attualità, cultura

Alice, la pianista di 110 anni sopravvissuta al Nazismo (e candidata all’Oscar)

Alice Herz-Sommer, 110 anni, protagonista del documentario candidato agli Oscar "Lady in number 6"

Alice Herz-Sommer, 110 anni, protagonista del documentario candidato agli Oscar “Lady in number 6”

Lei spera di arrivare, viva, al prossimo marzo. Di salire sul palco del Kodak Theater. Di ricevere la statuetta, e gli applausi e gli onori della sala e l’ammirazione del mondo. Di fare un paio di dediche. Se non altro perché è un primato vivente: è il più anziano ebreo sopravvissuto ai campi di concentramento nazisti. È la pianista con l’età più avanzata. E, se proprio vogliamo dirla tutta, anche «la seconda persona più vecchia di Londra».

Però, prima, questa donna deve entrare nella lista finale di gennaio. Quindi vincerla, quella statuetta tutta luccicante. Potrà farlo se il documentario, tutto incentrato sulla sua vita, saprà farsi largo nei cuori dei giudici. Titolo dell’opera: «La signora al numero 6». Regista: Malcolm Clarke, uno che l’Oscar l’ha già vinto. Probabilmente diventerà famosa per questo, per l’indirizzo della sua residenza attuale, la «signora al numero 6». Ma all’anagrafe si chiama Alice Herz-Sommer. È nata a Praga, ha compiuto 110 anni lo scorso 26 novembre, ha passato la vita a suonare il pianoforte. Anche quand’era circondata dai fili spinati e dalla follia del lager di Theresienstadt, in pieno regime nazista. Ed è, probabilmente, una delle ultime persone ad aver fatto colazione in casa con Franz Kafka, amico di famiglia e ospite fisso durante i fine settimana.

Il documentario – i cui lavori sono durati poco meno di tre anni – parte dalla piccola casa al numero 6, in una via che dal centro porta a nord di Londra. È qui che Alice vive praticamente da sempre. E da sola. Un po’ per colpa dell’uomo. Un po’ per colpa del Destino. Suona Bach e Beethoven per molte ore al giorno. Tant’è che, sostiene, «sono ebrea, ma Beethoven è la mia religione». E, di fronte alla telecamera, ripete spesso: «La musica mi ha salvato la vita e continua a farlo anche ancora».

Alice mentre suona il piano in una scena del documentario che ruota tutto intorno a lei

Alice mentre suona il piano in una scena del documentario che ruota tutto intorno a lei

Quando ha quarant’anni l’Olocausto presenta ad Alice uno spartito diverso. Fatto di violenze, orrore, morte e dolore. La mamma e il marito (Leopold Sommer) vengono messi su un treno con viaggio di sola andata verso Auschwitz. Non ritorneranno mai più. Lei, insieme al figlio di 6 anni, Raphael, diventano prigionieri del campo di Theresienstatd. «Non sapevo né come sfamare Raphael, né come spiegargli cosa stava succedendo», ricorda lei. Nel frattempo Alice suona. All’interno del lager nazista la donna si esibisce più cento volte. «Il pianoforte mi ha fatto uscire viva da quell’inferno».

E deve essere andata così – un po’ come è successo a Władysław Szpilman, diventato «Il pianista» Roman Polanski – perché poi Alice e Raffi (il diminutivo di Raphael) riescono a sopravvivere al campo di concentramento. Si trasferiscono in Israele e ci restano fino al 1986, quando decidono di andare a Londra. Il figlio, nel frattempo, è diventato un bravo violoncellista e direttore d’orchestra. Ma nel 2001 muore all’improvviso. Lasciando Alice completamente da sola, nel suo appartamento al numero sei.

«Non è un documentario sull’Olocausto», spiegano i produttori. «Quello che vogliamo esaltare è la vitalità di questa donna, la sua forza morale, il suo senso dell’umorismo, il suo amore incondizionato per la musica». Prodotto con un budget bassissimo, autofinanziato, gli autori dicono che tutti gli incassi andranno alla «Rafael Sommer Music Foundation», la fondazione creata per ricordare il figlio di Alice.

Alice che suona. Alice che ricorda. Alice che non odia. Nemmeno il Nazismo. «E mai lo odierò», dice. «Non ho mai odiato in vita mia, l’odio porta soltanto altro odio». Poi l’ammissione, alla fine del filmato: «Solo quando siamo davvero vecchi ci rendiamo conto della bellezza della vita». Nonostante Hitler. Nonostante i campi di concentramento. Nonostante la morte improvvisa del figlio. Nonostante tutto.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

LA STORIA / Ecco Daniel Amit, il 16enne autistico che commuove Israele (in tv)

Il palco di X Factor Israel in onda su Canale 2

Il palco di X Factor Israel in onda su Canale 2

Ma quanto si piange? E quanto si ride? E quanto si discute? E quanto si prende in giro in quest’edizione di «X Factor Israel» all’interno della Nokia Arena di Tel Aviv? Sembra la versione ebraica di «Carramba che sorpresa!». Ricorda le storie strappalacrime di «C’è posta per te». Ha il sapore della «Corrida» di quando a condurlo, il programma, c’era lui, Corrado.

