attualità

VIDEO / Quelle contestazioni ad Ahmadinejad e il messaggio per Israele

«Ahmadinejad, mi aiuti! La prego! Ahmadinejad, sono in pensione, mi aiuti! Ho fame!». C’è un video che sta facendo il giro del Medio Oriente. È stato ripreso con un telefonino. Poi reso pubblico, a tutto il mondo, su YouTube. Non è un filmato qualsiasi. È la prova, per i Paesi dell’Occidente, che la povertà ormai è una realtà nelle aree lontane da Teheran. E infatti in Israele non hanno perso tempo: l’hanno mostrato nelle principali edizioni dei telegiornali, a partire da quello – seguitissimo – di Canale 2.

«Ahmadinejad, mi aiuti! Ho fame!», continua a urlare disperato l’uomo, sulla cinquantina d’anni, portati esattamente come li porterebbe chi vive in una zona che soffre la crisi. «Ahmadinejad, mi aiuti!», implora ancora l’uomo per alcuni secondi. E mentre dice questo, mentre urla in modo straziante, sbatte i pugni sul cofano della macchina in mezzo a un lungo convoglio d’auto.

Poco sopra, sul tettuccio del veicolo, c’è proprio lui, Mahmoud Ahmadinejad, il presidente iraniano che tiene in ostaggio un’area intera – il Medio Oriente – e con il fiato sospeso tutto il resto del globo per i suoi progetti nucleari chiari come i contorni delle figure per un miope. Prima fa finta di nulla. Saluta gli altri. Poi, però, non può più fare orecchie da mercante. E allora si gira verso l’uomo. Fa il cenno di chi sta ascoltando. E ascolta. Almeno così fa intendere.

Ahmadinejad si trova – nel filmato – nella città di Bandar Abbas, 400mila abitanti arroccati attorno al porto, uno dei più importanti del Paese. Non un posto qualsiasi, Bandar Abbas. È la città che, in caso di scoppio di un conflitto con israeliani e americani, potrebbe giocare un ruolo chiave: si trova esattamente nello stretto di Hormuz, quello dove passano petrolio e cibo e navi occidentali e che Ahmadinejad ha più volte minacciato di chiudere, facendo soffrire ancor di più le economie europee.

L’uomo viene portato via velocemente. Scompare tra la folla. Ma è in quell’istante che appare una donna, velata di nero – come impone la tradizione religiosa degli ayatollah – ha anche lei qualcosa da dire, qualcosa da chiedere al presidentissimo. Non si accontenta però di star lì, a bordo della strada, ai margini della politica. No. Sale proprio sul cofano dell’auto presidenziale. Viene strattonata. Si libera. E riesce a salire sul tettuccio. E dice, a pochi centimetri di distanza, proprio in faccia, ad Ahmadinejad: «Presidente, qui va tutto a rotoli, non abbiamo i soldi per mangiare». Anche in questo caso, il capo muove la testa. Da segnali d’intesa. Poi dice alla donna di andare dietro alla macchina. Lei obbedisce. Il capo è libero. La carovana di auto può ripartire. Mentre tutt’intorno c’è gente che urla, sbraita, tiene il dito alzato per esporre al presidente problemi e richieste.

«È un video importantissimo», dicono a Tel Aviv. «Sicuramente Israele userà il filmato per fare propaganda e mettere in difficoltà Teheran», aggiungono i maligni. E a Gerusalemme non nascondono la soddisfazione per un documento prezioso che riesce a superare il confine iraniano, che buca il blocco informatico del regime degli ayatollah e racconta, a tutto il mondo, che c’è ancora gente che – nonostante tutto – resiste. E lotta.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard
attualità, economia

Dalla sicurezza al turismo, tutte le cifre della presenza israeliana in Palestina

Quando costa la gestione degl’insediamenti ebraici in Cisgiordania? Quanto paga, ogni anno, lo Stato d’Israele per la sicurezza e la manutenzione delle colonie al di là della Linea Verde? Il settimanale americano Newsweek, prendendo spunto dal lavoro continuo dell’Alternative Information Center, ha fatto un piccolo elenco delle voci di spesa per l’amministrazione di quello che i palestinesi definiscono il più grande ostacolo alla pace.

