attualità

Cisgiordania, l’Idf ferma tre ragazzini ebrei per il furto delle olive palestinesi

Sono minorenni. Sono figli di coloni in Cisgiordania. E sono stati fermati da un ufficiale israeliano. L’accusa: aver rubato le olive delle piantagioni palestinesi.

È così che tre fratellini di 6, 11 e 12 anni sono finiti sotto la lente di un ufficiale dell’esercito israeliano nei pressi dell’insediamento di Talmon, nella West Bank. Un gesto che è valso l’applauso della parte araba, ma anche le critiche di quella ebraica. Il papà dei tre ragazzini vuole denunciare il militare per aver abusato della sua posizione nei confronti dei minori.

(foto: AFP)

E comunque. Il tutto sarebbe successo un paio di settimane fa, quando sei fratellini – 3 anni il più piccolo, 12 il più grande – iniziano a trascorrere il pomeriggio a poche centinaia di metri da casa e quindi entrando in territorio palestinese. È qui che i sei avrebbero iniziato a prendere delle olive dagli alberi degli arabi.

Il proprietario (palestinese) dell’appezzamento denuncia il furto all’Amministrazione civile e subito scattano le indagini. Fino a quando, chiedi un po’ qui e un po’ là, la task force non bussa alla porta dei sei fratellini. E dopo una veloce perquisizione i militari scoprono la borsa piena di olive. Scatta il sequestro della refurtiva e anche una sgridata ai piccoli per aver oltrepassato il confine. I piccoli sono stati poi chiamati a testimoniare alla stazione della polizia.

«I miei figli sono traumatizzati», ha detto il papà. «Il nostro esercito dovrebbe difendere i piccoli dai pericoli, non accusarli e spaventarli». Comunque sulla vicenda è calato il sipario. Con un po’ di buonsenso la polizia israeliana ha deciso di chiudere il caso. Ma ha avvertito i genitori che se la storia si dovesse ripetere la punizione sarà immediata.

Leonard Berberi

Leggi anche: Le olive diventano il nuovo campo di battaglia nella crisi israelo-palestinese

Annunci
Standard

One thought on “Cisgiordania, l’Idf ferma tre ragazzini ebrei per il furto delle olive palestinesi

  1. Da un lato sono contenta che Tsahal tuteli anche i Palestinesi, ma dall’altro… Un bambino di sei anni! E altri due di nove e dieci… Mi sembra esagerato. In questi casi sarebbe molto più adeguato secondo me fare un discorsetto ai genitori…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...