attualità

REPORTAGE / Altro raid xenofobo a sud di Tel Aviv. La polizia: situazione al limite

20120617-050110.jpg

da TEL AVIV

È stato un petardo, dice, alla fine, la polizia. E sembra quasi voler chiudere lì la questione. Spaventata di dover dare un nome (“xenofobia”) a un fenomeno che da metà maggio divampa a sud di Tel Aviv. Soprattutto qui, nel quartiere di HaTikva, strade strette e spesso sporche, illuminazione non sempre sufficiente e vicoli che appaiono scompaiono e s’intrufolano in un reticolato di vie da perdersi pure con un navigatore satellitare.

È in questo quartiere che nella notte tra sabato e domenica qualcuno ha acceso per l’ennesima volta la miccia della xenofobia. Sperando, chissà, di far esplodere la rabbia sociale già provata dall’aumento del costo della vita. Vittima, ormai fissa, Aminey, trentacinquenne eritreo gestore di un bar, già al centro delle violenze ben più estese del 23 maggio scorso. Sempre qui, in questo pezzo buio di Tel Aviv dove vivono rabbia e frustrazione, crisi economica e centinaia di migranti richiedenti asilo politico.

Il petardo è stato lanciato proprio dentro al bar. In mezzo alle sedie e ai tavoli tutti rossi messi a posto a fatica dopo il raid di maggio. E in mezzo a quegli eritrei sempre meno desiderati e accettati. Una persona, un cliente, è rimasta ferita all’addome. Mentre un pezzo di parete porta il segno giallastro di quel raid.

Aminey non sa dire quanti fossero. Sa solo di aver paura. E pare abbia chiesto alle associazioni dei migranti di tornare a casa con i mille dollari messi a disposizione dal governo israeliano per il rimpatrio volontario e assistito. “Temo per la mia vita”, spiega Aminey mentre indica ai fotografi il luogo esatto dello scoppio del petardo. “Sono giorni che mi minacciano. Non hanno mai smesso e la polizia questo lo sa, ma non fa nulla. Se non vado via uno di questi giorni mi ammazzeranno davvero”.

Gli occhi gonfi, la bocca impastata, le mani tremolanti, Aminey ha il volto di chi, domani, al risveglio, non sa cosa farà. E cosa gli succederà. E non bastano le rassicurazioni della volante arrivata sul posto. “La verità è che come lui ci sono altri eritrei nelle stesse condizioni”, mi spiega uno dei poliziotti. “Riceviamo ogni settimana decine di segnalazioni di migranti che denunciano di essere stati offesi, inseguiti, minacciati anche picchiati e pestati dalla gente del quartiere. Ma non possiamo fare più di tanto, anche se qui le cose stanno precipitando”.

Alle due di notte la situazione torna alla normalità. Aminey è seduto a un tavolo. Osserva prima il muro rovinato dal petardo. Poi guarda nel vuoto. Pensando a chissà chi e chissà cosa. Poi scuote la testa. Mentre poco fuori, quando pure i connazionali se ne sono andati a casa, qualcuno, da una delle decine di finestre, dice in inglese stentato “Nigger go home”, negro torna a casa.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...