Scrive il settimanale che Israele ha controllato Cisgiordania e Striscia di Gaza per 44 anni. “Nei primi due decenni l’operazione è stata redditizia: i benefici derivanti dallo sfruttamento dei terreni superavano di gran lunga i costi sostenuti per la sicurezza dell’area”. Ma dal 1987 tutto è cambiato: la prima rivolta palestinese ha fatto schizzare in alto sia i costi per mantenere il controllo dei territori sia le sovvenzioni ai civili residenti negli insediamenti. Insomma: secondo Newsweek, la gestione delle due aree non può essere sostenuta (economicamente) per ancora molto tempo.

Nel grafico che segue, sono elencate le cifre più importanti. Cifre che – secondo l’Alternative Information Center – le autorità israeliane non hanno mai rilasciate nè ufficialmente, nè con facilità. Per questo la maggior parte deriva da studi fatti precedentemente, da cifre pubblicate altrove e corrette ai tassi attuali d’inflazione e d’interesse. I costi, poi, si riferiscono solo ai costi “extra” sostenuti da Israele, cioè quelle spese che Gerusalemme non avrebbe effettuato se tutti gl’israeliani si trovassero nei suoi territori.

E ora altri costi. Secondo il ministero dell’Economia nazionale dell’Autorità palestinese e l’Applied research institute of Jerusalem la presenza israeliana nei Territori per quanto riguarda le risorse idriche, minerarie, naturali e turistiche avrebbe fatto registrare lo scorso anno una perdita secca di 7 miliardi di dollari alle casse palestinesi. Insomma, a Ramallah, sostengono che “senza l’occupazione militare e il totale controllo esercitato sull’area, l’economia palestinese sarebbe grande il doppio e non avrebbe bisogno delle donazioni internazionali”.

Secondo lo studio le perdite dovute “agli effetti dell’occupazione” sono pari all’85% del Pil. Il dossier passa in rassegna anche alcuni esempi. “Israele incassa circa 150 milioni all’anno dal commercio dei prodotti per il corpo del Mar Morto (creme, ecc), di cui ha il totale controllo, e 143 milioni per la gestione del settore turistico nel distretto di Gerico dove gli stabilimenti balneari sono di proprietà israeliana”.

E ancora. “Altri 900 milioni vengono ricavati da Tel Aviv dallo sfruttamento delle miniere e delle cave presenti in Cisgiordania. La completa sovranità sulle risorse idriche del Mar Morto e del fiume Giordano, invece, permettono ad Israele di accaparrarsi l’acqua, togliendola al settore agricolo palestinese: in Cisgiordania, i coloni utilizzano dieci volte la quantità d’acqua dei palestinesi. I dati parlano chiaro: 500mila coloni coltivano 16mila acri di terra contro i 25mila acri coltivati da quattro milioni di palestinesi. Ecco spiegato perché il settore agricolo palestinese nel 2010 ha registrato una perdita pari a 1,9 miliardi di dollari a causa della minore produzione. In materia di risorse minerali, il buco è stato di 1,2 miliardi”.

Poi tocca alla Striscia di Gaza. Scrive il report che “l’assedio e l’embargo dal 2006 su Gaza costano all’economia palestinese quasi 2 miliardi di dollari l’anno”. Valori sottostimati, secondo il ministero dell’Economia e l’istituto Arij. Perché di cifre certe non ce ne sono tante. L’unica sicurezza, secondo i due enti, è che “la maggioranza di questi costi non ha alcuna relazione con le ragioni di sicurezza che Israele utilizza per mantenere il pugno sui Territori Occupati”.

Leonard Berberi

Standard
attualità

La vita è bella (in Israele) per nove abitanti su dieci

Malgrado il senso di isolamento e di accerchiamento. Malgrado le rivoluzioni arabe alle porte. Malgrado la minaccia iraniana. E malgrado le crisi con Egitto e Turchia. Ecco, malgrado tutto questo, lo Stato ebraico è «un posto dove è bello vivere». Parola d’israeliano. Anzi: d’israeliani. In cifre: l’88 per cento, secondo un sondaggio commissionato dallo Yedioth Ahronoth, il quotidiano più venduto nel Paese.

