attualità

FOCUS / I raid israeliani, Hezbollah e le armi chimiche. Ecco cosa succede in Siria

Le macerie e la distruzione nell'area di Al Hama, alla periferia di Damasco. La foto è stata fornita dall'agenzia siriana di Stato Sana (via Epa)

Le macerie e la distruzione nell’area di Al Hama, alla periferia di Damasco. La foto è stata fornita dall’agenzia siriana di Stato Sana (via Epa)

Uno scenario così complicato, forse, non l’avevano immaginato nemmeno gli esperti. Tutto cambia. Tutto si muove. Tutto s’intreccia. E alla fine, la sensazione, è che un dato certo resiste per poche ore. Poi non ha più nessun valore.

È dura, negli ultimi giorni, riuscire a capire cosa stia davvero succedendo in Siria. Mancano gli uomini sul campo. Occhi affidabili che possano dare il quadro del Paese. Mancano anche certe informazioni satellitari. Di quelle, per intenderci, che sappiano almeno individuare chi – negli ultimi mesi – sta usando le armi chimiche. Chi, per essere più espliciti, sta disperdendo gas sarin su parte della popolazione siriana. Informazione, anche quest’ultima, che ieri – domenica sera – ha preso un’altra piega.

I DUE RAID NOTTURNI – E allora. Quello che è certo è che, dopo il doppio raid notturno dello scorso gennaio, per due sere consecutive – venerdì e sabato – l’esercito israeliano ha portato a termine due incursioni aeree contro edifici dell’esercito siriano e contro convogli carichi di missili a pochi passi dal palazzo presidenziale del presidente Bashar Assad a Damasco.

Gerusalemme non ha mai confermato i raid (nel video sotto quello di sabato sera, nda). Bisogna perciò affidarsi alle fonti. Agli esperti militari – israeliani, americani, britannici e francesi – che, tutti dietro richiesta di anonimato, rafforzino quello che da ore sospettano in molti. Tre sarebbero i fattori che avrebbero spinto lo Stato ebraico a intervenire direttamente in un conflitto dal quale per mesi hanno cercato di stare fuori.

L’OK USA, GLI IRANIANI E I MISSILI – Il primo: il consenso degli Usa a qualsiasi azione militare in grado di fermare il trasferimento di qualsiasi tipo di armamenti dalla Siria agli uomini di Hezbollah, in Libano. Il secondo fattore: la presenza massiccia di uomini attorno ai confini settentrionali d’Israele. Si tratterebbe di miliziani sciiti di Hezbollah (lungo l’asse con il Paese dei cedri) e, novità assoluta, di basiji, volontari iraniani addestrati a gestire le rivolte interne e quelle per le vie delle città. Secondo alcuni esperti militari israeliani negli ultimi mesi in Siria sarebbero arrivati almeno seimila basiji.

Il terzo fattore è quello che allarma di più: l’arrivo, da Teheran, dei Fateh-110, missili a lunga gittata da 500-600 chili, in grado di colpire Tel Aviv, Gerusalemme, Haifa, Beersheva. Il carico sarebbe arrivato poco più di una settimana fa. Con destinazione finale i depositi di Hezbollah. Tutti motivi che spiegano – secondo i bene informati – anche il richiamo a sorpresa di migliaia di riservisti israeliani per un’esercitazione che non era stata prevista per il 5 maggio. Per ieri. Esercitazione che, in realtà, non c’è stata. Ma i soldati dell’Idf, quelli sì, ieri erano visibili lungo tutto il nord d’Israele.

LA MINACCIA DI DAMASCO – In mancanza di informazioni accurate e certe, Gerusalemme procede a piccoli passi. Israele sa che Assad sta attraversando un momento delicato: da queste settimane dipende l’esito della sua resistenza ai ribelli e alle ostilità di alcuni Paesi occidentali. Ma è questa incertezza di fondo che, dal punto di vista militare, porta più di qualcuno a temere una risposta scomposta di Damasco dopo i raid israeliani. Incertezza alimentata da Al-Mayadeen, tv vicina ad Hezbollah, che domenica pomeriggio – citando fondi siriane – ha spiegato che Assad avrebbe deciso di dispiegare batterie di missili orientate verso Israele e dato l’ok alla fazione palestinese di attaccare lo Stato ebraico dalle Alture del Golan.

