attualità, tecnologia

Un giorno nel “commando Internet” d’Israele. Tra Twitter, Facebook e la lobby palestinese

Per capire quanto la guerra mediatica via web si sia fatta dura, basta farsi un giro attraverso Twitter, il servizio di micro-blogging più famoso al mondo. Una sfida, quella tra Israele e Palestina (o meglio: filopalestinesi) che si batte a colpi di cinguettii e di informazioni più o meno vere, più o meno rilevanti, più o meno indipendenti.

In questa battaglia speciale – che, per ora, non provoca vittime – Israele ha messo su un team di specialisti. Uomini e donne che ogni giorno e ogni ora monitora la rete e aggiorna il profilo Twitter d’Israele e non solo. A capo di questa speciale divisione – di cui non si parla quasi mai – c’è Haim Shaham di Beit Shemesh, una cittadina nel centro del paese. I suoi collaboratori gli hanno dato i nomi più svariati. Da «capo dei cinguettii» a «ufficiale capo dei cinguettii». Lui, formalmente, ricopre il ruolo di «capo del dipartimento dell’Informazione e di Internet del ministero degli Esteri».

Il ruolo di Shaham – scrive il quotidiano Yedioth Ahronoth – è molto importante. Perché su di lui cade l’onere – e l’onore – delle pubbliche relazioni sul web da parte delle autorità israeliane. Per questo, la giornata di Haim Shaham è abbastanza monotona e lunga, nonostante matrimonio e tre figli: oltre a navigare sul web dalla mattina alla sera, deve curare l’aggiornamento del profilo Twitter, di quello Facebook, aggiungere foto all’album su Flickr e inserire video sul portale YouTube.

Il suo “commando Internet” è composto da dieci persone. Scrive in cinque lingue diverse e mette in contatto – attraverso l’utilizzo di 90 lingue differenti – le ambasciate israeliane sparse per il mondo. Un lavoro enorme, tanto da classificare il social network israeliano, secondo Clout Index, al 76esimo posto al mondo. Due posizioni dietro al sito del presidente Usa Barack Obama.

Ma Shaham non è contento. «Dobbiamo ancora fare molto, dobbiamo allargare la nostra presenza ovunque nel web – ha detto allo Yedioth Ahronoth –. Dobbiamo farci trovare in tutti i luoghi virtuali che le persone frequentano per leggere le notizie e informarsi». Il perché è semplice: «La lobby palestinese – spiega il responsabile – è più radicale di noi. Pubblica messaggi che attirano l’attenzione per il loro forte impatto e le reti sociali virtuali, per loro natura, non fanno altro che dare a questi messaggi ancora più visibilità».

Leonard Berberi

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...