attualità

Gaza, settantamila bambini partecipano ai campi estivi organizzati da Hamas

Settantamila ragazzini, cinquecento aree dedicate e decine di gruppi. Sono i numeri della seconda tranche del campo estivo di Hamas nella Striscia di Gaza. Giorni e giorni a correre, a giocare a calcio. Soprattutto: a imparare i proclami di guerra. E a urlare. «Libertà per i nostri prigionieri». Oppure: «Viva la moschea di Al-Aqsa». Ch’è come dire Gerusalemme è nostra.

Gli organizzatori – Hamas – hanno assicurato che nelle 500 aree dedicate non sarebbe stata utilizzata nessuna arma. E, per evitare questo, hanno anche messo su una sorta di Gran Consiglio con tanto di osservatori.

Ma più che un appuntamento per i giovani, è sembrato un modo per raccogliere persone e protestare. Contro Israele. Ma anche contro la Francia. Com’è successo a Rafah, vicino al confine con l’Egitto. Migliaia di bambini hanno contestato la decisione del governo francese di bloccare la trasmissione dell’emittente tv di Hamas in tutto il mondo, togliendo il segnale dai satelliti.

Altri ragazzini hanno poi contestato l’Autorità nazionale palestinese per aver fatto spegnere le turbine all’unica centrale elettrica della Striscia.

«Gli obiettivi di questi incontri sono semplici: educazione, socializzazione, preparazione fisica», ha detto Abu-Islam Qarmout, uno dei responsabili di Hamas per quanto riguarda i campi estivi. Qarmout non è un uomo qualsiasi del gruppo terroristico. È anche il fratello di Amer Qarmout, leader del Comitato della resistenza popolare uccido dagl’israeliani nel 2008.

«Vogliamo che a Gaza cresca una generazione di palestinesi che prenda coscienza della propria esistenza e che si renda conto dell’assedio israeliano, dell’occupazione ebraica delle nostre terre», ha continuato Abu-Islam Qarmout. «Certo, vogliamo anche che si divertano. Negli ultimi anni non è che abbiano avuto modo di farlo più di tanto».

C’è chi ha insinuato che ai famigliari siano stati chiesti soldi per l’iscrizione. Ma Qarmout smentisce. Come smentisce che nelle varie aree destinate vengano impartite lezioni religiose in chiave anti-israeliana, che sostengono la violenza.

Leonard Berberi

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...