attualità

“Pronto Recep, sono Bibi: ti chiedo scusa per la Flottilla”. Israele e Turchia fanno pace (grazie a Obama)

L'assalto dei commandos israeliani alla Mavi Marmara, il 31 maggio 2010 (foto Uriel Sinai/Epa)

L’assalto dei commandos israeliani alla Mavi Marmara, il 31 maggio 2010 (foto Uriel Sinai/Epa)

Le scuse. Tre anni dopo. Settimana più, settimana meno. Eppoi, certo, anche la promessa – congiunta – di ritornare amici. Come prima. Forse, più di prima.

In una mossa pianificata da tempo, ma attuata soltanto ora, e mentre in Israele stavano ancora ammirando le parole pronunciate ieri dal presidente Usa, ecco che proprio Obama decide di mettere il premier israeliano all’angolo. E quasi gli intima – raccontano – di prendere la cornetta e parlare con Recep Tayyip Erdogan. Il primo ministro di un Paese – la Turchia – con il quale lo Stato ebraico non ha avuto più rapporti da maggio 2010, da quando i soldati dell’esercito israeliano assaltarono la Mavi Marmara al largo di Gaza e uccisero 9 attivisti con il passaporto di Ankara, tutti filo-palestinesi (video sotto).

«Pronto Recep, sono Bibi. Chiedo scusa, a nome d’Israele, per tutti gli errori che potremmo aver commesso sulla nave e che hanno poi portato alla morte dei civili», gli ha detto il premier di Gerusalemme da un ufficio dell’aeroporto internazionale “Ben Gurion” di Tel Aviv. «Errori dettati dalle circostanze, non era nostra intenzione fare del male. Mi spiace che i rapporti tra i nostri due Paesi si siano così deteriorati da allora». Dall’altra parte del telefono – rivelano – ci sarebbe stato qualche secondo di silenzio. Chissà se più dettato dalla sorpresa o dalle conseguenze di quella chiamata. Poi, lo stesso Erdogan, avrebbe non solo accettato le scuse, ma anche detto sì a un ritorno ai rapporti di prima. A partire, dalle prossime settimane, dall’invio dei rispettivi ambasciatori. E dalla chiusura dell’inchiesta contro i soldati dell’Idf responsabili dell’assalto.

Bibi e Recep. Simili più di quanto si pensi. Tenaci e orgogliosi più di quel che fanno vedere. Era dal 2009 che i due non si parlavano. Anche se, per molti, il loro rapporto potrebbe essere l’unica chiave di svolta per risolvere molte questioni: l’Iran nuclearizzato, la Siria sull’orlo del collasso, il Libano instabile, la Striscia di Gaza sempre esposta agli estremismi, i colloqui di pace con l’Autorità nazionale palestinese. Sfide quasi impossibili. E questo, il presidente Obama, l’ha detto a entrambi i primi ministri, mentre il suo Air Force One scaldava i motori. Per questo il presidente Usa ha prima telefonato a Erdogan, spiegandogli di non essere da solo. Poi ha passato la cornetta a Netanyahu. Mettendo fine a una tensione che, dal punto di vista di Washington, danneggiava anche gli interessi americani.

La mossa, per quanto diplomaticamente un successo, si porta ora anche un bel po’ di incognite. Che dovranno, prima o poi, essere risolte. Come farà Erdogan a ripetere le sue posizioni degli ultimi tre anni contro Israele? Che rapporti avrà ora con i vertici di Hamas, un tempo sponsorizzati proprio dal primo ministro turco? Grattacapi, però, ce ne sono anche per Netanyahu. A partire dall’alleato più stretto, l’ex ministro degli Esteri Avigdor Lieberman, leader dell’Israel Beitenu con il quale la formazione di Bibi s’è presentata in ticket. «Le scuse di Netanyahu sono state un errore molto serio, così mette a repentaglio i nostri uomini dell’esercito», ha commentato a caldo Lieberman. Lo stesso Lieberman, fanno notare in molti, che proprio negli ultimi tre anni s’è alienato i rapporti con quasi tutti gli alleati più stretti. Usa e Turchia in primis.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard
attualità

L’accusa del Libano: “Jet e droni israeliani hanno violato il nostro spazio aereo”

Un caccia militare israeliano F-15I (foto Flash 90)

Un caccia militare israeliano F-15I (foto Flash 90)

«Siamo entrati in una nuova fase». Da Gerusalemme non hanno dubbi. L’incursione aerea israeliana in territorio siriano agli inizi di febbraio «è solo l’inizio di una serie di misure per bloccare la minaccia chimica di Damasco». Minaccia che, per ora, nemmeno l’intelligence dello Stato ebraico è in grado di collocare in un punto preciso della mappa mediorientale. A dimostrazione che qualcosa, in questi mesi di caos in Siria, potrebbe essere sfuggita dalle mani.

