attualità, tecnologia

E ora un’applicazione ti tiene aggiornato sugl’insediamenti ebraici in Cisgiordania

A vederla così, sulla mappa, sembra la nazione dei Puffi. Ma solo per via del colore delle casette. Perché nella realtà l’applicazione per l’iPhone – “Facts on the Ground” – è uno strumento di monitoraggio degl’insediamenti israeliani sul suolo palestinese. Con tanto di dati aggiornati.


(Falafel Cafè)

Il tutto – come abbiamo già scritto qualche giorno fa – è stato messo a punto dall’organizzazione statunitense “Americans for Peace Now” (Apn). Che oltre a offrire l’applicazione gratuitamente (la puoi scaricare qui), cura anche una pagina web con la stessa cartina e gli stessi dati per quelli che non possiedono l’iPhone.

Un’idea che però in Israele non è piaciuta molto. Soprattutto per quella presentazione forse politicamente scottante: «Facts on the Ground è un centro di monitoraggio continuo sull’espansione degl’insediamenti in Giudea e Samaria». E anche per le dichiarazioni del presidente dell’Apn, Debra DeLee. «Questa nuova applicazione mostra – senza filtri – le conseguenze che provocano gl’insediamenti costruiti in Cisgiordania», ha detto DeLee.

Nell’app per iPhone, gl’insediamenti ebraici sono mostrati come tante piccole casette blu su una cartina di Google Maps. Cliccando su ognuna delle casette si ricavano alcune informazioni su quell’insediamento: il nome, l’anno di costruzione, la popolazione, l’ideologia della maggioranza della popolazione che vi abita, il tipo di abitanti (ultraortodossi o secolarizzati), quanta terra è stata «sottratta» ai palestinesi e un grafico che mostra l’andamento anagrafico negli anni.

L’applicazione è disponibile in inglese sia per l’iPhone che per l’iPad. Presto sarà compatibile anche con il sistema operativo Android e anche in lingua ebraica.

© Leonard Berberi

Standard
tecnologia

Da Tom Cruise all’albero genealogico. Le dieci innovazioni (israeliane) che hanno cambiato il web

Ofer Adler deve ringraziare Tom Cruise. E il film “Mission: impossible”. In una scena, si vede l’attore mandare una mail e alla fine del testo inserisce una faccina. O meglio: un emoticon.

Da quel lontano 1996, lì, nella sala di un cinema di Tel Aviv, l’ex broker Adler – che allora aveva 26 anni – ha avuto l’idea geniale: rendere reale quella faccina vista nella pellicola. Del resto aveva cercato sul web quell’applicazione. Ma non l’aveva trovata. Così ci ha pensato su e s’è chiesto: perché non poteva farlo lui?

E così è stato. Dopo quattordici anni, Incredimail è uno dei marchi più famosi al mondo. Le sue applicazioni sono state scaricate più di 80 milioni di volte e in cento paesi. Insieme, è cambiato anche il modo di usare la posta elettronica. Non più il testo grigio e formale. Ma faccine divertenti e animazioni coinvolgenti. Poi è venuta la partnership con Google – dal luglio 2008 – e la società ha affrontato meglio di tutte la crisi: solo nel primo quadrimestre di quest’anno ha fatturato 7 milioni di dollari.

È solo uno degli esempi di successo di start-up israeliane. Perché per avere un’idea di quante ce ne sono nello Stato ebraico basta immettersi nella strada che da Tel Aviv porta ad Haifa, nel nord del paese. Le insegne, decine, stanno tutte ai bordi della strada. E ti accompagnano per chilometri. Negli anni quelle insegne sono aumentate. Fatti i conti, in pochi chilometri ce ne sono più di tremila. E sono quasi tutte start-up. Se poi si calcola che nel 2009, 447 società di high tech israeliane hanno fatturato circa 1,12 miliardi di dollari, non è riduttivo scrivere che sta venendo fuori un’altra Silicon Valley.

Migliaia di israeliani stanno contribuendo a cambiare il web. E lo fanno con pochi soldi e molta determinazione. Eccovi la top ten delle società high tech con la stella di Davide.

1. Answers.com

È stata lanciata nel gennaio del 2005. Tu fai la domanda e lui ti cerca le risposte più accreditate. In seguito è stata rinonimata “WikiAnswers” e negli Usa, nel 2009, è stata classificata come il secondo sito con più margini di crescita dopo Facebook.

2. MediaMind (ex EyeBlaster)

Un sistema web che permette di ottimizzare Internet ad uso e consumo di chi intende far pubblicità. Nel 2009, MediaMind ha curato la pubblicità online di più di 8.500 marchi in 55 paesi del mondo. Nei prossimi mesi intende quotarsi nel Nasdaq.

3. IncrediMail

Faccine, utility per il pc e software per la posta elettronica. Sono le armi vincenti di IncrediMail. Con una storia di cui abbiamo già scritto sopra.

4. iMedix

È un motore di ricerca globale dedicato soltanto alle questioni che riguardano la salute e la sanità. Mette insieme le informazioni medico-scientifiche basandosi anche sulle esperienze dei pazienti. È stata fondata nel 2007.

