E la cosa, almeno per la Repubblica popolare asiatica, non sarebbe nemmeno impossibile da fare. Basterebbe guardare ai cantieri edili di alcuni insediamenti ebraici in Cisgiordania. Se l’80 per cento della manodopera è fatta di lavoratori palestinesi che – per soldi e solo per soldi – tirano su centinaia di case nelle colonie, c’è un venti per cento che, invece, ha passaporto cinese. Costano poco, rompono le scatole ancora meno. E, soprattutto, non sono arabi, musulmani, palestinesi. Sempre più colonie, soprattutto quelle estremiste, decidono di chiamare cinesi per costruire appartamenti, uffici e scuole. Una presenza, regolare, che però potrebbe portare qualcuno dei migranti a fare il doppio lavoro: di giorno a maneggiar la cazzuola, di notte a cercare tra i punti strategici d’Israele. Di qui l’«urgenza» di Gerusalemme a cercare qualcuno che parli cinese perfettamente da poter infiltrare tra i lavoratori.

In realtà ci sarebbe anche una seconda, possibile, spiegazione. Ancora più complicata e per questo suggestiva. Dice, questa spiegazione, che lo Shin Bet non vuole reclutare per infiltrare tra i cinesi, ma che cerca proprio i cinesi in modo che siano gli occhi e le orecchie della sicurezza interna tra le comunità di coloni radicali. Un modo per monitorare la situazione in modo discreto e per evitare atti di terrorismo ebraico contro interessi palestinesi. Proprio ora che tra le due parti si sta andando avanti sui colloqui di Pace.

«I cinesi sono normali, umili, lavorano e si fanno gli affari loro. Soprattutto sono affidabili», spiega un analista. «I residenti delle colonie più radicali si fidano di loro proprio per queste caratteristiche e si muovono abbastanza allo scoperto nel loro odio contro i palestinesi. Avere qualcuno che aggiorna su quello che succede, per lo Shin Bet sarebbe il massimo. Certo, mi chiedo se mettendo l’annuncio online in questo modo l’agenzia non rischi di rompere questa relazione speciale tra coloni estremisti e lavoratori cinesi».

© Leonard Berberi

Standard