attualità

Un sito pubblica i nomi (e i dati) dei “responsabili” israeliani dell’operazione Piombo Fuso

Non è che si veda tutti giorni quel ch’è successo martedì. Dove, per la prima volta, è apparso un sito pirata (con base nel Regno Unito) con le foto, i dati personali (incluse le carte di identità) e gli indirizzi di circa 200 ufficiali e soldati dello Stato ebraico che hanno avuto a che fare con l’operazione “Piombo Fuso” su Gaza e contro Hamas nel 2008. Ci sono i dati sensibili pure dell’allora capo dell’esercito israeliano, Gabi Ashkenazi, e di quello attuale, Yoav Galant. Per non parlare dei tanti ufficiali e sottufficiali.

«Le persone elencate hanno avuto posizioni di comando», scrivono i responsabili (per ora anonimi) sulla home page di “Israeli war criminals” (poi oscurata). «E per questo non solo hanno operato per conto del meccanismo di uno Stato assassino, ma hanno pure incoraggiato attivamente altre persone a fare come loro».

Non è la prima volta che compare una lista di questo tipo. Ma non era mai successo, fino a questa settimana, che venissero pubblicati dati così segreti. Gli autori del sito hanno spiegato che si tratta di informazioni raccolte da un membro delle forze armate israeliano. Ma ha lasciato stupiti – servizi di sicurezza in primis – la capacità di penetrare i sistemi di controllo dell’esercito ebraico.

Leonard Berberi

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...