attualità

Tel Aviv, l’estrema destra scende in strada con le sua ronde contro gli immigrati

Boutade? Provocazione? O, più semplicemente, nuovo sintomo di una società che si sposta sempre più a destra? Perché, più che di rondini, in questo inizio primavera in Israele si parla soprattutto di ronde. Sì, quelle ronde. Quelle leghiste, tanto per fare un esempio a noi vicino. Ronde che fanno male. Alla società. Alla cultura. Alla tranquillità. Al futuro. Ronde che allarmano.

Dice l’estrema destra nazionalista israeliana che nei sobborghi di Tel Aviv si sta preparando a entrare in azione con l’intenzione di dar vita a iniziative popolari di cosiddetta «autodifesa» contro la minacce attribuite alla crescente presenza di immigrati legali o clandestini. Nome della ronda: «Team Marzel».

La novità l’hanno raccontata per primi i giornalisti dell’edizione online dello Yedioth Ahronoth, il più diffuso giornale d’Israele. Mentre la polizia telavivina parla di «pericolosa provocazione». «È una strumentalizzazione politica da fermare», ha detto un dirigente di polizia esperto di immigrazione. «Questi sono gruppi di provocatori il cui unico scopo è gettare benzina sul fuoco».

La prima ronda di Tel Aviv. Si chiama "Team Marzel" e promette di ristabilire la sicurezza urbana nei sobborghi di Tel Aviv, quelli a più alta concentrazione di stranieri (foto di Tzvika Tishler / Ynet)

L’idea della ronda è venuta a un deputato dell’Unione Nazionale, un partito d’estrema destra che si ispira all’eredità del famigerato movimento Kach, fondato dal defunto rabbino Meir Kahane e poi disciolto in Israele – sull’onda del massacro di fedeli musulmani palestinesi a Hebron (Cisgiordania) da uno dei suoi militanti, il colono Baruch Goldstein – con l’accusa di istigazione alla violenza e all’odio razziale.

La realizzazione è stata quindi affidata al controverso tribuno Baruch Marzel. Che non ha perso tempo e ha già costituito un primo contingente di 200 vigilantes – sia uomini che donne – tutti addestrati alle arti marziali e forniti di magliette nere e lacrimogeni.

Marzel ha detto di aver preso a modello le squadre di «autodifesa ebraica» reclutate a suo tempo a New York dal rabbino Kahane fra i giovani attivisti del Kach. Uno dei volontari, interpellato dal giornale, ha giustificato l’iniziativa sostenendo che gli ebrei – stragrande maggioranza a Tel Aviv – «si sentono ormai in pericolo» in certe aree. E ha additato casi di presunte aggressioni di «immigrati sudanesi», ma anche di arabo-israeliani (che però non sono immigrati, ma cittadini dello Stato ebraico).

© Leonard Berberi

Annunci
Standard
attualità, cultura

A Ramat Gan la mostra delle polemiche: Israele come la Germania nazista

Yossi Even Kama (al centro) di fronte a uno dei quattro cilindri che costituiscono la sua tesi di laurea e una mostra molto criticata

C’è Baruch Goldstein sulla banconota da 20 shekel. C’è una festa nazionale che celebra il rabbino Meir Kahane quale padre spirituale d’Israele. E ancora: ci sono leggi che vietano la guida degli autoveicoli durante lo Shabbath e le festività ebraiche. C’è l’ordinanza che impone alle donne di far il bagno nel mar Mediterraneo solo per poche ore alla settimana.

Se non è un incubo, poco ci manca. Per ora, è solo una tesi di laurea diventata una mostra. E una denuncia. Se continua così, nel 2023 Israele sarà identica alla Germania nazista. Di questo ne è convinto l’autore dei quadri, il giovane Yossi Even Kama. E gliene frega poco delle polemiche che ha scatenato. Anzi, forse voleva fare proprio questo: provocare. Altrimenti non si spiegherebbe la stella di Davide che sostituisce la svastica nella bandiera nazionalsocialistica come simbolo costante del suo lavoro intitolato “Fascist State of Judea – 2022”.

Il palazzo del Shenkar College of Engineering and Design di Ramat Gan è diventato un luogo molto affollato in questi giorni. Le tesi di laurea sono finite in una grande mostra. Anche quella di Yossi Even Kama. E tutti vogliono vedere gli «oggetti della vergogna» come hanno scritto in molti sui giornali israeliani.

Il progetto di Yossi è semplice: quattro grandi cilindri, di quelli che si usano per attaccare gli annunci pubblici. Ogni struttura costituisce un anno, dal 2020 al 2023. Nel primo si possono vedere gli annunci dove il governo di Gerusalemme celebra la firma degli accordi di Pace con i palestinesi, l’immediato ritiro dalla Cisgiordania e il controllo congiunto della città Santa.

Ma nel cilindro successivo lo scenario cambia: convinti di aver assistito all’alto tradimento dei valori ebraici e della supremazia jewish, gli ultraortodossi riescono a mobilitare migliaia di israeliani e a portare a termine un colpo di Stato. Il risultato è la creazione della Giudea dove non c’è più nessuna libertà, nessun rispetto per le donne e nessun divertimento. C’è solo il Fascismo.

«Sono rimasto scioccato dal sondaggio dove la maggioranza degl’israeliani credeva che qui da noi ci fosse fin troppa libertà di espressione», spiega Yossi. «Con questi cilindri vorrei dire ai miei connazionali cosa potrebbe in dieci anni – continua l’artista –. Non andrà esattamente così, ma qualcosa di simile sta già accadendo: la legge che impone il giuramenti di fedeltà allo Stato ebraico in caso di acquisto della cittadinanza israeliana, il divieto di commemorare la Nakba, la legge di conversione religiosa. Quando si abbattono i mattoni fondamentali della democrazia, per forza il vuoto che lasciano sarà riempito dal Fascismo».

Israele si è spaccata esattamente a metà. Il portale di riferimento degli ebrei ultraortodossi – Srugim.com – da giorni ospita qualsiasi offesa o diffamazione nei confronti non solo di Yossi, ma anche dell’Istituto Shenkar per avergli fornito lo spazio di espressione. Sullo stesso sito, però, ci sono anche molti altri internauti che esprimono un grande apprezzamento. Ma non per l’opera in sé, quanto per il fatto che loro lo Stato ebraico lo vorrebbero esattamente com’è raffigurato nei grandi cilindri.

Scrive David Sheen su Haaretz, il giornale progressista israeliano, che una cosa è certa: «Se le paure di Yossi racchiuse nei cilindri dovessero concretizzarsi, il primo a morire bruciato sul rogo sarà proprio lui, l’artista».

Leonard Berberi

Standard