attualità

“Palestinian Airlines” torna a volare (dopo 7 anni)

Uno dei due Fokker della Palestinian Airlines

Certo, la flotta è piccina piccina: 4 aerei (due Fokker, un Boeing 727, un Airbus 320), poche hostess e pochissimi dipendenti. Niente a che vedere con i giganti dei cieli dei fratelli del Golfo Persico. Però. Però è un piccolo passo verso la normalizzazione della vita. E dei viaggi.

Poi, ovvio, c’è quel piccolo particolare di non poco conto: scali, da queste parti, non ce ne sono. E quel che c’era, lo Yasser Arafat International Airport di Gaza City, prima l’han distrutto le bombe degl’israeliani (nel 2001). Poi l’hanno cancellato del tutto gli stessi palestinesi. I quali, senza bitume per asfaltare le strade (materiale bloccato ai varchi proprio dagl’israeliani), han pensato bene di prendersi – pezzo dopo pezzo – l’intera pista di decollo/atterraggio. Vedere per credere. Così, oggi, non restano che le carcasse della hall dell’aeroporto e della torre di controllo. Più qualche rimasuglio di reticolato qua e là.

E comunque. A volte ritornano. Un po’ in sordina, a dire il vero. Ma comunque tornano. E, forse, è un segno di normalità. Perché il giorno dopo il primo decollo, il direttore generale Zeyad Albad ha annunciato che la «Palestinian Airlines» è tornata a volare. Sette anni dopo l’ultimo decollo, nel 2005. Diciassette anni dopo la creazione, fortemente voluta dall’Autorità nazionale palestinese. La base, ora, è in territorio egiziano, nello scalo di Al Arish, aperto proprio dopo la distruzione di quello di Gaza City. La prima destinazione è stata Amman, capitale della Giordania. Esattamente l’ultimo scalo servito prima dello stop. Il tutto grazie a un accordo tra l’Anp e le nuove autorità egiziane.

Quel che resta dell’aeroporto internazionale “Yasser Arafat” di Gaza

Albad ha spiegato che ci saranno due voli andata e ritorno settimanali con Amman per i viaggiatori che transitano per il terminal di frontiera di Rafah, tra Gaza e l’Egitto, a circa 50 km da Al Arish. «Un decimo della distanza che erano costretti a percorrere per raggiungere gli aeroporti più vicini dell’Egitto», ci ha tenuto a precisare. Certo, non che Al Arish sia messa bene: nel 2011 i passeggeri totali sono stati 5.991, quasi la metà di quelli dell’anno prima.

Il direttore generale ha aggiunto che «avremo presto anche dei voli verso Gedda (Arabia Saudita), e pensiamo anche di allacciare dei contatti con la Turchia e gli Emirati Arabi Uniti». Per il momento, però, piedi per terra. Il Boeing 727 e l’Airbus 320 restano in deposito. Voleranno soltanto i due Fokker. Velivoli vecchiotti e non sempre sicuri. «Ma abbiamo ancora pochi passeggeri, ci bastano gli aerei più piccoli», spiega Albad. Il realismo, prima di tutto. E le economie di scala. E l’analisi del mercato. Poi, si vedrà. Magari un giorno tutto diventerà più semplice. Più normale. Israele e Hamas, permettendo.

© Leonard Berberi

Standard
attualità

Israele, il governo si allarga: entra “Kadima”. “E la guerra all’Iran si avvicina”

«Bibi» lo chiedeva da qualche giorno. E non ne faceva tanto mistero. «Partiti d’opposizione uniamoci, mettiamo da parte le divergenze e stringiamoci attorno agl’interessi del Paese, prepariamoci al meglio contro l’Iran». Poi, certo, di là – dalle parti dei laburisti e dei progressisti di Kadima gli avevano risposto picche. Quindi la mossa del premier Netanyahu: annunciare le elezioni anticipate a settembre di quest’anno. Elezioni che, secondo i sondaggi, avrebbe stravinto. E così di là qualcosa s’è mosso. Non una scossa, ma un vero e proprio terremoto politico.

Kadima, l’unico partito in grado di mettere in difficoltà Netanyahu, ha deciso ieri di entrare nella coalizione di governo. La più grande della storia d’Israele: 94 deputati su 120 saranno tutti filogovernativi. E tutto per preparare al meglio – e senza intoppi parlamentari – il possibile confronto militare con l’Iran. Niente elezioni anticipate, quindi.

