attualità

E il ministero dei Trasporti ricorda a Gilad Shalit di rinnovare la patente

Un estratto della lettera del ministero dei Trasporti in cui si invita Gilad Shalit a rinnovare la patente entro sei mesi (da Ynet)

A mamma Aviva il cuore ha iniziato a battere forte forte. A papà Noam le mani si son messe a tremare. Un po’ per l’emozione. Un po’ per la paura. Un po’ perché, tra le dita, aveva una lettera destinata a Gilad Shalit, il figlio-soldato rapito da più di quattro anni dai miliziani di Hamas.

Chi poteva aver scritto – dopo che il ragazzo è diventato un simbolo d’Israele – pur sapendo che il destinatario non avrebbe potuto comunque aprire la missiva? Nientemeno che il ministero dei Trasporti. Dello Stato ebraico.

Gilad Shalit è stato rapito al confine con la Striscia di Gaza il 25 giugno 2006

La lettera, inviata il 21 settembre, conteneva una comunicazione di servizio diretta a Gilad: «La tua patente (in Israele ha una validità di cinque anni, nda) sta scadendo, devi rinnovarla». Al soldato sono stati dati sei mesi di tempo – come a tutti gli altri, del resto – per presentarsi negli uffici e svolgere le pratiche necessarie. Pena: la sospensione della licenza di guida.

Dal quartier generale “Free Gilad”, l’associazione che da mesi si occupa di far pressione per una rapida soluzione del rapimento, non si sono scomposti più di tanto. «È chiaramente un errore causato dal sistema automatico del ministero», fanno sapere al quotidiano online Ynet. Anzi, hanno colto l’occasione per rilanciare ancora di più la loro battaglia: «Con questo avviso il nostro governo deve fare presto per liberare Gilad, altrimenti gli toglieranno la patente».

La notizia viene resa pubblica proprio nel giorno in cui una serie di giornali – dall’israeliano Haaretz al sito web palestinese Quds.com – scrivono su una ripresa dei contatti tra lo Stato ebraico e i miliziani di Hamas per arrivare a una soluzione sull’ostaggio-simbolo d’Israele. Notizia che Gerusalemme non smentisce, mentre gli esponenti di Hamas bollano come spazzatura. Intanto lui, il povero Gilad, è sotto sequestro da ormai 1.562 giorni.

© Leonard Berberi

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...