attualità

Siria, voci di assedio parziale al palazzo presidenziale: “Assad è rinchiuso nelle sue stanze”

Stanco, assediato, costretto a non uscire dal suo palazzo e triste, il presidente-dittatore Bashar al-Assad sente che il momento di cadere come Saddam, Mubarak e Gheddafi potrebbe essere arrivato. La Siria è a un punto di svolta? Pare di sì. Almeno a sentire le voci che, per ora non confermate, arrivano da Damasco.

Assad, dicono queste voci, vivrebbe rinchiuso con i suoi più stretti famigliari nel palazzo presidenziale. Obbligato da un battaglione della Guardia repubblicana a non muoversi dalle stanze dove abitualmente dorme e trascorre le giornate di relax.

La voce è rimbalzata nelle agenzie d’intelligence di mezza Europa e per ora non avrebbe incontrato smentite. Secondo le informazione raccolte dagli 007 europei – puntualmente rilanciate da ambienti israeliani – Assad, “dalla seconda metà della scorsa settimana”, sarebbe tenuto rinchiuso nel suo palazzo. Né lui, né la sua famiglia avrebbero la possibilità di lasciare l’edificio senza il permesso del comandante che guida la brigata. Resta da capire chi abbia deciso di prendere un provvedimento simile, considerato il reticolo parentale che governa tutti gli apparati sensibili della Siria.

Asma, la moglie del presidente siriano Assad, nell’ultima foto pubblicata qualche giorno fa mentre è intentata a giocare a badmington

Le fonti d’intelligence, mentre cercano prove a conferma della situazione, non parlano di un assedio vero e proprio al palazzo presidenza. Parlano, piuttosto, di “assedio parziale”, deciso “per evitare la fuga del presidente e della sua famiglia”.

Una condizione, questa, “di cui sono perfettamente a conoscenza sia Assad che la moglie Asma e, proprio per questo, il loro stato d’animo non è dei migliori”. Le foto della first lady siriana fatte circolare qualche giorno fa e dove si vede lei giocare felicemente a badminton sarebbero – secondo queste voci – soltanto il tentativo di mettere a tacere le notizie arrivate agli 007 europei.

Emergono anche le descrizioni della vita all’interno del palazzo. Frasi e gesti per ora impossibili da verificare. Ecco, le descrizioni. Raccontano di una famiglia Assad diffidente. Così tanto da aver ingaggiato – tra le file dell’Intelligence locale – veri e propri “assaggiatori”: persone di cui si fidano così tanto da far assaggiare il cibo e le bevande che riforniscono il palazzo. Assad e parenti temono di essere avvelenati. Cosa che sarebbe stata tentata almeno in un paio di occasioni. “Non beve nemmeno mezzo bicchiere d’acqua senza averla fatta provare prima a uno degli ‘assaggiatori’”.

Arrivare al palazzo presidenziale sarebbe quasi impossibile, dicono gl’israeliani. Che spiegano anche com’è organizzata la struttura. Si accede dal monte Qaisoun, periferia di Damasco, ed esisterebbero soltanto due ingressi sotterranei: strade rinforzate e capaci di resistere a quasi tutti i tipi di bombardamenti aerei e praticamente irrintracciabili dai satelliti e dai droni-spia. Le due strade non si incontrerebbero mai, servono ognuna una delle due entrate e verrebbero percorse soltanto da veicoli in dotazione ai servizi segreti siriani. Ma con un palazzo in stato di “assedio parziale” l’ossessione della sicurezza potrebbe ora ritorcersi contro.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Erdogan a Obama: diamo inizio all’intervento armato in Siria. Ma il presidente Usa: i tempi non sono maturi

“Presidente, è venuto il momento di guidare la coalizione militare per far cadere Assad. I tempi sono maturi per un intervento armato arabo-occidentale”. Dicono che martedì 26, sull’asse Ankara-Washington, ci siano state una serie di telefonate – alcune anche drammatiche – tra il premier turco Recep Tayyip Erdogan e il presidente americano Barack Obama.

Erdogan avrebbe chiesto a Obama di guidare l’intervento armato sul suolo siriano per fermare la strage di civili e far cadere Assad. Ma dall’altra parte dell’oceano – dicono i bene informati – Obama avrebbe fatto orecchie da mercante. L’appello di Erdogan sarebbe caduto nel vuoto. Proprio nel momento più propizio per i turchi per una guerra a tutto campo al regime siriano dopo l’abbattimento di un jet da ricognizione di Ankara abbattuto al largo di Latakia dalla contraerea di Damasco.

Secondo Erdogan, infatti, l’attacco al velivolo turco costituirebbe il pretesto perfetto per fare la guerra ad Assad e per mettere in campo una coalizione araba-occidentale di volenterosi. “Noi siamo pronti”, avrebbe detto il premier turco al presidente Usa. “L’esercito, l’aviazione militare e le nostre navi da guerra sono pronte ad avviare l’offensiva in qualsiasi istante – avrebbe assicurato Erdogan –, ma voi Usa dovete prendere il comando di quest’operazione, mettervi in prima linea e non fare come con il conflitto libico”.