Da alcune ore velivoli israeliani – caccia e droni – stanno sorvolando i cieli del Libano. La voce è stata confermata dall’autorità centrale di Beirut. Che ha reagito in maniera durissima a quella che chiamano una provocazione. «Gli aerei di guerra di Israele hanno violato più volte il nostro spazio aereo e anche la risoluzione 1701 delle Nazioni Unite», ha dichiarato il comando centrale dell’esercito libanese attraverso il ministero dell’Informazione. La 1701 è il documento che ha fatto finire la guerra tra Israele ed Hezbollah nel 2006.

«I velivoli israeliani hanno volato diverse volte nel nostro spazio e in diverse zone del Paese tra le 10.30 del mattino di giovedì 7 febbraio all’1.15 di notte di venerdì». Non solo. Secondo l’autorità militare libanese alle 18 di giovedì sarebbe stato intercettato anche un drone spedito dallo Stato ebraico e abilitato non al lancio di razzi, ma alla mappatura e al riconoscimento territoriale. «Il drone è passato sopra il villaggio di Nakoura», hanno spiegato da Beirut, «ha compiuto una manovra a U verso Baalbeck, Riyak, Hermel, Al-Arz e se n’è andato all’1.35 di venerdì volando sopra il villaggio di Alma Al-Shaab».

Un veicolo delle Nazioni Unite sul versante libanese del confine con Israele (foto Flash 90)

Un veicolo delle Nazioni Unite sul versante libanese del confine con Israele (foto Flash 90)

Israele, com’è successo nell’incursione – anzi: nelle incursioni – in Siria non ha né confermato, né smentito. Ha, più semplicemente, taciuto. Ma da Gerusalemme spiegano che per capire il quadro di questi giorni e dei prossimi, «bisognerebbe sommare alcune informazioni». Quali? La prima: «il tentativo di trasportare armi chimiche dalla Siria al Libano». La seconda: «l’installazione dei tre sistemi anti-missilistici Iron Dome installati nelle ultime settimane nel nord d’Israele». La terza: «la visita di Ahmadinejad al Cairo». La quarta: «i risultati dell’Europol sull’attentato a Burgas, in Bulgaria, contro il bus di turisti israeliani (6 morti, nda) e il dito puntato contro Hezbollah». La quinta: «i due responsabili dell’attacco di Burgas si trovano ora in Libano».

Il nervosismo di Beirut è confermato anche dal quotidiano arabo pubblicato a Londra, al-Quds al-Arabi. in un articolo si racconta che gli ufficiali di Hezbollah sono inquieti in questi giorni. «Temono in ogni momento – scrive il giornale – di essere attaccati dai caccia israeliani, con una modalità simile a quella messa in atto in Siria pochi giorni fa». Non solo. L’organizzazione terroristica teme che lo Stato ebraico mandi l’unità esperta nei sequestri di persona per rapire «un alto ufficiale». Per questo, anche nel versante libanese del confine tra i due Paesi, esercito e miliziani di Hezbollah hanno deciso di mandare più uomini da questa settimana.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

L’Alta corte boccia la legge, ebrei ultraortodossi obbligati al servizio di leva

I laici esultano. I religiosi s’arrabbiano. Il governo sta in silenzio. Sperando che la tempesta passi. E che la decisione non faccia arrabbiare più di tanto buona parte della maggioranza che lo sostiene al parlamento. Perché, per dirla con molte associazioni, il Paese «ha fatto un passo avanti verso le vere democrazie occidentali».

E allora. Succede che l’Alta corte di giustizia di Gerusalemme – con 6 giudici a favore e 3 contrari – ha dichiarato incostituzionale la “Tal Law”, la legge dello Stato approvata con l’intenzione di incoraggiare i giovani ebrei ultraortodossi a fare il servizio di leva (3 anni per gli uomini, 2 per le donne). La norma invece di funzionare in questo senso, aveva finito per causare l’effetto opposto: decine di migliaia di ragazzi si appellavano alla «volontarietà» di quella legge per non arruolarsi.