Carla Del Ponte, membro della commissione d'inchiesta Onu sui crimini in Siria intervistata dalla tv della Svizzera italiana (foto RSI / Falafel Cafè)

Carla Del Ponte, membro della commissione d’inchiesta Onu sui crimini in Siria intervistata dalla tv della Svizzera italiana (foto RSI / Falafel Cafè)

LE POSSIBILITÀ DI UNA GUERRA SIRIA-ISRAELE – Verità o bluff? Gli analisti israeliani, per ora, restano prudenti. Spiegano – soprattutto ai microfoni della tv Canale 10 – che «le probabilità di una reazione siriana o addirittura di una guerra sono basse». Ma precisano anche che «più lo Stato ebraico continua con i raid sul Paese più aumentano i rischi di una replica siriana». Replica che potrebbe anche essere messa in pratica da Hezbollah o dall’Iran. Con il rischio, concreto, che altri Stati entrino nel giro di poche ore nel mattatoio siriano. Intanto per prudenza, l’esercito israeliano ha disposto la chiusura ai voli civili dello spazio aereo nel nord del Paese e su Haifa almeno fino a giovedì (la decisione è stata annullata lunedì 6 maggio, ndr). Decisione che ha costretto la compagnia aerea locale Arkia a sospendere i voli Eilat – Haifa di ieri.

L’INCHIESTA SUL GAS SARIN – A complicare ancora di più lo scenario mediorientale è l’intervista che l’ex procuratore capo del Tribunale penale internazionale per i crimini nell’ex Jugoslavia, Carla Del Ponte, ha rilasciato alla radio della Svizzera italiana. «Abbiamo le prove che ad utilizzare armi chimiche in Siria sono stati gli insorti e non gli uomini fedeli al regime di Bashar Assad», ha detto Del Ponte, membro della commissione Onu che sta indagando sui crimini di guerra commessi nel Paese.

«Stando alle testimonianze che abbiamo raccolto i ribelli hanno usato armi chimiche, facendo ricorso al gas sarin» ha aggiunto. E precisato che comunque «le indagini sono ben lungi dall’essere concluse. Le nostre inchieste dovranno essere ulteriormente approfondite, verificate e accertate attraverso nuove testimonianze ma, per quanto abbiamo potuto stabilire, al momento sono solo gli oppositori al regime ad aver usato il gas sarin». Se il risultato dovesse essere confermato, per Washington potrebbe significare il ripensamento della strategia politica e militare. Per i ribelli, invece, un esito in grado di fargli perdere qualsiasi appoggio internazionale.

© Leonard Berberi

Prima versione: lunedì 6 maggio, ore 00.54
Ultimo aggiornamento: lunedì 6 maggio, ore 03.35

Annunci
Standard
attualità

LA STORIA / Hassan, cameraman ufficiale di Ahmadinejad e informatore della Cia

Non ha avuto bisogno di parlare, Hassan Gol Khanban. Gli è bastato mostrare ore e ore di filmati su nastri mini-dv e vhs. E poi firmare il documento di piena collaborazione. Che inizierà soltanto quando sul suolo americano metteranno piede la moglie e i figli. «Ora al sicuro in Turchia, ma forse stanno già volando verso gli Stati Uniti».

Da Gerusalemme, parte attiva nella vicenda, assicurano – senza mezzi termini – che si tratta del più grande caso di successo dello spionaggio anti-iraniano negli ultimi decenni. Più degl’infiltrati che, una volta entrati dall’Azerbaigian, hanno eliminato – uno dopo l’altro – le figure chiave del programma nucleare di Teheran.

La storia è roccambolesca e stupefacente allo stesso tempo. Hassan Gol Khanban il primo ottobre scorso s’è presentato agli agenti Cia di New York e ha chiesto asilo politico. I servizi segreti iraniani l’hanno cercato per ore. Perché Hassan Gol Khanban è il cameraman personale del presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad. L’uomo che più gli è stato a fianco negli ultimi anni. E nella città americana seguiva gli appuntamenti del numero uno di Teheran durante il vertice Onu e tutta la spedizione, 140 uomini in tutto. Fino a quando ha deciso di chiudere con il passato.