5. Outbrain

Ha iniziato a funzionare nel 2006 come un motore di ricerca dei blog da leggere. I blogger possono prendere questo widget e inserirlo alla fine di ogni post. Così da permettere ai lettori di dare un giudizio. Un ottimo strumento per districarsi nella giungla dei blog.

6. Kaltura

Fondata nel 2006, ma lanciata nel 2007, è la prima piattaforma online di video open source. Una sorta di Wikipedia dei video che offre la possibilità di ottimizzare i propri video. Ad oggi, più di 60mila web-publisher usano la tecnologia Kaltura. A partire da marchi quali Pepsi, Pbs, Sony Music.

7. Face.com

Fondata nel 2007, si tratta di una tecnologia di riconoscimento facciale che analizza e identifica le persone presenti in una foto caricata. È stata messa a disposizione come applicazione di Facebook nel 2009 e permette di taggare le foto in cui si trova un utente tra le tante sparse tra gli album degli amici virtuali.

8. MyHeritage

È un social network per le famiglie. Fondato nel 2003, aiuta gli internauti a costruire il proprio albero genealogico sulla base della condivisione globale delle informazioni. Ad oggi, MyHeritage conta 540 milioni di profili registrati e 47 milioni di utenti attivi.

9. FixYa

È un assistente online che si basa sulla comunità di esperti e consumatori dei prodotti tecnologici. Si può chiedere l’assistenza della comunità virtuale su tutto: dai problemi con un autoveicolo a quello con l’iPad. Le informazioni sono costantemente aggiornate e monitorate.

10. Conduit

È usato da TechCrunch, Amazon e altri 220mila siti. Ha rivoluzionato il modo degli editori e degli scrittori di editare i loro contenuti e allargare le fette di mercato. Ha permesso anche di rendere famose opere che faticavano attraverso i canali classici. Secondo recenti calcoli, 19 nuovi utenti ogni secondo installano Conduit.

© Leonard Berberi

Standard
attualità, cultura, economia, politica, tecnologia

Flash da Israele / Tra consigli di cucina bulgara e problemi di trasporto per l’iPad

Sciopero personalizzato. I lavoratori portuali svedesi hanno annunciato che è nelle loro intenzioni avviare una settimana di boicottaggio delle navi e delle merci israeliane in risposta al violento blitz di lunedì mattina sulla Mavi Marmara. Lo ha comunicato un portavoce del sindacato di base del personale portuale della Svezia.

Divieto al contrario. Dopo i problemi di aprile, quando le autorità aeroportuali non facevano entrare nessun esemplare di iPad sul suolo israeliano, sembra che la situazione si sia rovesciata. Michael Hamelin s’è visto sequestrare – in via provvisoria – la sua tavoletta tecnologica mentre si stava imbarcando alla volta di Atlanta, Usa. Le autorità hanno spiegato che dovevano controllare l’aggeggio. Dopo una settimana circa, Hamelin ha ricevuto – via posta – il suo iPad. Nessun commento è stato rilasciato dai vertici aeroportuali.

Ritenta, sarai più fortunato. Il presidente israeliano Simon Peres ha preso atto della richiesta dell’autorità vietnamita che gli chiedeva di posticipare il suo viaggio istituzionale in Vietnam dopo gli incidenti alla nave pro-Gaza. Il capo dello Stato ebraico partirà per un tour nell’estremo Oriente. Prima tappa: la Corea del Sud. Con la richiesta di Hanoi, salta la prima visita di un’autorità israeliana dopo molti anni.

Il presidente israeliano Simon Peres

Mezzogiorno di cuoco. In un’intera pagina del quotidiano Ma’ariv compaiono le meraviglie culinarie della cucina bulgara. «Si tratta di una cucina semplice, ma anche di alta qualità – scrive il giornale -. Con ingredienti che si trovano in ogni casa e dove ci vuole poco tempo per la preparazione». Consigli del chef-giornalista: le polpette, torta di spinaci, tortini di caciocavallo.

Clima mondiale. Nonostante gli orari agevoli delle partite, molti israeliani avranno problemi a seguire le partite del campionato mondiale di calcio che si svolgeranno in Sudafrica dall’11 giugno. Per questo, le compagnie telefoniche dello Stato ebraico hanno pensato bene di offrire servizi speciali che consentono di vedere le sfide sportive attraverso il proprio cellulare. Purché si tratti di uno smartphone.

Due cuori, un destino. Un fine settimana finito male a Rishon Letzion, Israele. Con alcol che scorre a fiumi tra amici. E poca lucidità. È così che un uomo – sulla trentina – ha iniziato a violentare un’amica dopo averla ospitata a casa sua. Insieme ai due c’era un altro ragazzo: amico del primo, fidanzato della seconda. E quando ha iniziato a capire la situazione, si è avventato sul violentatore per salvare la sua ragazza. Ma il cane del padrone di casa gli è saltato addosso e ha iniziato ad azzannarlo. In mattinata, violentatore e cane hanno fatto la stessa fine: il primo in galera. Il secondo in canile.