La “Tal Law” venne ratificata nel 2002. L’obiettivo era quello di affrontare il profondo squilibrio che c’è tra le file dell’esercito tra israeliani ed ebrei ultraortodossi. Ma cinque anni dopo, nel 2007, arrivarono i ricorsi. «Perché tutti gl’israeliani devono sopportare l’onere del servizio militare, ma quelli ultrareligiosi no?», si chiedevano in molti. La legge, ha sentenziato martedì l’Alta corte, «non fa altro che perpetuare quella diseguaglianza che doveva annullare». E così, dal 1° agosto di quest’anno niente più “Tal Law”. Un «dramma» per migliaia di uomini religiosi. Perché, Costituzione alla mano, se la Knesset (il parlamento) non approverà un’altra norma che regola la situazione, tutti i giovani ebrei ultraortodossi saranno obbligati ad arruolarsi nelle forze armate israeliane.

Un problema. Anche per il governo Netanyahu. Che, conoscendo già l’orientamento della Corte, aveva già messo le mani avanti qualche giorno fa. «La legge, nella sua forma attuale, non esisterà più. Nei prossimi mesi dovremo lavorare su una nuova piattaforma giuridica». Sulla stessa lunghezza anche il ministro della Difesa, Ehud Barak. «La legge in dieci anni non è servita a nulla», ha detto l’ex laburista, «ora ne servirà un’altra».

Nei fatti, è difficile che davvero gli uomini haredim indossino le divise militari. Il blocco politico costituito dai partiti ultrareligiosi è così forte che lo Stato probabilmente chiuderà un occhio. Del resto, già nel 2005 quello stesso Stato ammetteva il fallimento suo e della “Tal Law”: solo poche decine di maschi avevano deciso di arruolarsi. In quello stesso anno, 45 mila ebrei ultraortodossi avevano evitato il servizio di leva. Nel 2010, soltanto in 600 hanno deciso di entrare a far parte dell’Idf. Altri 61 mila avevano preferito studiare nelle yeshive, le scuole religiose.

Il dibattito sul ruolo degli ebrei ultraortodossi in campo militare rientrare in quello – più ampio – sul contributo reale che questi danno allo Stato d’Israele. La maggior parte non lavora. Nessuno paga le tasse (un po’ come la Chiesa con l’Ici da noi). Quasi tutti godono di agevolazioni che la parte produttiva d’Israele sopporta sempre meno. Molti studi evidenziano da anni come l’aumentare progressivo della loro composizione – se non cambiano le cose – porterà a un impoverimento del Paese e a una riduzione delle risorse pro capite che Gerusalemme stanzia ogni anno.

© Leonard Berberi

Standard
economia

Israele compra in Italia 30 jet militari

Più che una gara d’appalto è stato un lungo, estenuante, braccio di ferro. Con tanto di minacce di ritorsione diplomatica ed economica. Però, alla fine – e salvo sorprese – potrebbe esserne valsa la pena. Dopo mesi di proposte e controproposte, i vertici militari israeliani hanno deciso: i 30 jet militari (non 20, com’era stato annunciato prima) per le esercitazioni dovranno essere «made in Italy» al prezzo, per ora non ancora definitivo, di 1 miliardo di dollari. In cambio, il nostro Paese s’impegna a spendere la stessa somma per acquistare strumentazione militare dagl’israeliani.

Corea del Sud sconfitta, insomma. Anche se per il via libera definitivo servirà l’ok di ministero della Difesa, governo e Parlamento, a questo punto solo una formalità. E così lo Stato ebraico si doterà del modello M-346 della compagnia Alenia-Aermacchi (con l’aiuto dei russi della Yakovlev) e darà l’addio agli Skyhawks statunitensi, il modellino sui quali si sono esercitati gl’israeliani per una quarantina d’anni.

Il prototipo M-346

È stata una sfida piena anche di colpi sotto la cintura (della diplomazia). Con i sudcoreani che, pur di vendere a Gerusalemme il loro caccia modello T-50 a 1,6 miliardi di dollari, hanno promesso agl’israeliani di comprare un esemplare dell’Iron Dome, il sistema anti-missili realizzato negli ultimi mesi. Poi, quando le prime indiscrezioni indicavano che lo Stato ebraico era orientato a guardare al prodotto italiano come prossimo modellino da usare, gli asiatici hanno lamentato «la totale mancanza di trasparenza nel bando».

«Quella italiana è stata la proposta più efficiente per il ministero israeliano della Difesa», ha scritto in una lettera inviata ai sudcoreani Udi Shani, direttore generale del dicastero. Gli aerei dovranno essere pronti entro il 2014. E a determinare la vittoria italiana, secondo alcuni giornalisti, potrebbe essere stata – oltre che la professionalità del produttore – «anche la posizione filoisraeliana del governo Berlusconi».