Il premier Benjamin Netanyahu (a sinistra) e il leader di “Kadim” Shaul Mofaz (foto Epa)

Stavolta, secondo più di un analista israeliano, si fa sul serio. Shaul Mofaz, diventato numero uno del partito dopo aver battuto l’ex premier Tzipi Livni, diventerà vicepremier. Mofaz è, guarda caso, di origine iraniana. Ma anche ex capo di Stato maggiore dell’esercito israeliano. Con l’ingresso nel governo Mofaz sarà ammesso nel Consiglio di difesa, il vero governo del Paese (composto dagli otto ministri principali), dove vengono prese le decisioni più critiche del Paese. In una conferenza stampa congiunta, Netanyahu e Mofaz hanno spiegato la loro repentina intesa con la necessità di garantire al Paese una maggiore stabilità fino alla scadenza originale della legislatura, nel novembre 2013.

«Una tornata elettorale non fermerà il programma nucleare di Teherano», ha spiegato il ministro per l’Ambiente, Gilad Erdan. «Se viene presa la decisione di attaccare sarà meglio avere un fronte politico ampio, che unisca».

Standard
attualità, sport

Londra 2012, il pasticcio di Gerusalemme “capitale” di tutti e nessuno

Quel pasticciaccio olimpico della capitale. O meglio: di Gerusalemme. Chiedere agli organizzatori delle Olimpiadi di Londra 2012, a meno di tre mesi dall’inizio dei giochi. Avevano osato, gli organizzatori, scrivere sulle schede dei Paesi partecipanti all’edizione che Gerusalemme era la capitale dello Stato della Palestina. E alla stessa voce nello spazio riservato a Israele avevano lasciato il vuoto. Uno Stato democratico senza capitale. Possibile? Vedere la foto giù per credere.

E così, nel giro di poche ore al Cio – il comitato olimpico internazionale – sono arrivate migliaia di mail.  Tutte scritte da israeliani da tutte le parti del globo che sbraitavano contro quella «bestemmia geografica». «Gerusalemme capitale della Palestina? Mai e poi mai!», hanno detto in molti. E dal ministero degli Esteri dello Stato ebraico non sono stati zitti. «È una delle cose più vergognose e imbarazzanti che un’entità apolitica come quella delle Olimpiadi faccia la più assurda dichiarazione politica scegliendo la capitale di un Paese che non esiste», hanno detto.

Mentre al di là del muro di separazione tra lo Stato ebraico e la Cisgiordania migliaia di palestinesi ridevano e si divertivano e condividevano quella schermata di una pagina ufficiale del massimo organismo mondiale dello sport che sapeva – perché no – del riconoscimento ufficiale del loro Stato tanto sognato e di una capitale tanto contesa.

Poco dopo le schede dei due Paesi sono state cambiate. Ma invece di correggere, i curatori del sito web ufficiale di «London 2012» hanno fatto un’altra scelta destinata a irritare l’altra parte. E insomma, quando la toppa è peggio del buco. Perché nella seconda versione dei profili-Paese, ora Gerusalemme era inserita come capitale d’Israele. E in Palestina? Nessuna capitale. O meglio: un trattino, di quelli che si mettono quando un dato non è disponibile o incerto (foto sopra).

E allora ecco la rabbia dei palestinesi. Ecco i loro status su Facebook e le proteste. Ancora altre lettere e posta elettronica con destinazione Londra e il Cio. Mentre tutt’intorno in Italia la capitale era Roma e nessuno poteva dire nulla, mentre negli Stati Uniti il centro politico era Washington e in Russia, Mosca. Quindi la decisione finale, almeno per ora: via la voce “capitale”. Dalla scheda della Palestina. Da quella d’Israele. Ma anche da tutti i Paesi.

«C’è stato un errore nell’inserimento dei dati sul sito ufficiale di “Londra 2012”», s’è giustificato un portavoce del comitato organizzatore. «Per questo abbiamo deciso di togliere tutte le capitali e ci scusiamo per gli errori». Ha detto proprio così: «gli errori». Al plurale. Che è, alla fin fine, anche il destino di questo pezzo di terra di Medio oriente dove tutto – anche le ovvietà – sono sempre fatte di tante sfaccettature.

© Leonard Berberi

Standard