attualità, politica

Netanyahu, Haaretz, le parole “incomprese” e il bunga bunga

Più che un’edizione speciale, un numero esplosivo. Così tanto, da avere – per qualche ora – fatto sobbalzare le cancellerie di mezzo mondo. Perché il titolo di apertura – sia nella versione ebraica, che quella inglese – non lasciava spazio ad altre interpretazioni: «Netanyahu: non c’è soluzione al conflitto israelo-palestinese». Boom! È a quel punto è scoppiata la rissa (verbale) tra redazione e staff governativo. (continua QUI)

Annunci
Standard
attualità, speciale libia

Parla l’autore del remix di Gheddafi: “E ora ‘Bunga Bunga’, il rap su Berlusconi”

Noy Alooshe

Lui non ha fatto altro che prendere il discorso alla nazione di Gheddafi, metterci un po’ di musica da discoteca, ritmare un minimo le invettive del Colonnello (“Li staneremo come ratti! Porta a porta! Casa per casa!”) e inserire donne poco vestite (anche se a ben vedere la donna è una sola). Il tempo di mettere quel montaggio su YouTube ed ecco che, nel giro di pochi giorni, più di un milione di persone l’ha visto, l’ha commentato, cliccato, diffuso. (segue sul sito del “Sole 24 Ore”)

Standard