attualità

Via ai colloqui di Pace. Ma Gerusalemme rende più facile ai coloni possedere un’arma

L'auto nella quale viaggiavano i quattro coloni crivellati di colpi martedì sera nei pressi di Hebron, in Cisgiordania (foto di Rina Castelnuovo / The New York Times)

Netanyahu, di là, a Washington, si occupa della pace. Eli Yishai, di qua, sceglie di armare i coloni israeliani. L’attacco di ieri sera nei pressi di Hebron, nel quale sono stati uccisi quattro ebrei, ha spinto il ministro degli Interni di Gerusalemme Yishai a disporre l’alleggerimento delle restrizioni al possesso di armi da parte degl’israeliani che vivono in Cisgiordania.

Il quotidiano Yedioth Ahronoth, nel riportare la notizia ha anche ricordato che una delle quattro vittime di ieri sera aveva avuto un regolare porto d’armi, ma che gli era stato revocato poche settimane fa proprio in seguito a una stretta governativa su chi possedeva una licenza.

Intanto continuano gli attriti tra coloni e palestinesi nella West Bank. L’esercito dello Stato ebraico in queste ore è impegnato a fermare qualsiasi tentativo di rappresaglia da parte degl’israeliani.

Sul fronte diplomatico, il premier Benjamin Netanyahu ha risposto piccato all’intervista rilasciata ad Haaretz dal ministro della Difesa Ehud Barak e nella quale si configurava la divisione di Gerusalemme «sulla base della composizione demografica». «La nostra capitale non sarà mai fatta a pezzi perché essa è unica e indivisibile», hanno replicato dagli Usa i collaboratori più stretti di Netanyahu.

(l.b.)

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...