attualità, economia

Israele. In breve / 2

Principe saudita: 900mila dollari per chi cattura soldato israeliano
Un membro della famiglia reale saudita, il principe Khaled bin Talal, ha aggiunto 900 mila dollari ai 100 mila già offerti da un religioso suo connazionale a chiunque sequestri un soldato israeliano. Lo riferisce la tv privata Daleel, secondo cui il principe – che è un fratello dei miliardario Al Walid bin Talal – in una telefonata ha annunciato alla stessa emittente di aver deciso di aumentare fino a un milione di dollari la taglia per il sequestro di un militare israeliano, dopo che il religioso Awad al Qarni ha ricevuto minacce di morte per averne offerti centomila a qualsiasi palestinese catturi un soldato israeliano.

Condannata ex soldatessa per aver passato documenti alla stampa
Quattro anni e mezzo di carcere: questa la condanna inflitta sabato dal tribunale distrettuale di Tel Aviv alla ex soldatessa Anat Kam (nella foto sopra), giudicata colpevole di aver prelevato duemila documenti delle forze armate (in parte segreti) e di averli in seguito passati al quotidiano Haaretz. La Kam, secondo i giudici, ha agito sulla spinta di motivazioni ideologiche, nell’intento di mettere in cattiva luce il comportamento delle forze armate in Cisgiordania. Kam – che nel frattempo si è congedata dalle forze armate e ha intrapreso a sua volta una carriera giornalistica – è stata riconosciuta colpevole di aver Copiato segretamente migliaia di documenti negli anni 2005-2007, quando fungeva da segretaria nell’ufficio del comandante delle forze armate israeliane in Cisgiordania, gen. Yair Naveh.

Gli “indignados” tornano in strada a Tel Aviv
È tornata di nuovo in strada sabato sera in Israele la protesta contro il carovita e la sperequazione sociale. Trentamila persone, secondo una stima degli organizzatori dell’evento, hanno manifestato a Tel Aviv nella piazza che porta il nome del premier assassinato Yitzhak Rabin. Manifestazioni analoghe sono state indette anche in altri tre centri del paese, nel nord, nel sud e nel centro. Quella in programma a Beersheva, nel sud, è stata invece annullata per motivi di sicurezza in seguito ai tiri di razzi provenienti dalla striscia di Gaza.

Calma (precaria) tra Israele e Gaza dopo le bombe di ieri
Una calma precaria è tornata nel sud di Israele – dopo la pioggia di razzi palestinesi della scorsa notte – mentre da Gaza la Jihad islamica ha fatto sapere di essere disposta a una sospensione delle ostilità, sulla base di reciprocità con Israele. Il bilancio di queste ostilità è di nove miliziani palestinesi uccisi, assieme con un civile israeliano (ad Ashqelon). Fonti israeliane affermano che gli ultimi attacchi palestinesi sono avvenuti alle ore 7 locali (la stessa ora in Italia). Da Gaza fonti locali riferiscono che gli ultimi raid della aviazione israeliana si sono avuti nella nottata, mentre ora i velivoli di Israele di limitano a voli di ricognizione sulla Striscia. Radio Gerusalemme riferisce da parte sua che la diplomazia egiziana è intervenuta per mettere fine alle ostilità, rivolgendosi fra l’altro ai dirigenti della Jihad islamica non solo a Gaza ma anche a Damasco. A quanto risulta, anche Hamas ha fatto opera di convincimento sulla Jihad islamica affinché cessi gli attacchi sul Negev.

(a cura di Leonard Berberi)

Annunci
Standard
attualità

La vita è bella (in Israele) per nove abitanti su dieci

Malgrado il senso di isolamento e di accerchiamento. Malgrado le rivoluzioni arabe alle porte. Malgrado la minaccia iraniana. E malgrado le crisi con Egitto e Turchia. Ecco, malgrado tutto questo, lo Stato ebraico è «un posto dove è bello vivere». Parola d’israeliano. Anzi: d’israeliani. In cifre: l’88 per cento, secondo un sondaggio commissionato dallo Yedioth Ahronoth, il quotidiano più venduto nel Paese.

