attualità

Hitler nella pubblicità, polemiche contro il portale Nana10

Il logo di Nana10

Quando c’è Hitler di mezzo, in Israele gli animi si surriscaldano. Che dire allora del gruppo mediatico israeliano che, per lanciare una sorta di piattaforma comune a metà tra Msn e Facebook, ha creato un videoclip dove si vede Hitler? (qui il video incriminato) Non quello vero, ma la copia recitata da Bruno Ganz nel film “La caduta – gli ultimi giorni di Hitler”.

Yossi Meiman, tycoon israeliano e maggiore azionista del gruppo mediatico che gestisce l’emittente tv Canale 10, il portale web Nana10 e altri siti, ecco Meiman non ha proprio digerito la pubblicità. E ha attaccato duramente il Ceo di Nana10, Guy Eliav. “Questa pubblicità va oltre il cattivo gusto”, ha scritto Meiman in una lettera di fuoco.

“Voglio credere che dopo questa mia considerazione – continua Meiman nella missiva – lei (Eliav, ndr) bloccherà questa campagna promozionale immediatamente e, nel frattempo, le chiedo di riconsiderare il codice etico sul quale ha basato questa pubblicità”.

Standard
politica, sport

Cricket peace

Meno male che c’è il cricket. Perché fosse per la politica saremmo già in piena guerra. Israeliani contri Palestinesi, musulmani contro ebrei.

L’International cricket council, il gruppo che riunisce le tredici nazioni più forti di questo sport, ha deciso di dare un premio all’Israeli cricket association (Ica). E l’ha fatto a Dubai, posto che negli ultimi giorni è stato reso famoso per la caccia ai 26 presunti agenti del servizio segreto israeliano responsabili di un omicidio mirato.

Il premio – motivano i membri – è dato dal fatto che il Paese si è impegnato ad integrare bambini ebrei e beduini attraverso il gioco del cricket. Un riconoscimento, questo, che arriva un mese dopo quello europeo. Sempre per lo stesso motivo: lo sforzo per l’integrazione.

“Siamo molto contenti – commenta il portavoce dell’Ica, Godkr Naor -, certo, resta da vedere se si andrà avanti così o sarà soltanto un piccolo contentino da parte di paesi che non dimostrano di amare il nostro”, ha concluso polemico.

Standard