Il 67% dello stesso campione d’intervistati aggiunge anche di essere di buon umore, in questo momento. Il 74%, poi, si dice soddisfatto della propria situazione economica. Insomma, «indignados» o meno, in Israele si vive che è una meraviglia.

Per carità, non tutto è rose e fiori. Ci sono anche dichiarazioni negative. O meglio: avvisaglie di pessimismo. Tanto che lo stesso giornale ha evidenziato come le risposte date, prese nel loro complesso, siano un po’ schizofreniche. Quasi polarizzate.

Un esempio? Quasi la metà degl’intervistati (il 45%) teme che Israele, in quanto Stato ebraico, sia esposto a rischi esistenziali. Tradotto: rischia da un momento all’altro di essere cancellato dalla faccia della Terra. Per non parlare dei negoziati di Pace, ormai diventati «la telenovela politica e mediatica più lunga di sempre»: in questo caso, quasi due terzi degl’israeliani pensano che non si raggiungerà mai un accordo con i palestinesi.

Ecco, a proposito del tavolo di negoziati. Oggi lo Stato israeliano, per bocca del suo primo ministro Benjamin Netanyahu, ha accettato la richiesta del Quartetto (Usa, Ue, Onu e Russia) di riprendere al più presto le trattative con i palestinesi. E senza precondizioni. «Ora ci aspettiamo da Ramallah la nostra stessa disponibilità», ha aggiunto il premier. Anche se, a leggere tra le righe del comunicato poi letto su tutte le radio e le tv, qualche intoppo c’è già: «Israele ha alcune riserve che saranno avanzate nel corso delle trattative», scrive il documento. Certo, visti i tempi e gli uomini, tornare su uno stesso tavolo – un anno dopo i colloqui di Washington – sarebbe un bel passo in avanti.

Leonard Berberi

Standard
economia

Prezzi alle stelle, israeliani pronti allo sciopero generale. Netanyahu corre ai ripari

Quanti grattacapi Bibi. L’Egitto instabile fa paura al confine sud, la Giordania inquieta e mette all’erta alla frontiera est, il Libano senza governo sta alla finestra settentrionale con i suoi cannoni e il suo terrore firmato Hezbollah. Per non parlare della Siria. E della Striscia di Gaza.

Ora, come se non bastasse, ci si mette pure il popolo israeliano. Sempre più nervoso per il continuo aumento del costo della vita e il blocco dei salari. All’orizzonte si prospetta uno sciopero generale. E Bibi, alias Benjamin Netanyahu, non vuole una sfiducia su piazza.

È proprio per questo che il premier israeliano ha annunciato ieri misure per attenuare l’impatto degli aumenti dei prezzi sulle classi di reddito basso e medio-basso. In una conferenza stampa a Tel Aviv, il premier ha anticipato quattro misure che entreranno in vigore al più presto. La riduzione del 10% del costo dei biglietti su tutti i mezzi di trasporto pubblico, la riduzione della tariffa dell’acqua (ma solo per chi non supererà i consumi medi, altrimenti pagherà di più), un aumento dei minimi di stipendio, la revoca dell’ultimo aumento del costo della benzina (che scenderà di circa 4 centesimo di euro al litro).

La parte dolente è toccata al ministro del Tesoro Yuval Steinitz. L’economista ha spiegato che al fine di coprire il costo di queste misure e di non rompere la cornice del bilancio dello stato sarà rinviata la prevista riduzione delle imposte sul reddito e i bilanci dei ministeri saranno ridotti del 2-2,5%.

Misure non sufficienti, secondo i sindacati. Perché negli ultimi mesi l’inflazione sui prezzi è stata notevole. Per esempio: il pane è aumentato del 10%, l’acqua addirittura del 134% e i trasporti pubblici, le tasse nazionali, locali e indirette registrano tutte segno più.

