attualità

LA STORIA / Ecco Daniel Amit, il 16enne autistico che commuove Israele (in tv)

Il palco di X Factor Israel in onda su Canale 2

Il palco di X Factor Israel in onda su Canale 2

Ma quanto si piange? E quanto si ride? E quanto si discute? E quanto si prende in giro in quest’edizione di «X Factor Israel» all’interno della Nokia Arena di Tel Aviv? Sembra la versione ebraica di «Carramba che sorpresa!». Ricorda le storie strappalacrime di «C’è posta per te». Ha il sapore della «Corrida» di quando a condurlo, il programma, c’era lui, Corrado.

Eppoi c’è la conduttrice, la fotomodella Bar Refaeli, capace di annichilirti con un semplice sorriso tanto è bella, a tratti in modo imbarazzante. Quindi loro, i fantastici quattro della giuria, così diversi che l’unica cosa in comune, forse, è il passaporto. C’è uno dei cultori della musica tradizionale israeliana, Moshe Peretz. All’opposto c’è il cantante pop Ivri Lider, gay dichiarato e da sempre espressione di uno Stato ebraico moderno. In mezzo Shiri Maimon, simpatica, sorridente e con una bella voce in grado di reggere l’R&B. E Rami Fortis, l’anziano, il burbero, l’uomo con la montatura spessa che si vede a decine di metri di distanza da decenni ormai in giro per Israele a trasmettere la sua musica rock.

Daniel Amit, 16 anni di Ramat Gan, uno dei concorrenti di X Factor Israel

Daniel Amit, 16 anni di Ramat Gan, uno dei concorrenti di X Factor Israel

E però, in mezzo a tutto questo, in mezzo ad aspiranti cantanti fallite, a transessuali che hanno svoltato verso via del Declino, a badanti che arrivano dalle Filippine per pulire i fondoschiena degli anziani o per preparare loro la pappa, ecco, in mezzo a tutto questo c’è lui, Daniel Amit, di anni sedici, con una casa a Ramat Gan, capelli riccioli che gli coprono spesso la fronte, la voce di chi ogni giorno deve vedersela sempre con qualcosa e lo sguardo di chi, nonostante tutto, trova il tempo, lo spazio e il modo per sorridere.

Nella prima puntata del talent show Daniel Amit – che condivide lo stesso nome e cognome di un fisico e pacifista israeliano diventato italiano nel 1999 – s’è presentato, a metà programma, con i suoi pantaloni rossi aderenti, le sue All Star ai piedi, la sua camicia a quadri a coprire una maglietta bianca con la scritta «Orgoglioso di essere autistico». Sì perché Daniel autistico lo è davvero. «L’hanno scoperto quando avevo due anni», racconta mentre deve ancora capire cos’ha fatto salendo su quel palco ed entrando nelle case di otto israeliani su dieci.

La scritta sulla maglia di Daniel Amit: "Orgoglioso di essere autistico"

La scritta sulla maglia di Daniel Amit: “Orgoglioso di essere autistico”

«Tutti pensano che chi, come me, ha una disabilità comportamentale o un limite non riesce a fare le cose», spiega il sedicenne. «Beh, non è vero: perché a me hanno sempre insegnato che l’unico ostacolo insormontabile è il cielo. Tutti possono fare tutto, l’importante è che ci mettano l’impegno e che non si abbattano». Daniel, per esempio, è un musicista e cantante. Compone. Disegna anche fumetti con il suo pc portatile. Ha cantato ad alcuni concerti di Aviv Geffen, altro famoso della musica locale. Ha parlato a molte conferenze, comprese quelle di TED. Dove, ovviamente, racconta l’autismo. Il suo nemico. Il suo demone. E guai a nasconderlo. Ci ha fatto anche una canzone, questo adolescente di Ramat Gan, alla periferia est di Tel Aviv. Titolo: «To be or not to live», essere o non vivere.

Ma ora eccolo qui, su questo palco pieno di luci e colori. Davanti a migliaia di persone in carne e ossa. Di fronte a questa giuria. «Ce l’hai l’X Factor?», gli chiedono. E lui, timido, risponde. A questa domanda, che vuol dire tutto e nulla. Alle altre domande. A volte si mangia le parole. Mentre lo sguardo di tutti scorre lentamente – ma facendo attenzione a non farsi notare – verso quel «Orgoglioso di essere autistico».

«Cosa ci canti stasera?», gli chiedono ancora dal tavolo della giuria. «HaNasich HaKatan», dice Daniel. Sarebbe «Il piccolo principe», in ebraico. Non una canzone qualsiasi. Non in Israele. Non per le ultime tre generazioni nate e cresciute in questo pezzo di terra mediorientale. È la canzone composta da Yonatan Geffen. Racconta la storia di questo «piccolo principe» portato via dalla sua adolescenza per difendere la Patria dai nemici. Sintetizza le vite di migliaia di ragazzi strappati all’innocenza e buttati, a volte come carne da macello, nelle follie dell’area.

Le lacrime di Rami Fortis (uno dei giudici), della mamma di Daniel Amit e della conduttrice Bar Refaeli

Le lacrime di Rami Fortis (uno dei giudici), della mamma di Daniel Amit e della conduttrice Bar Refaeli

«Pagashti oto beleiv hamidbar», esordisce Daniel (in fondo il video della performance, nda). «L’ho conosciuto nel cuore del deserto». E scattano i primi segni di apprezzamento. «Yafah shkiyat shemesh leleiv atzuv», continua il ragazzo. «Quanto sembra bello il tramonto a un cuore triste». «Tziyarti lo eitz vekivsah al niyar», gli ho dipinto un albero e una pecora su un foglio, intona il concorrente, e intanto Shiri Maimon è rapita da quella voce. «Vehu hivtiyach li sheyashuv», e lui mi ha promesso che sarebbe tornato. Ed è qui che il giudice più anziano si commuove. E non la smette di piangere. E anche dagli spalti si commuovono. Per Daniel, per quella voce graziosa, per quello che la canzone rappresenta.

«Pagashti oto beleiv hamidbar», conclude il sedicenne. E si alzano tutti in piedi. E applaudono da ogni angolo. E gli fanno cenno di essere andato benissimo. E gli dicono tutti e quattro i giudici «Sì», per spiegargli che sì, è stato preso, che passa alla fase successiva. Fase dove deve vedersela con decine di concorrenti, bravi come lui, ma anche meno e più di lui. Però per ora chi si ne frega della seconda tappa di questa sfida. Ora importa beccarsi gli applausi del pubblico. Le lacrime della mamma. La commozione di Bar Refaeli. Domani è un altro giorno. Sempre in compagnia dell’autismo. Perché Daniel è «orgoglioso di essere autistico».

© Leonard Berberi

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...