politica

L’odissea politica di Nazareth da due mesi senza sindaco

Nazareth

Uno scorcio della città israeliana di Nazareth dove la maggioranza è araba

L’unica cosa certa è che non sarà di religione ebraica. Poi, ovvio, il rapporto tra i due contendenti – uno vice dell’altro – finisce qui. Perché per il resto è ancora tanta la confusione a Nazareth. E a questo punto, forse, sarebbe il caso di chiedere l’aiuto divino. Non solo per i 17 voti (dei soldati) spariti nel nulla. E nemmeno per un’intera urna – quella dedicata alle persone con disabilità – invalidata. Preferenze mancate che avrebbero potuto incidere molto sul risultato finale.

Il fatto è che, più di due mesi dopo le elezioni municipali (22 ottobre 2013), nella cittadina israeliana a maggioranza araba, laggiù nella Galilea, non si sa ancora chi sarà il prossimo sindaco. In teoria la fascia dovrebbe andare ad Ali Salim, ricco imprenditore musulmano, che al conteggio l’ha spuntata per soli 21 voti sul rivale Ramez Jeraisy, cristiano-ortodosso, per quasi vent’anni primo cittadino della località religiosa visitata ogni anno da migliaia di stranieri, italiani soprattutto.

Ma un giudice del tribunale distrettuale, Nehama Munitz, ha deciso di ricontare le schede. E, alla fine, ha stabilito che prendendo quelle contestate il vincitore non è più Salim, ma Jeraisy. E per nove voti appena. Un risultato che il candidato musulmano non ha preso bene. E, pur essendo stato a lungo vice proprio del rivale ortodosso, ha deciso di andare fino in fondo presentando un altro ricorso. E al diavolo il passato insieme.

«Il sindaco sono e resto io», ha rivendicato Salim ai microfoni della radio militare israeliana. «E la giustizia ribalterà la decisione del giudice Munitz». Parole che cadono, appunto, due mesi dopo una tornata elettorale dove, il primo giudice interpellato, ad ottobre, invitava le parti «a rivolgersi a qualsiasi organo ufficiale, l’importante è che a rimetterci non siano i cittadini». Detto. Ma non fatto.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...