attualità

In sessantadue anni

Nel 1948, quando David Ben-Gurion fondò lo Stato d’Israele, gl’israeliani nati sul suolo nazionale erano soltanto il 35%. Oggi, sessantadue anni dopo, oltre il 70% della popolazione ebraica è nata in Israele.

A rendere noto questo dato è l’Ufficio nazionale di Statistica. Che scrive anche altro. Per esempio, che gl’israeliani di religione ebraica costituiscono il 75,7% dell’intera popolazione. Seguono, a distanza, quelli musulmani (20,4%).

Aumenta anche la popolazione. Dagli 806mila nel 1948 si è passati ai 7.411.000 nel 2008 per arrivare a 7.587.000 di oggi. Con 159mila neonati in più, 37mila deceduti, 16mila immigrati che si aggiungono agli altri già presenti e 9mila nuovi israeliani.

Poi il capitolo città. Nell’era di David Ben-Gurion, solo una città – Tel Aviv-Jaffa – aveva una popolazione superiore ai 100mila residenti. Oggi, continua l’Ufficio nazionale di Statistica, le città sono diventate quattordici. Sei di queste superano i 200mila abitanti: Gerusalemme, Tel Aviv-Jaffa, Haifa, Rishon Letzion, Ashdod e Petah Tikva.

Annunci
Standard
cinema

La terra promessa

Michael Winterbottom

Il Medio oriente tira. In vendite di libri. E in numero di biglietti nei cinema. Così anche il regista Michael Winterbottom prova a parlare di conflitto israelo-palestinese. Soprattutto dopo che il suo ultimo travagliatofilm “The killer inside me” è in anteprima al festival di Berlino.

La prossima estate inizieranno le riprese di “Promise land”. Una terra che, per gli israeliani, è diventata sempre meno promessa. E sempre più problematica. Nella sceneggiatura il nuovo lungometraggio si concentra sulle vicende che girano attorno alla spartizione della Palestine nel 1948 e la nascita dello stato d’Israele.

Il protagonista sarà Jim Sturgess (ha recitato nei film “Across the Universe”, “21”), nei panni di un ufficiale britannico chiamato a fronteggiare le fazioni estremiste ebraiche. “Promised Land”, con budget di 5 milioni di dollari, sarà prodotto da Winterbottom stesso e Andrew Eaton con la loro Revolution Films.

Standard