Eppoi c’è la conduttrice, la fotomodella Bar Refaeli, capace di annichilirti con un semplice sorriso tanto è bella, a tratti in modo imbarazzante. Quindi loro, i fantastici quattro della giuria, così diversi che l’unica cosa in comune, forse, è il passaporto. C’è uno dei cultori della musica tradizionale israeliana, Moshe Peretz. All’opposto c’è il cantante pop Ivri Lider, gay dichiarato e da sempre espressione di uno Stato ebraico moderno. In mezzo Shiri Maimon, simpatica, sorridente e con una bella voce in grado di reggere l’R&B. E Rami Fortis, l’anziano, il burbero, l’uomo con la montatura spessa che si vede a decine di metri di distanza da decenni ormai in giro per Israele a trasmettere la sua musica rock.

Daniel Amit, 16 anni di Ramat Gan, uno dei concorrenti di X Factor Israel

Daniel Amit, 16 anni di Ramat Gan, uno dei concorrenti di X Factor Israel

E però, in mezzo a tutto questo, in mezzo ad aspiranti cantanti fallite, a transessuali che hanno svoltato verso via del Declino, a badanti che arrivano dalle Filippine per pulire i fondoschiena degli anziani o per preparare loro la pappa, ecco, in mezzo a tutto questo c’è lui, Daniel Amit, di anni sedici, con una casa a Ramat Gan, capelli riccioli che gli coprono spesso la fronte, la voce di chi ogni giorno deve vedersela sempre con qualcosa e lo sguardo di chi, nonostante tutto, trova il tempo, lo spazio e il modo per sorridere.

Nella prima puntata del talent show Daniel Amit – che condivide lo stesso nome e cognome di un fisico e pacifista israeliano diventato italiano nel 1999 – s’è presentato, a metà programma, con i suoi pantaloni rossi aderenti, le sue All Star ai piedi, la sua camicia a quadri a coprire una maglietta bianca con la scritta «Orgoglioso di essere autistico». Sì perché Daniel autistico lo è davvero. «L’hanno scoperto quando avevo due anni», racconta mentre deve ancora capire cos’ha fatto salendo su quel palco ed entrando nelle case di otto israeliani su dieci.

La scritta sulla maglia di Daniel Amit: "Orgoglioso di essere autistico"

La scritta sulla maglia di Daniel Amit: “Orgoglioso di essere autistico”

«Tutti pensano che chi, come me, ha una disabilità comportamentale o un limite non riesce a fare le cose», spiega il sedicenne. «Beh, non è vero: perché a me hanno sempre insegnato che l’unico ostacolo insormontabile è il cielo. Tutti possono fare tutto, l’importante è che ci mettano l’impegno e che non si abbattano». Daniel, per esempio, è un musicista e cantante. Compone. Disegna anche fumetti con il suo pc portatile. Ha cantato ad alcuni concerti di Aviv Geffen, altro famoso della musica locale. Ha parlato a molte conferenze, comprese quelle di TED. Dove, ovviamente, racconta l’autismo. Il suo nemico. Il suo demone. E guai a nasconderlo. Ci ha fatto anche una canzone, questo adolescente di Ramat Gan, alla periferia est di Tel Aviv. Titolo: «To be or not to live», essere o non vivere.

Ma ora eccolo qui, su questo palco pieno di luci e colori. Davanti a migliaia di persone in carne e ossa. Di fronte a questa giuria. «Ce l’hai l’X Factor?», gli chiedono. E lui, timido, risponde. A questa domanda, che vuol dire tutto e nulla. Alle altre domande. A volte si mangia le parole. Mentre lo sguardo di tutti scorre lentamente – ma facendo attenzione a non farsi notare – verso quel «Orgoglioso di essere autistico».

«Cosa ci canti stasera?», gli chiedono ancora dal tavolo della giuria. «HaNasich HaKatan», dice Daniel. Sarebbe «Il piccolo principe», in ebraico. Non una canzone qualsiasi. Non in Israele. Non per le ultime tre generazioni nate e cresciute in questo pezzo di terra mediorientale. È la canzone composta da Yonatan Geffen. Racconta la storia di questo «piccolo principe» portato via dalla sua adolescenza per difendere la Patria dai nemici. Sintetizza le vite di migliaia di ragazzi strappati all’innocenza e buttati, a volte come carne da macello, nelle follie dell’area.