Cittadini sub judice. Il giudice di una corte di giustizia egiziana ha chiesto al governo di considerare la possibilità di revoca della cittadinanza a quei cittadini che, sposandosi con un israeliano, possano essere ritenuti minacciosi per la sicurezza interna del paese africano. Non solo. La stessa corte ha ordinato al ministero dell’Interno del Cairo la compilazione – e consegna – di un dossier con tutti i nomi e cognomi dei cittadini egiziani sposati con israeliani. Ogni singolo caso – e matrimonio – verrà così esaminato e valutato.

(a cura di Leonard Berberi)

Standard
economia, politica

La Casta politica di Gerusalemme si regala l’iPad. Con i soldi dei contribuenti

Quando si trattava di vietarne l’ingresso sul suolo israeliano, nessuno ha fiatato. Nessuno ha avuto qualcosa in contrario da dire. Del tipo: “Così bloccate il naturale progresso della tecnologia”. Ma ora, dopo che un gruppettino di parlamentari della Knesset (il parlamento israeliano) ha deciso che la nuova meraviglia tecnologica – l’iPad – sarà considerata a tutti gli effetti un pc, tutti ne son stati contenti. Perché in questo modo potranno comprarselo anche loro. Ma con i soldi di chi paga le tasse.

Ogni anno, un deputato di Gerusalemme riceve circa 14.500 euro all’anno per coprire le spese di gestione del proprio ufficio parlamentare e per ripagarsi le pubbliche relazioni. Se, invece, decide solo di ricorrere alla parte delle pr, allora ha un massimo di 10.400 euro.

All’interno di questa voce, ai deputati è consentito comprare fino ad un massimo di 3 pc. Per non parlare dell’iPhone (rientra nella voce “telefonia”), palmari, tv da 26 pollici, lettori dvd, telecamere e macchine fotografiche digitali, ecc. Da oggi, è compreso anche l’iPad. Che, in questo modo, i politici potranno comprarsi con le tasse dei cittadini e senza obbligo di restituzione a fine mandato.

La Casta parlamentare, insomma, non è solo un vizio italiano.

Standard
tecnologia

Campagna acquisti di Google in Israele

Il logo di Lab Pixies, la factory tecnologica israeliana acquistata da Google

Ora Google guarda a Israele. Non per vendere – non solo per quello, almeno -, ma per fare acquisti. Perché la vera, grande sfida di oggi – e dei prossimi anni – sarà quella delle applicazioni per smartphone. Con l’azienda di Cupertino – Apple – che produce soldi grazie a iPhone, iPad e applicazioni affini, o Google si muove o soccombe.

Ecco spiegato il recente acquisto da 25 milioni di dollari. Si chiama Lab Pixies, è israeliana ed è un’azienda-laboratorio. Si occupa della creazione e dello sviluppo di applicazioni – calcolatrici, giochi, calendari e piattaforme Internet personalizzate come iGoogle – per lo smartphone Android, l’anti-iPhone. Ma anche per lo stesso iPhone (almeno fino a oggi), per Facebook, Yahoo, Orkut, MySpace, Hi5, ecc.

“L’acquisizione di Lab Pixies è importantissima per il nostro gruppo perché più di tutte ha sviluppato le tecnologie basate sul sistema web-clouding”, hanno detto dal quartier generale locale della grande G in quel di Tel Aviv. Il clouding – scommettono gli esperti di Internet – sarà l’unica via percorribile del web da qui a dieci anni. Chi trova, sviluppa e offre meglio questo tipo di tecnologia avrà il dominio del Web.

Piccola nota di chiusura. La Lab Pixies ha investito in totale – da quando esiste – qualcosa come due milioni di dollari. E’ stata venduta a 25. Una cosa è certa: è stato un grande affare per i vecchi proprietari.

Standard
attualità

Israele, il governo toglie il divieto sull’iPad

Un modello di iPad, destinato secondo la Apple a rivoluzionare la vita di tutti noi (foto Ap)

Dopo un tira e molla che non finiva più, è arrivato l’ok all’ingresso dell’iPad, il nuovo dispositivo della Apple, anche sul suolo israeliano. A fare le spese di un blocco deciso dalle autorità di pubblica sicurezza di Gerusalemme sono stati quegl’israeliani che erano andati negli Usa proprio per comprare il nuovo aggeggio di Steve Jobs. In tutto una ventina di dispositivi sequestrati e trattenuti in dogana.

“L’iPad riceve il visto che si dà agli immigrati in carne e ossa”, scrive ironico il quotidiano on line Ynet. E comunque. Il ministero delle Comunicazioni ha dato disposizione alle autorità di frontiera di accettare i nuovi aggeggi sul suolo nazionale. Per una settimana e mezza bloccati perché secondo i tecnici del ministero il dispositivo wi-fi era tarato su quello Usa e non su quello israeliano e quindi poteva interferire nel sistema di comunicazioni militari d’Israele.

Successivi test, effettuati in piena notte, avevano però dimostrato come l’iPad fosse in grado di impostare – automaticamente – le sue frequenze wi-fi a seconda del paese in cui si trovava. Ora l’unica restrizione resta sul numero: ogni passeggero che entra sul suolo israeliano non può portare con sè più di un iPad.

Standard