attualità

Israele, la commissione raccomanda di legalizzare gli insediamenti illegali in Cisgiordania

Il messaggio è chiaro. Le conclusioni pure. La portata – politica e internazionale – altrettanto. Tanto che, dall’altra parte del muro hanno bollato la cosa come «pura provocazione» e «pietra tombale sul processo di pace».

Il fatto è che con un tempismo che a molti è sembrato sospetto la commissione nominata dal governo israeliano per dare un parere su cosa fare con gli insediamenti illegali in Cisgiordania ha inviato il suo rapporto e le sue conclusioni. In sintesi: quegli insediamenti non autorizzati vanno legalizzati.

Di più. «La commissione – ha detto uno dei membri, Alan Baker – crede che lo Stato ebraico abbia il diritto di colonizzarela Cisgiordaniaperché il territorio non è occupato e non ha un governo sovrano». Non solo. «Gli insediamenti illegali – ha continuato Baker – non sono stati autorizzati perché le autorità avevano bloccato le pratiche a causa delle pressioni internazionali». Quindi l’invito all’esecutivo a completare il processo di approvazione degli insediamenti in questione.

La conclusione del rapporto non è una sciocchezza. Certo, non è vincolante. Ma rischia di tracciare la rotta di questo governo e di quelli futuri. Oltre che di offrire la possibilità al premier Netanyahu di legalizzare gli avamposti illegali. Secondo la comunità internazionale proprio quegl’insediamenti costituiscono l’ostacolo principale al processo di pace con i palestinesi, che chiedono chela Cisgiordaniafaccia parte del loro futuro Stato. Un pezzo di terra prima annesso dalla Giordania nel 1948, poi occupato da Israele nel 1967. Quindi la decisione di Amman di rinunciare a rivendicare la sovranità della Cisgiordania nel 1988.

Di là, a Ramallah, non sono stati zitti. «Si tratta di una raccomandazione in assoluta contraddizione con la legge internazionale, con le specifiche risoluzioni delle Nazioni unite e con la politica ufficiale di quasi tutti i Paesi del mondo», ha replicato Ghassan Khatib, portavoce dell’Autorità nazionale palestinese. «Simili posizioni poi sono in contraddizione con gli sforzi internazionali volti a raggiungere la pace con la soluzione a due Stati, uno dei quali dovrebbe essere situato nei territori occupati nel 1967».

A Gerusalemme, ora, si aspettano una risposta della comunità internazionale. E la divisione, sempre più marcata, tra i Paesi contrari a qualsiasi politica favorevole agl’insediamenti (Francia, in primis) e quelli che tendono a chiudere un occhio.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard

One thought on “Israele, la commissione raccomanda di legalizzare gli insediamenti illegali in Cisgiordania

  1. Nadia ha detto:

    “Secondo la comunità internazionale proprio quegl’insediamenti costituiscono l’ostacolo principale al processo di pace con i palestinesi,” — il problema e’ che la comunita’ internazionale ha il prosciutto sugli occhi, e se credono veramente che l’ostacolo principale siano gli insediamenti, sono ridicolmente ciechi e sfrontatamente ignoranti della realta’ di questo conflitto.
    Che siano un problema, questo e’ sicuro. Che siano l’ostacolo principale – questa e’ una barzelletta e fa pure piangere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...