attualità

Bestemmia in Parlamento, sospeso deputato

Il deputato Ahmed Tibi

Più che la massima espressione della democrazia, una curva da stadio. Più che il luogo del dialogo, la banchina di un porto piena di camalli. Eppur si parla della Knesset. Il Parlamento israeliano. Messo in crisi, nella sua integrità, da due esponenti al di sopra delle righe.

E comunque. Dopo la deputata Michaeli, ecco Ahmed Tibi, del partito “Lista araba unita”. Sospeso pure lui, per una settimana, dai lavori parlamentari. La punizione è scattata dopo che Tibi s’è messo a leggere in aula – e a voce alta – una poesia che prendeva in giro proprio Anastassia Michaeli, la collega del partito di ultra destra “Israel Beitenu” che durante i lavori in commissione versò un bicchiere d’acqua in faccia a un altro deputato.

La poesia era tutto un fiorire di giochi di parole. E quell’espressione – «kos amok» – che in ebraico vuol dire «un bicchiere di follia» usato per esprimere, in realtà, una bestemmia. E così il Comitato etico, chiamato in causa la seconda volta in una settimana, ha deciso di sospendere l’arabo-israeliano Tibi proprio perché il suo linguaggio «comprendeva insulti con connotazioni sessuali e scioviniste».

© L.B.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...