Leonard Berberi

Standard
attualità

La fuga dei diplomatici israeliani: “Lo stipendio del governo non ci basta”

La diplomazia israeliana perde pezzi. Ma stavolta l’odiato ministro degli Esteri, Lieberman, non c’entra nulla. Stavolta alcuni attaché dello Stato ebraico hanno deciso di fare le valigie e di tornarsene a casa loro. Il motivo? Vengono pagati troppo poco.

Ne sa qualcosa quello che il quotidiano israeliano “Yedioth Ahronoth” chiama “Y”. Si tratta di un diplomatico che – parole sue – a malapena riesce ad arrivare alla fine del mese. «Sto pagando un mutuo in Israele in shekel», ha detto “Y”. «Solo che, ricevendo uno stipendio in dollari ed essendo il cambio tra le due monete sfavorevole per quella americana, di fatto ogni mese guadagno davvero poco per potermi permettere di pagare le rate».

Non solo. Racconta “Y” che oltre al mutuo, deve pagare 1.300 dollari al mese per l’educazione dei figli. Davvero troppo, considerando il fatto che guadagnava non più di 4.800 dollari (straordinari inclusi). Ed è così che ha fatto i bagagli e se n’è tornato a casa, dopo due anni di servizio negli Stati Uniti.

(Reuters)

Come “Y” ce ne sono altri otto di diplomatici che hanno deciso di lasciare il loro lavoro.  Tre sono stati di stanza negli Usa, due in America Latina, due in Asia e uno in Europa. Si tratterebbe – stando alle prime indiscrezioni – di un portavoce di «una grande ambasciata» e di «un importante inviato».

Per ora, complici le festività cristiane, l’affare non è ancora esploso. Anche se dal ministero degli Esteri fanno sapere che «si tratta soltanto di casi isolati e che c’entrano con le situazioni personali dei funzionari». Sarà. Ma stando ai racconti di molti diplomatici, gli uffici consolari israeliani si troverebbero in una situazione penosa e dannosa per l’immagine dello Stato ebraico.

Un esempio lo fornisce lo stesso “Y”. «Siamo così a corto di soldi, che per andare a incontrare il presidente americano Barack Obama ho dovuto prendere la metropolitana e non l’auto di servizio dell’ambasciata perché questo avrebbe comportato spese insostenibili per il nostro ufficio».

© Leonard Berberi

NOTA AI LETTORI: Falafel Cafè va in vacanza per un paio di giorni. Gli aggiornamenti riprenderanno il 3 gennaio. Grazie per la fedeltà con la quale seguite questo blog. A tutti voi, auguro un sereno 2011 (l.b.)

Standard
economia

Economia, “Calcalist” all’attacco: “Gli ultraortodossi? Una zavorra per Israele”

«Non ci sono missili o qualche scudo di protezione spaziale in questa guerra. Questa è una battaglia diversa. Che esiste da tempo, è discussa qua e là, ma è virtualmente nascosta. È una guerra civile». Inizia così una delle analisi più dure del principale quotidiano economico del Paese, “Calcalist”, scritta dall’editore Yoel Esteron. Al centro delle polemiche – tutte squisitamente di economia statale – è quella fetta considerevole di ebrei ultraortodossi che ha preferito la via religiosa a quella “razionale”.

«Questa guerra divide in due la nostra società», scrive Esteron. «Da un lato ci sono gli israeliani che hanno deciso di praticare la religione del lavoro e del guadagno. Dall’altro, invece, ci sono quegli israeliani che si accontentano del minimo indispensabile, che aspettano il Messia e nel frattempo passano il tempo a raccogliere amuleti e a credere agli incantesimi».