Hassan Gol Khanban (nel tondo), l’operatore ufficiale di Ahmadinejad, a New York lo scorso 23 settembre. Una settimana prima di chiedere asilo politico agli Usa consegnando filmati e foto riservati (foto di Gary Krauss/Ap)

Ma quello che manca, in tutta questa storia, è il resto. Che, in questo caso, vuol dire tutto. Perché Hassan, un uomo sulla quarantina ed ex membro basiji (la polizia religiosa), s’è portato con sé decine di filmati, centinaia di foto. «Materiale sensibile». Di più: «vitale, per l’Intelligence di mezzo mondo». In quelle istantanee e in quei nastri ci sono le immagini dei laboratori e dei siti nucleari della Repubblica islamica. Tutto il materiale di cui hanno bisogno Israele e Usa per decidere se la «linea rossa» iraniana sul nucleare è stata superata oppure no.

In quelle videocassette – raccontano da Gerusalemme – ci sarebbero tutte le ultime visite ufficiali, e mai trasmesse nella tv di Stato, di Ahmadinejad e dell’ayatollah Ali Khamenei nei siti nucleari e le sedi delle Guardie rivoluzionarie del Paese. «Il più grande e aggiornato archivio sul cuore scientifico e militare del Paese», spiegano da Israele, «arrivato senza nessun intoppo perché nessuno ha mai pensato di controllare le due valigie del cameraman prima di partire per New York».

Tra il materiale ci sarebbero anche i laboratori che non sono mai stati fatti visionare agli osservatori dell’Agenzia internazionale dell’energia atomica di Vienna: «il complesso nucleare di Natanz, l’impianto di arricchimento nucleare di Farduz, la struttura militare di Teheran e il centro di ricerca di Amir-Abad». «In molti filmati si vedono scienziati ed esperti spiegare nel dettaglio i vari programmi di ricerca ad Ahmadinejad», raccontano estasiati da Gerusalemme. «La cosa è positiva per due motivi: da un lato ci fornisce prove evidenti su quello che hanno intenzione di fare gl’iraniani», spiegano. «Dall’altro, ci permette di inserire, catalogare e memorizzare nei nostri dispositivi di contro-spionaggio le singole voci dei vertici militari, così da individuarli subito ogni volta che intercettiamo le loro comunicazioni».

Hassan Gol Khanban insieme ai vertici militari iraniani (foto Agenzia Fars)

Dallo Stato ebraico spiegano anche che il primo «contatto» tra Cia e Hassan Gol Khanban sarebbe avvenuto esattamente un anno fa. E proprio quando l’operatore tv si trovava a New York per i lavori dell’Assemblea generale dell’Onu. È in quei giorni che sarebbe stato convinto dall’intelligence americana a passare dalla loro parte. In tutti questi mesi, dicono da Gerusalemme, il cameraman non avrebbe mai contattato la Cia. Né altri 007 occidentali presenti in Iran. Per non destare sospetti. «Gli americani hanno avuto, per un anno intero, un loro uomo di fianco ad Ahmadinejad e Khamenei», spiegano.

Poi la svolta. Agli inizi di settembre Hassan Gol Khanban chiede e ottiene – grazie al suo ruolo – un visto per la moglie e i figli per la Turchia. Motivo: visita ai parenti. Una volta che la famiglia ha toccato il suo turco, «e una volta che gli Usa li hanno presi in custodia», per Hassan è stato il momento di «finire il lavoro». Atterrato a New York, il 23 settembre, ha filmato per qualche giorno Ahmadinejad. Poi, quando tutti si erano rilassati alla fine del discorso all’Onu del presidente iraniano, l’operatore tv, l’ombra dell’uomo più potente della Repubblica islamica, ha lasciato la sua stanza al Warwick Hotel e s’è consegnato agli agenti statunitensi affiancato dall’avvocato Paul O’Dwyer. «Sono Hassan Gol Khanban, cittadino iraniano. Chiedo asilo politico agli Stati Uniti d’America». Dando così inizio alla più roccambolesca storia di spionaggio.

© Leonard Berberi

Standard