attualità, economia

La Banca d’Israele e quel candidato accusato di aver rubato un profumo

Jacob Frenkel, ex governatore della Banca d'Israele e di nuovo candidato a sedere sulla stessa poltrona (foto Haaretz)

Yaakov Frenkel, ex governatore della Banca d’Israele e di nuovo candidato a sedere sulla stessa poltrona (foto Haaretz)

Può la Banca centrale di un Paese essere gestita da un cleptomane? La domanda, maliziosa, se l’è posta Haaretz, il quotidiano progressista israeliano, all’indomani dell’annuncio del premier Benjamin Netanyahu: per il dopo-Stanley Fisher, Bibi vuole nominare Yaakov Frenkel prossimo governatore della Banca d’Israele.

Ignorava il primo ministro, forse, che Frenkel è il protagonista della «vicenda di Hong Kong». Una storia, mai chiarita a dire il vero, che risale al 2006. Vicenda conosciuta da tutti ai tempi. Poi caduta nel dimenticatoio. Quindi tirata fuori, di nuovo, in questi giorni.

Sette anni fa Yaakov Frenkel – 69 anni, economista di fama internazionale, imprenditore di lungo corso, ex governatore della Banca dello Stato ebraico dal 1991 al 2000 – venne fermato all’uscita di un duty free dentro lo scalo internazionale di Hong Kong. Secondo un commesso non avrebbe pagato una confezione di profumo. Il tutto, secondo Haaretz, sarebbe stato ripreso dalle telecamere a circuito chiuso. A quel punto l’ex governatore, grazie al passaporto diplomatico, avrebbe trascorso una notte in un albergo dell’aeroporto (e non in cella), per poi tornare a casa, grazie soprattutto all’intervento del consolato israeliano.

«Fu solo un malinteso», chiarisce Yaakov Frenkel. «Le autorità locali anzi mi ringraziarono perché rinunciai a chiedere di essere indennizzato per il trattamento patito». Una spiegazione che non ha convinto molti. Tant’è vero che due giorni fa il candidato governatore ha dovuto ricostruire nei dettagli tutta la vicenda di fronte a una commissione di quattro esperti. Non si sa ancora con quale esito. Se soddisfatti, la nomina potrà a quel punto essere sottoposta all’esecutivo. Anche se, secondo la stampa economica locale, è molto più probabile che a prendere il suo posto sarà Leo Leiderman, capo economista di Banca Hapoalim, l’istituto di credito più grande del Paese.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...