attualità, economia

“Sporchi, maleducati e problematici”. Gli albergatori italiani contro i turisti israeliani

Il problema se l’è posto l’agenzia stampa tedesca Dpa. «Possono gl’israeliani imparare le buone maniere?». Il pezzo, pubblicato a maggio in evidenza sul sito del quotidiano progressista israeliano Haaretz, elenca tutta una serie di comportamenti che se non da maleducati, provocano almeno un po’ d’irritazione in chi si trova a subirli. Uno su tutti: parlare ad alta voce. O, nella versione moderna, sostenere un colloquio telefonico a voce alta e impostando il vivavoce sul proprio cellulare. Così da far sentire tutto a tutti. Basta salire su un mezzo pubblico di Tel Aviv per farsi un’idea.

Il problema, tre mesi dopo, si ripropone. Ma questa volta il fenomeno ha varcato i confini. E ha coinvolto il Belpaese. «Gli hotel italiani scioccati dal comportamento degl’israeliani», titola il sito Ynet. Sì perché le agenzie di viaggi hanno ricevuto molte lamentele e denunce da parte degli albergatori italiani per quanto riguarda i modi e gli atteggiamenti dei turisti.

L’Hotel Expo di Villafranca di Verona, per esempio, ha affisso un comunicato – scritto in ebraico – in cui si invitavano i turisti israeliani a non presentarsi con sacchetti di plastica vuoti nella sala della colazione. Una decisione presa dopo che i dipendenti dell’albergo hanno scoperto che molti ospiti prendevano d’assalto i cesti di frutta e preparavano il cibo per tutta la giornata.

Non solo. Perché i gestori dell’Expo hanno inviati agli agenti di viaggio dello Stato ebraico un vero e proprio album fotografico con le istantanee delle stanze da letto com’erano state ridotte dai turisti israeliani. Altri alberghi della zona, poi, avrebbero addirittura deciso di applicare una tariffa ulteriore soltanto ai turisti israeliani per quanto riguarda le stoviglie e la pulizia della camera.

«Ci aspettiamo che i nostri clienti lascino le stanze in buone condizioni», hanno scritto in ebraico i gestori dell’Hotel Tryp, sempre di Verona. «Ogni danno dovrà essere risarcito, così come dovranno essere pagati anche i servizi extra, non previsti dalla prenotazione». E via con l’elenco: tovaglioli e asciugamani aggiuntivi costeranno 5 euro ciascuno, il servizio in camera comporterà un aggravio di 10 euro per ogni articolo (piatto, bicchiere, posate), la pulizia extra costerà 20 euro.

Finito qui? Non proprio. Perché lo stesso comunicato annuncia che «le stanze lasciate in condizioni inappropriate per la pulizia ordinaria non saranno ripulite e rimesse a posto». E ancora: «È fatto esplicito divieto inserire nel frigo-bar della camera da letto dell’albergo il proprio cibo».

Il problema però non è solo a Verona. Perché anche nelle colline toscane i gestori di una villa hanno avuto una spiacevole esperienza. Il luogo – e anche qui sono state allegate foto a testimoniare la denuncia (che trovate in alto, nda) – era devastato. Asciugamani per terra, pannolini usati sotto al lavandino, lenzuola e coperte macchiate, cibo avariato, sporcizia ovunque. E tutto dopo due giorni di pernottamenti di una famiglia israeliana. In un’altra villa, sempre in Toscana, alcuni clienti – anche loro provenienti dallo Stato ebraico – sono stati obbligati a pagare 500 euro di danni. E hanno costretto il titolare dell’attività a non accettare più israeliani.

«Purtroppo è un problema serio», dice Yair Di Castro, amministratore della “Solo Italia Tour”. «Alcuni giorni fa – racconta – dovevo portare a mangiare un gruppo di turisti al ristorante “La Grecia” nei pressi di Verona, ma il gestore non ci ha fatti entrare. Lui era stanco di dover avere a che fare con clienti israeliani rumorosi, che sceglievano pietanze che non conoscevano e che poi si rifiutavano di pagare perché il piatto non era stato di loro gradimento».

Leonard Berberi

Annunci
Standard

9 thoughts on ““Sporchi, maleducati e problematici”. Gli albergatori italiani contro i turisti israeliani

  1. luigi conato ha detto:

    Confermo. I turisti israeliani sono i peggiori in assoluto, pretendono servizi a 5 stelle in hotel a 1 stella, vogliono sempre trattare sul prezzo anche quando questo è fisso, non rispettano le comuni regole d ‘albergo, discutono sempre quando c’è da pagare un extra, quelli di passaggio salgono due o tre volte a vedere la camera per poi magari dirti che non va bene perché non c’é il tv sat (hotel 1 stella).
    Mi spiace ma ora se ho il sentore di aver a che fare con israeliani dico che non ho posto.

  2. MARCO ha detto:

    Salve,
    sono un albergatore del sud italia ed in seguito ad una proposta di prenotazione per dei gruppi israeliani per soggiorni di lunghi periodi,mi chiedevo non conoscendoli come turisti,di che tipo di cliente si tratta?Da quanto sto leggendo in internet mi sento spinto dall’idea di rifiutare tale proposta….
    Chi puo darmi maggiori informazioni su qst tipo di turista???
    grazie infinitamente per l’aiuto

    • Caro Marco,
      attento a considerare tutti gl’israeliani “sporchi, maleducati e problematici”. Per esperienza personale ho incontrato israeliani ottimi, gentili e soprattutto attenti alle cose altrui. E’ ovvio che c’è anche chi si comporta male. Leo

  3. filippo ha detto:

    lavoro in un villaggio turistico e confermo tutto… anche in questo ambito sono le persone in assoluto meno volute e meno accettate ( ce sempre l’eccezione) ma nella maggior parte dei casi creano solo disturbo agli ospiti e disagi al cast member.
    maleducati arroganti solo capaci di lasciare disordine sporcizia e creare conflitto tra cast o tra il pubblico…
    sempre visti peggio di stagione in stagione

  4. fabio ha detto:

    CONFERMO TUTTO !!!
    lavoro a Padova in un 4 stelle e abbiamo gruppi famigliari per una settimana. arriviamo ad avere anche 4 gruppi contemporanenamente e come dice Leonard, non sono tutti uguali, ma ne basta uno per rovinare la vita degl’altri ospiti e del personale.
    E nella natura dell’ebreo chiedere per avere e possibilmente a gratis o quasi, per cui, finchè alla Casa sta bene, ” te te i cuchi e sìto! “.
    A Marco albergatore dico che se il budget è di 25-30 Euro a pax in BB e ti riempiono l’Hotel OK. Altrimenti il gioco non vale la candela e ti ritrovi su TRIPADVISOR con tanti di quei commenti negativi che vendi l’Hotel per la disperazione.

    Baciabbracci a tutti

  5. Daniele ha detto:

    Dopo una staginoe e circa 300 famiglie Israeliane ospitate posso confermare che sono veramente i peggiori. Alcuni addirittura portavano il mangiare al bar e altri non volevano pagare il toast perché conteneva prosciutto e noi avremmo dovuto comunicarlo in precedenza… Veramente pessimi e maleducatissimi. (forse solo 2 o 3 famiglie sono escluse da questo commento”.

  6. marco30 ha detto:

    per fabio, e’ nella natura del cristiano invece ci sono le persone bruciate vive per “stregoneria” e i preti pedofili e tante altre belle cose che tu p c conosci bene,

    perche’ nella natura del cristiano non c’e’ nessun chiedere, in quanto si ottiene tutto con le armi e la prepotenza o osa intendi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...