Le lacrime di Rami Fortis (uno dei giudici), della mamma di Daniel Amit e della conduttrice Bar Refaeli

Le lacrime di Rami Fortis (uno dei giudici), della mamma di Daniel Amit e della conduttrice Bar Refaeli

«Pagashti oto beleiv hamidbar», esordisce Daniel (in fondo il video della performance, nda). «L’ho conosciuto nel cuore del deserto». E scattano i primi segni di apprezzamento. «Yafah shkiyat shemesh leleiv atzuv», continua il ragazzo. «Quanto sembra bello il tramonto a un cuore triste». «Tziyarti lo eitz vekivsah al niyar», gli ho dipinto un albero e una pecora su un foglio, intona il concorrente, e intanto Shiri Maimon è rapita da quella voce. «Vehu hivtiyach li sheyashuv», e lui mi ha promesso che sarebbe tornato. Ed è qui che il giudice più anziano si commuove. E non la smette di piangere. E anche dagli spalti si commuovono. Per Daniel, per quella voce graziosa, per quello che la canzone rappresenta.

«Pagashti oto beleiv hamidbar», conclude il sedicenne. E si alzano tutti in piedi. E applaudono da ogni angolo. E gli fanno cenno di essere andato benissimo. E gli dicono tutti e quattro i giudici «Sì», per spiegargli che sì, è stato preso, che passa alla fase successiva. Fase dove deve vedersela con decine di concorrenti, bravi come lui, ma anche meno e più di lui. Però per ora chi si ne frega della seconda tappa di questa sfida. Ora importa beccarsi gli applausi del pubblico. Le lacrime della mamma. La commozione di Bar Refaeli. Domani è un altro giorno. Sempre in compagnia dell’autismo. Perché Daniel è «orgoglioso di essere autistico».

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Israele, la sfida di un’organizzazione: “Chi è accusato di aver evaso il fisco non deve apparire in tv”

Il cantante israeliano Moshe Peretz, 30 anni, giudice di X Factor Israel (foto di Eitan Tal)

Il cantante israeliano Moshe Peretz, 30 anni, giudice di X Factor Israel (foto di Eitan Tal)

Divi sì. Giudici di talent show per di più. Ma restano comunque sospettati di aver evaso il fisco. Per questo bisogna toglierli dallo schermo. Perché, ecco, non sono proprio di buon esempio. Lo domanda a gran voce il «Movement for quality government», un’organizzazione israeliana che si batte per migliorare la qualità della democrazia del Paese.

La richiesta è stata ufficializzata giovedì con la consegna dei documenti all’Alta corte di giustizia. E chiede che quei due lì – i cantanti Eyal Golan e Moshe Peretz – vengano cacciati dai talent show di Canale 2, la più seguita nello Stato ebraico. Motivo? Entrambi hanno frodato il fisco. Golan per una cifra superiore ai 2,5 milioni di shekel (circa 500 mila euro). Peretz per non aver dichiarato guadagni pari a 1 milione di shekel (circa 200 mila euro).

Il cantante israeliano Eyal Golan, 42 anni, giudice a "E' nata una stella" (foto di Nati Shohat/Flash90)

Il cantante israeliano Eyal Golan, 42 anni, giudice a “E’ nata una stella” (foto di Nati Shohat/Flash90)

Dice l’organizzazione: «Pagare le tasse è uno degli elementi fondamentali di una democrazia, è un dovere per tutti i cittadini residenti nel nostro Paese. Chi viola questa cosa, viene punito». Quindi il punto: «Se però si dà esposizione mediatica, per di più in prima serata, a individui condannati per aver mentito al Fisco allora il rischio è che passino per eroi». E che, quindi, alla spicciolata tutti gli altri inizino a non pagare più le tasse. O a mentire per pagarne di meno. «Resta fermo il fatto che si è innocenti o colpevoli fino a sentenza definitiva – precisa l’organizzazione – però fino ad allora è meglio non dare esposizione mediatica a chi è coinvolto in vicende giudiziarie di questo tipo».

Il ragionamento, per molti, non fa una piega. Però poi c’è la realtà. Togliere Golan e Peretz non sarà facile. Perché la legge darà pur ragione ai giudici, ma i cantanti sono diventati i protagonisti dei programmi tv dove sono impegnati. Il primo, Eyal Golan, a «Rising star» (ex «È nata una stella»), iniziato a settembre. Il secondo, Moshe Peretz, a «X Factor Israel», inaugurato il mese scorso. Il primo ha 42 anni, è una delle star della musica “mizrahi”. Il secondo di anni ne ha 30, è l’idolo delle ragazze e se la batte con l’altro sullo stesso tipo di musica.

© Leonard Berberi

Standard