attualità

Il piccolo “R”, il papà morto e il desiderio di diventare nonni

Irit Rosenblum, numero uno dell'organizzazione israeliana "New Family" (foto di Tali Mayer / Haaretz)

Irit Rosenblum, numero uno dell’organizzazione israeliana “New Family” (foto di Tali Mayer / Haaretz)

Lui si chiama «R». È un bebè nato a maggio in Israele. Voluto, fortissimamente voluto, dai nonni. Ché il papà non ha fatto in tempo a concepirlo quel figlio. Ucciso a 30 anni, e scapolo, da un male incurabile.

Il papà di «R», però, aveva fatto qualcosa di particolare: prima di fare il servizio militare aveva fatto congelare il suo seme presso la «New Family», l’organizzazione che si batte per difendere quello che ritiene essere un diritto universale ad avere figli. La leva, in Israele, dura 3 anni per gli uomini. E in quel periodo di tempo – nello scenario instabile mediorientale – può succedere di tutto. O nulla. Così l’uomo, temendo di restare ferito o sterile, s’è presentato negli uffici della fondatrice dell’associazione Irit Rosenblum.

La stessa Irit che, qualche mese fa, ha dovuto ascoltare la richiesta di questa coppia d’anziani. Un uomo e una donna, distrutti dalla morte del figlio, ma sicuri di volere un nipotino usando il seme che lui ha depositato. Anche se il piccolo nascerà orfano. Anche se il piccolo non avrà una madre che sia una madre.

Irit, insieme alla «New Family», dice sì. «Mi hanno commosso tantissimo», dice. La coppia, nel frattempo, trova anche una donna – «A» – disposta a portare in grembo il bambino. Bambino che nasce a maggio, pieno di salute e coperto di coccole. Il rapporto con la mamma? «Molto buono», spiega Irit.

Il diritto ad avere un nipote o il diritto ad avere dei genitori? In Israele, quando la notizia è diventata pubblica, le due fazioni hanno detto la loro. Al momento nello Stato ebraico si conoscono soltanto dieci casi di bambini nati grazie allo sperma congelato di un defunto. Ma in tutti gli altri casi l’inseminazione artificiale era stata chiesta dalle vedove.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard

3 thoughts on “Il piccolo “R”, il papà morto e il desiderio di diventare nonni

  1. ” un diritto universale ad avere figli” è uno dei diritti inventati che pesca nella paura individuale di cessare di esistere e crea multiformi perversioni.

  2. Beatrice ha detto:

    Personalmente la trovo una cosa che ha dell’agghiacciante: tutto il dolore del mondo per aver perso un figlio non giustifica il profondo egoismo di due persone che – sicuramente non più giovanissime – fanno mettere al mondo un bambino che nasce già orfano (da quel che ho capito, il bambino starà con i nonni, non con la “madre a prestito”).. Quando sarà capace di intendere, come gli spieghi una cosa del genere? E quando i nonni non ci saranno più? Non esiste un diritto all’essere nonni, così come non concepisco il diritto ad essere genitori a 50 o 60 anni.. Metti al mondo una persona, con una mente, dei sentimenti, un’anima. Non un bambolotto.

  3. I giudizi potrebbero essere vari, ma se non si cerca di capire la cultura talmudica e giudaica, difficilmente si potrà capire questa scelta. Dico capire e non condividere.
    Per l’ebraismo moderno, non quello ortodosso l’uomo è il centro del mondo, è paragonato a dio. Per lui non c’è un dopo, ma solo ora e adesso. Ogni piacere, ogni espressione che potremmo definire pervertita è espressione dell’immagine di Dio. Per questi non c’è differenza su nessuna cosa tanto vale squartare un infante quanto commuoversi di fronte ad un fiore, il valore è lo stesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...