attualità

Un giorno migliore

Dice di essere stato trattato bene da quei carcerieri di Hamas. Ma la verità è che, durante il volo che lo stava riportando in Israele, Gilad Shalit s’è sentito male. Vuoi per l’emozione. Vuoi per il frastuono. Vuoi per quelle condizioni di salute non proprio ottime, come invece avevano fatto credere da Gaza.

Ma al di là di questo, oggi è stata una giornata di festa in Israele. Un tripudio di bandiere e di abbracci, di sorrisi e di ottimismo. Non solo per la liberazione del caporale 25enne. Ma anche per il futuro della regione. Un giorno che resterà nella memoria collettiva di milioni di persone.

E’ finito un incubo lungo più di cinque anni. Gilad è tornato a casa. E il sito – quel sito: gilad.org – da oggi ha smesso di contare i giorni di prigionia di un povero ragazzo capitato nel luogo sbagliato al momento sbagliato. (leonard berberi)

 

Annunci
Standard

One thought on “Un giorno migliore

  1. Pingback: “I rapitori, le partite di calcio e i disegni”. Gilad Shalit racconta la prigionia (un anno dopo la liberazione) « Falafel cafè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...