Il premier turco Erdogan e il presidente americano Obama

Il piano militare di Erdogan sarebbe diviso in quattro parti: ingresso nel paese, via terra, via mare e via aria; la creazione di no-fly zone (sul modello iracheno); attacchi mirati contro il regime e gli obiettivi militari più sensibili; la creazione di zone di sicurezza per i civili e per i ribelli.

Un progetto che però non ha convinto Obama. Alle prese anche con una campagna elettorale per la rielezione a presidente che s’è fatta più difficile del previsto proprio nelle ultime settimane. “I tempi non sono ancora maturi”, avrebbe risposto il numero uno americano. Per ora Obama privilegia le operazioni d’intelligence sul territorio portate avanti da americani, inglesi, francesi e turchi. Ma Erdogan, nella serie di telefonate, gli avrebbe fatto notare come nemmeno questa realtà abbia fermato il bagno di sangue tra i civili.

Nulla da fare. Obama, per ora, preferisce non intervenire. Intanto Ankara va per la sua strada. Lungo tutto il confine con la Siria sono stati posizionati carri armati con l’ordine di colpire chiunque tenti di mettere in pericolo il territorio turco. “Per una volta”, dicono da Gerusalemme, “i turchi stanno vivendo una situazione identica a quella israeliana: lo Stato ebraico chiede agli Usa di attaccare l’Iran, ma gli Usa dicono che non è arrivato il momento. Allo stesso modo, Ankara chiede a Washington di intervenire militarmente in Siria, ma Washington prende tempo”. La sensazione degli analisti israeliani è che fino all’autunno di quest’anno non succeda poi più di tanto. A meno che le cose – a Damasco come a Teheran – non dovessero precipitare.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Quelle forze speciali britanniche da un mese in Siria e il piano per far cadere Assad

Ci sarebbe un gruppo delle forze speciali britanniche in Siria. Da esattamente un mese. Da quando, il 26 maggio, gli uomini super-addestrati di Sua Maestà avrebbero attraversato il confine che separa la Turchia e la carneficina a cielo aperto guidata da Bashar Assad.

Per ora il condizionale è d’obbligo. Ma più fonti d’intelligence – poi riprese dagl’israeliani – danno per certo l’ingresso nel Paese dei britannici. E confermano che ci sarebbero già stati scontri a fuoco tra le forze speciali inglesi e i lealisti a pochi metri dalla sede delle Guardie presidenziali, fuori Damasco.

Di più: secondo i bene informati di Ankara e Parigi, gli uomini addestrati di Sua Maestà avrebbero da giorni preso il comando di alcuni gruppi ribelli locali, coordinando gli attacchi e dicendo loro cosa fare e come farlo. L’obiettivo, nemmeno tanto nascosto, sarebbe quello di evitare ulteriore spargimento di sangue e, soprattutto, di far cadere Assad rompendo il cordone militare che lo difende, senza richiedere un intervento armato esplicito occidentale.

Le forze speciali britanniche in Afghanistan

Le voci, a dire il vero si rincorrono. Altre fonti, provenienti stavolta dai Paesi del Golfo arabo, rivelano che la truppa britannica avrebbe anche il compito di creare una sorta di zona di sicurezza, un’area cuscinetto, lungo il confine turco-siriano per accogliere profughi in fuga dalle città sotto bombardamento. Nelle settimane successive, e con l’intervento di altre forze occidentali, queste zone di sicurezza dovrebbero aumentare nel resto del Paese.

Il successo o meno di quest’incursione, tutta da verificare, dipenderà però dal ruolo di Russia, Iran e Hezbollah (Libano). Non è un mistero che il caccia turco sia stato abbattuto dalla contraerea siriana utilizzando armi russe (i missili Pantsur-1) e non è nemmeno un mistero che Mosca non veda di buon occhio una presenza occidentale in Siria. Il presidente Vladimir Putin l’ha ripetuto anche in questi giorni, nella sua visita ufficiale in Israele: “Non tollereremo un intervento militare in Siria e faremmo di tutto per evitarlo”, ha detto Putin.

Più o meno le stesse parole del regime iraniano. E negli stessi giorni in cui, da più parti, viene data per certa la transazione armi-soldi sull’asse Beirut-Damasco. Assad avrebbe chiesto di rafforzare il suo arsenale non solo ai russi – di cui si fida fino a un certo punto –, ma anche ai miliziani sciiti di Hezbollah, la vera forza militare del Libano.

Intanto tutto da decifrare il ruolo d’Israele. Lo Stato ebraico – in altre faccende affaccendato: Gaza, Iran, proteste sociali interne – ha iniziato lentamente ad accodarsi ai Paesi occidentali che propendono per fare cadere Assad il prima possibile. Ma non è ancora sufficiente a portare Gerusalemme a impegnarsi in prima fila nella disputa. Del resto c’è ancora un’area, il Golan, che Israele sta in tutti i modi cercando di sorvegliare. Per ora, nel mondo, resta l’unica area a fare il tifo per il presidente siriano. E questo per lo Stato ebraico può trasformarsi anche in focolaio terroristico che si andrebbe così a saldare con i miliziani di Hezbollah – a poche decine di chilometri di distanza – e quelli di Hamas nella Striscia di Gaza.

© Leonard Berberi

Standard