©Leonard Berberi

Standard
attualità

LA STORIA / Se i soldati israeliani dimenticano il loro compagno in Cisgiordania

Per una testa salvata ce n’è un’altra che è volata. Così. E tutto, pare, per soltanto otto minuti. La vicenda, a dire il vero, è quasi fantozziana. Ma i risvolti – per un Paese che ha dovuto fare i conti con i propri figli rapiti e uccisi sul fronte di guerra – sono diventati seri, serissimi. Tanto da far partire un’indagine interna. E, appunto, da far volare qualche testa.

Questa storia inizia a Budrus, un villaggio palestinese. È l’ennesimo giorno di retate dell’esercito israeliano contro esponenti ricercati dai servizi segreti. Case perquisite, gente arrestata, anziani palestinesi fermi a guardare dalle finestre delle proprie case. Roba che, negli ultimi anni, non occupa più di mezza riga sui giornali palestinesi.

La retata, insomma. Veloce. Efficace. Soldati che fanno da presidio nei punti nevralgici del paesino. Del resto quelle strade ormai sono familiari per l’esercito dello Stato ebraico. Pochi minuti e la missione è già finita. Tutti a casa. Tutti, tranne uno. Un povero militare abbandonato nel punto che doveva sorvegliare per informare i commilitoni sull’arrivo di eventuali «elementi ostili».

(Foto di Uriel Sinai / Getty Images)

Ecco, mentre il gruppone d’armi era già al sicuro, quel poveretto stava aspettando ancora lì. Fino a quando due palestinesi in là con l’età non gli si sono avvicinati e, con un po’ di sorpresa, gli hanno chiesto: «Ma che ci fai ancora qua? I tuoi compagni se ne sono già andati!».

Apriti cielo. Il soldato, giovanissimo, si spaventa. Il terrore – raccontano i vecchietti ai giornalisti locali – assale il ragazzo. Che inizia a blaterare. Si spaventa. Cerca di mettersi in contatto con i compagni. Nulla da fare. «A un certo punto è diventato paonazzo», continuano i due palestinesi. «Così l’abbiamo accompagnato a casa nostra». Una volta lì, gli anziani hanno chiamato un ufficiale di collegamento che ha preso il militare e l’ha portato in terra israeliana.

Niente Shalit-bis, per fortuna. Ma nonostante il «lieto fine», Benny Gantz, il generale a capo dell’esercito israeliano, ha chiesto e ottenuto che volassero delle teste. La prima, per ora, è quella del comandante del battaglione dove si trovava il soldato. Altre «decapitazioni» pare arriveranno nei prossimi giorni. Mentre, in parallelo, è stata avviata pure un’inchiesta.

«Il militare ha perso il contatto con la sua unità solo per otto minuti», ha precisato l’ufficio stampa dell’esercito. E la domanda che in molti – a Gerusalemme come a Ramallah – si sono posti è stata: «Può un gruppone lasciare uno dei suoi così, in mezzo alla strada, e non accorgersi dell’assenza?».

© Leonard Berberi

Standard
attualità

“Gilad Shalit liberato grazie allo sciopero della fame”

A salvare Gilad Shalit è stato Gilad Shalit? La domanda sorge spontanea se è vero che – stando a quel che racconta il quotidiano Yedioth Ahronoth – a un certo punto il soldato israeliano rapito nel 2006 ha iniziato uno sciopero della fame nella “galera del popolo” gestita da Hamas. Una mossa, alla fine, vincente, visto che l’accordo per lo scambio dei prigionieri tra Israele e la formazione paramilitare poi è stato raggiunto in poche ore.

Le notizie del giornale israeliano arriverebbero da informazioni d’intelligence. Una conferma non c’è. E del resto anche la famiglia di Gilad sull’argomento non ha ancora detto nulla. Secondo lo Yedioth Ahronoth il soldatino decise da un giorno all’altro di rifiutare il cibo offerto dai carcerieri mettendo così a repentaglio non solo la sua incolumità, ma anche quella dei canali di dialogo tra Hamas e Gerusalemme. A quel punto, i sequestratori si sarebbero resi conto di non essere in grado di fornirgli, nel luogo scelto per la sua carcerazione, la necessaria assistenza medica.

E così, il timore che il prigioniero morisse nella sua cella fu – secondo il quotidiano – uno dei motivi che spinsero Hamas a dire sì a un compromesso con gl’israeliani, con la mediazione degli egiziani. Accordo che prevedeva lo scambio di Shalit con mille detenuti palestinesi, ma che lasciava in carcere alcuni noti dirigenti della intifada armata.

© Leonard Berberi

Standard