cultura

Israele, un rabbino impiega mezzo secolo per tradurre il Talmud Babilonese

Ci ha messo quasi mezzo secolo. Una vita. Pagina dopo pagina, volume dopo volume, a 73 anni suonati il rabbino ortodosso Adin Steinsaltz ha appena finito la traduzione dall’aramaico in ebraico degli oltre 40 tomi del “Talmud Babilonese”, uno dei testi fondamentali dell’ebraismo. E per questo si è guadagnato la deferenza dello Stato d’Israele. E, anche per questo, ha dovuto rompere il suo solito silenzio. Quello tipico di chi passa ore e ore sui libri. E studia. Anche quando l’età ormai imporrebbe di fare altro. Magari di riposare.

Il rabbino Adin Steinsaltz, 73 anni

Personaggio particolare il rabbino Steinsaltz. Vicino ai centri del potere europeo fino a pochi anni, non ha mai esitato a usare la sua influenza in ambito internazionale per aiutare l’Ebraismo nel mondo. Come nel caso dell’apertura del primo collegio rabbinico a Mosca: il religioso ha sfruttato l’amicizia personale con Giulio Andreotti per convincere la Russia di Gorbaciov a dare l’ok.

Nato nel 1937 a Gerusalemme, il rabbino è figlio di Abraham Steinsaltz: un comunista rivoluzionario ed ex militante nel “Lekhy” (meglio conosciuta come “Banda Stern”, attiva nella lotta armata contro il Mandato britannico in Palestina) e veterano delle Brigate internazionali che avevano combattuto in Spagna.

Il pregio principale del Talmud, ha spiegato il rabbino ai lettori dello “Yedioth Ahronoth”, è che induce chi lo studia «a misurarsi con dubbi ed incertezze, a dedicarsi al dialogo, ad accettare il prossimo o chi ha un’opinione diversa». Parole che cadono nel vuoto, di questi tempi.

E a proposito di dissertazioni talmudiche, ecco un esempio: è giusto intonare in sinagoga inni di meraviglia «per la avvenenza della sposa» anche quando l’aspetto fisico lasci molto a desiderare? Veniva quindi chiesto ai rabbini babilonesi di stabilire se era meglio essere cortesi, oppure sinceri. Dopo lunghe elucubrazioni – tutte tradotte dal rabbino Steinsaltz – i religiosi di allora raggiunsero questa conclusione: «Sarebbe meglio mentire».

Leonard Berberi

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...