Il 67% dello stesso campione d’intervistati aggiunge anche di essere di buon umore, in questo momento. Il 74%, poi, si dice soddisfatto della propria situazione economica. Insomma, «indignados» o meno, in Israele si vive che è una meraviglia.

Per carità, non tutto è rose e fiori. Ci sono anche dichiarazioni negative. O meglio: avvisaglie di pessimismo. Tanto che lo stesso giornale ha evidenziato come le risposte date, prese nel loro complesso, siano un po’ schizofreniche. Quasi polarizzate.

Un esempio? Quasi la metà degl’intervistati (il 45%) teme che Israele, in quanto Stato ebraico, sia esposto a rischi esistenziali. Tradotto: rischia da un momento all’altro di essere cancellato dalla faccia della Terra. Per non parlare dei negoziati di Pace, ormai diventati «la telenovela politica e mediatica più lunga di sempre»: in questo caso, quasi due terzi degl’israeliani pensano che non si raggiungerà mai un accordo con i palestinesi.

Ecco, a proposito del tavolo di negoziati. Oggi lo Stato israeliano, per bocca del suo primo ministro Benjamin Netanyahu, ha accettato la richiesta del Quartetto (Usa, Ue, Onu e Russia) di riprendere al più presto le trattative con i palestinesi. E senza precondizioni. «Ora ci aspettiamo da Ramallah la nostra stessa disponibilità», ha aggiunto il premier. Anche se, a leggere tra le righe del comunicato poi letto su tutte le radio e le tv, qualche intoppo c’è già: «Israele ha alcune riserve che saranno avanzate nel corso delle trattative», scrive il documento. Certo, visti i tempi e gli uomini, tornare su uno stesso tavolo – un anno dopo i colloqui di Washington – sarebbe un bel passo in avanti.

Leonard Berberi

Standard
politica

Israele, i laburisti scelgono il nuovo leader

È un po’ la stessa storia in tutto il mondo. Prendete un partito di sinistra – un tempo grande, ora in decadenza –, prendete la lotta estenuante per decidere la leadership e aggiungeteci che ora, in Parlamento, è all’opposizione e là rischia di rimanerci per un bel po’. A meno che non arrivi il Messia (politico).

Il marasma della sinistra da mesi tocca anche Israeke. E infatti è qui che oltre 60 mila laburisti si stanno recando alle urne per scegliere un nuovo leader del partito «Havoda» (laburisti), rimasto senza una guida dopo che il suo numero uno Ehud Barak, ministro della Difesa di un governo di destra, ha deciso a inizio anno la scissione.

Ora il Labour è il quinto partito alla Knesset per ordine di importanza. E pensare che nel suo memoriale politico può contare su dirigenti e statisti illustri come David Ben Gurion (il padre della Patria), Golda Meir, Shimon Peres (attuale presidente del Paese) e Yitzhak Rabin.

L’esito del voto si saprà solo nella tarda notte. La sfida è tra due contendenti, gli stessi due che nelle elezioni di quindici giorni fa hanno raccolto il maggior numero di consensi. Da un lato c’è l’ex sindacalista ed ex ministro della difesa Amir Peretz (59 anni). Dall’altro, l’ex giornalista televisiva e “pasionaria” Shelly Yehimovic (51), unica donna candidata. Nel primo turno è stata quest’ultima a prevalere – di misura – sul primo: 32% contro il 31 dell’ex sindacalista.

Peretz è stato pubblicamente sostenuto dalla figlia di Rabin, Dalia. La Yehimovic ha raccolto da parte sua il sostegno dell’attuale leader della centrale sindacale Histadrut, Ofer Eini. Diversi analisti sostengono che entrambi i candidati sembrano in sintonia con la protesta degli «indignados» che questa estate hanno invocato nelle strade di Israele una maggiore giustizia sociale piantando tende nel cuore dello shopping telavivino.