Ultraortodossi studiano la Torah (foto di Eliad Levy)

E ancora. «Da un lato ci sono israeliani che incoraggiano i loro figli a studiare e a prepararsi ad affrontare un mondo competitivo e sviluppato. Dall’altro ci sono israeliani che spiegano ai figli che la vera vita è quella vissuta in assoluta povertà». Con quale risultato? Esteron non ci gira molto attorno e va dritto al cuore del problema. «Tutto questo fa sì che ci sono israeliani che si preparano per giorni peggiori e per la pensione, mentre ce ne sono altri che si affidano allo Stato perché questo li salvi da loro stessi, quando verrà il momento». «Questa è una guerra contro la scienza e l’industria, contro le banche e l’agricoltura, contro la cultura e le infrastrutture», continua l’editore di “Calcalist”. «Questa è una guerra contro il nostro futuro».

Quindi i numeri. «Il prossimo anno staremo bene», scrive ancora Esteron. «Ci dicono che l’inflazione si attesterà attorno al 3%, che il tasso di disoccupazione non supererà il 7%, che la crescita sarà del 4% circa». Ma non basta. Perché altri numeri spiegano meglio cosa aspetta lo Stato ebraico nel prossimo futuro. «Il tasso di partecipazione al lavoro e i risultati sull’educazione continuano a calare da almeno vent’anni. Siamo sotto la media dei paesi Ocse».

I grattacieli di Tel Aviv, il cuore economico del Paese

«Quando il 65% degli uomini ultraortodossi in età lavorativa ha deciso di non lavorare e quando al 50%  dei studenti delle elementari è stato detto di vivere con il minimo indispensabile, come possiamo noi sperare che la prossima generazione si prenda sulle spalle quella che l’ha preceduta?».

Questa guerra chi è che la sta vincendo? Secondo l’editore per ora nessuno. Ma a vedere come si sta comportando l’esecutivo con entrambe le parti della società, «non è difficile prevederne l’esito». Anche perché «si sta facendo di tutto per nascondere il problema. Magari ricorrendo ai soliti spauracchi come il terrorismo e l’atomica iraniana. Oppure distraendo la popolazione scrivendo che Leonardo Di Caprio sta considerando di convertirsi all’ebraismo per sposare Bar Rafaeli».

Questa è una guerra che quindi resta sotto la superficie. E il silenzio che la circonda «serve solo a quelli che non lavorano e non risparmiano». Se poi ci sarà qualcuno che alzerà la voce, se ci sarà qualcuno che denuncerà questa società a due velocità (anzi a una, perché l’altra metà non cammina per niente), secondo Yoel Esteron «vincerà sicuramente l’Israel Prize. O uno schiaffo in faccia da parte del capo dei rabbini, Ovadia Yosef».

Leonard Berberi

Standard
attualità

Le olive diventano il nuovo campo di battaglia della crisi israelo-palestinese

Questa è una guerra “oleosa”.  Che non fa rumore. E non provoca vittime. O almeno: non vittime civili. Questa è una guerra combattuta a colpi di olive. Perché in gioco c’è qualcosa di più grosso: il controllo del territorio. Ma anche gli introiti che derivano dalla vendita dell’olio.

Ulivo dopo ulivo contadini palestinesi e coloni israeliani negli ultimi anni hanno fatto la gara a chi piantava più alberi. «Lo facciamo perché così i coloni non ci potranno più sottrarre altra terra», dicono gli arabi. Quest’anno, almeno a sentire i proclami, i palestinesi ne avrebbero piantato il doppio rispetto agli anni scorsi. Gl’israeliani, invece, annunciano di aver raddoppiato il raccolto.

Ma ora, in piena stagione del raccolto, la sfida s’è fatta più aspra. E i colpi bassi sono all’ordine del giorno. Ci sono gruppi che saccheggiano le piantagioni degli avversari. E gruppi che danneggiano o addirittura bruciano gli uliveti del nemico. Da parte palestinese sono scesi in campo anche i leader politici: dal primo ministro Fayyad ai vari esponenti del Fatah. Il fatto è che, sotto sotto, la questione è soprattutto economica: l’ulivo cresce facilmente, richiede poche cure e l’olio si vende a cinque euro al litro.

Ecco perché l’Autorità palestinese ha approvato un piano di sovvenzione che permetterà agli agricoltori della Cisgiordania di piantare anche trecentomila nuovi alberi ogni anni. Coloni e falchi di Gerusalemme permettendo.

Leonard Berberi

Standard