In tutto questo ci sono i sondaggi d’opinione che assegnano al partito laburista (oggi ha otto deputati) dai 18 ai 22 seggi, sui 120 della Knesset. Numeri incoraggianti, anche se virtuali. C’è solo un piccolo problema, un problema peraltro molto italiano: i rapporti fra Peretz e Yehimovic sono così tesi che non si possono escludere né faide interne, né nuove scissioni.

Leonard Berberi

Standard
attualità

In Israele va di scena l’estate del malcontento

Prima i latticini. Poi i gelati. Quindi gli immobili. E alla fine i passeggini. Il premier israeliano rischia di essere travolto dallo yogurt. E dal cornetto. E dal mattone. E dai bambini. Perché mai come in quest’ultimo mese, le esigenze di tutte le classi sociali dello Stato ebraico si sono succedute, sovrapposte e rinforzate.

Chiedetelo agli oltre trentamila consumatori che, grazie anche a Facebook, hanno sconfitto – per ora – i grandi produttori di latticini costringendoli a ridurre i prezzi della loro merce. Chiedetelo a quei cittadini gerosolimitani che per protesta (e un po’ per risparmiare) attraversano ogni giorno la linea che porta a Gerusalemme Est (a maggioranza araba) solo per comprare il gelato a un prezzo «più ragionevole». Chiedetelo ai giovani che a Tel Aviv e Haifa da giorni stanno dormendo in delle tendopoli allestite nei quartieri più ricchi del Paese per protestare contro il caro-affitti e il caro-mattone. Chiedetelo, poi, a quei genitori che, stanchi di pagare rette per gli asili fuori mercato e pannolini «manco fosse caviale», sono scesi in strada ieri a Tel Aviv, Rehovot, Kfar Saba, Haifa, Ashdod e Beersheba per far sentire la loro voce. Bambini dentro, palloncini gialli svolazzanti da ogni carrozzina.

È l’estate del malcontento. L’estate del «chi se ne importa del mare, abbiamo problemi grossi da risolvere». L’estate del «riprendiamoci in mano il presente e il futuro di questo Paese». E al diavolo i commenti, le analisi, gli approfondimenti. Al diavolo pure le promesse di «Bibi» Netanyahu. Qui urge prender provvedimenti. Oggi. Non domani.

Ecco, a proposito delle proteste di ieri (foto sopra). Ci hanno pensato poco a trovare un nome: l’hanno chiamata «protesta dei passeggini». Dopo gli «Indignados» made-in-Israel, la «rivoluzione» popolare e pacifica viaggia su quattro piccole ruote. «Non possiamo più permetterci di spendere così tanto per crescere un figlio», hanno urlato migliaia di persone per le vie di Tel Aviv e di metà di Paese. E ancora: «Non possiamo mica indebitarci per comprare i pannolini per il nostro piccolo o per farlo andare all’asilo».

«Bibi go home!», hanno urlato in tanti. «Bibi vai a casa!», hanno detto all’uomo coi capelli tutti bianchi. E lui lì a studiare. A prendere provvedimenti. A promettere. Il fatto è che, «Bibi» o non «Bibi» la situazione, a livello sociale, è un po’ sfuggita di controllo. E dietro l’angolo – anzi: domani – c’è quella richiesta palestinese che incombe al Consiglio di sicurezza dell’Onu, quella che chiede di riconoscere subito lo Stato della Palestina. Richiesta di sfuggire, anche quella, di mano.

«Vogliamo tutti vivere in una casa. Vogliamo tutti crescere dei bambini. Non vogliamo stare in un Paese che ti obblighi ad accendere un secondo o un terzo mutuo per vivere bene». Slogan. Slogan. E ancora slogan. Per quella che sarà ricordata come l’estate delle manifestazioni. E della previsione (azzeccata) del rabbino cabalista Mordechai Ganot. Correva l’ottobre 2010 e Ganot vaticinava: «Nel mese di luglio ci sarà un’invasione di meduse». Ecco, invasione è stata. Basta vedere come sono ridotte certe spiagge dalle parti di Ashdod e alcuni settori delle centrali idroelettriche.

Leonard Berberi

Standard