attualità

Un’attivista denuncia: i soldati israeliani hanno usato la mia carta di credito

TEL AVIV – Katherine Sheetz aveva appena messo piede a Woods Hole, California. Ma migliaia di chilometri più a est, e nello stesso istante, la carta di credito «Bank of America» intestata a lei veniva fatta passare attraverso un lettore ottico di Tel Aviv per acquistare bottiglie di birra. Non solo quel giorno. Ma anche quelli successivi. Mentre lei, Katherine, raccontava a parenti e amici cos’era successo.

Sdoppiamento della personalità o clonazione della tessera bancaria? No. Secondo Katherine Sheetz, «semplicemente, sono stati soldati israeliani». Perché lei, Katherine, fotografa freelance di 63 anni, era un’attivista pro-Gaza che si trovava a bordo della nave “Challenger”. Anche lei faceva parte della flottiglia filo-palestinese. E quando è stata fermata, ha dovuto consegnare tutto quello che aveva addosso all’esercito israeliano.

La prova degli acquisti fraudolenti (Falafel Cafè)

Falafel Cafè è entrato in possesso dell’estratto conto che dimostra gli acquisti avvenuti con la carta di Katherine Sheetz nei giorni in cui lei si trovava all’altro capo del mondo.

Fermata il 31 maggio e riportata negli Usa il 2 giugno, Katherine ha scoperto che il movimento bancario della sua carta di credito riportava acquisti in Israele. Acquisti tutti avvenuti tra il 4 e il 7 giugno. Tutti ai distributori automatici. E per un valore di circa 800 euro.

«Visto quello che è successo alla mia scheda, mi viene il sospetto che non fossero soldati israeliani, ma pirati», dice Katherine. Un po’ ci scherza. Ma poi si fa seria. «Ci hanno abbordati – racconta –, poi ci hanno portato ad Ashdod. Lì mi sono rifiutata di firmare l’espulsione perché era scritto tutto in ebraico e io non ci capivo niente».

Il giorno dopo, lei e tutti gli altri vengono portati nel carcere nuovissimo di Be’er Sheva. Passano ventiquattrore e dalle sbarre si passa all’aeroporto internazionale di Tel Aviv. «Avevo tutto con me e non abbiamo fatto nessuna sosta», continua Katherine. «Mi sembra francamente impossibile che con tutto quello che era successo, avessi il tempo e la voglia di fermarmi per comprare della birra». Anche qui la 63enne scherza. Ma con molto sarcasmo.

La lista degli acquisti fraudolenti compiuti nei giorni successivi al rimpatrio di Katherine (Falafel Cafè)

Una volta scoperti gli acquisti fraudolenti, Katherine ha bloccato la carta di credito. Ma non rinuncia a dire la sua su quanto è successo. «La cosa che mi fa orrore è pensare che quegli stessi soldati che qualche ora prima avevano ucciso dei civili inermi, sono andati a festeggiare a suon di birra. E per di più birra comprata con i soldi degli altri».

Non sarà un po’ anti-israeliana, Katherine? «Niente affatto – risponde piccata –. Io mi sono sempre battuta e continuerò a battermi perché israeliani e palestinesi vivano in modo pacifico uno di fianco all’altro. Ma se penso che l’assedio di Gaza sia sbagliato e se penso che anche il muro che circonda la Cisgiordania sia un orrore ho il dovere morale di dirlo e di denunciarlo».

Interpellata sui troppi acquisti fraudolenti eseguiti con carte di credito degli attivisti fermati, la polizia di Tel Aviv non ha fatto altro che ricordare la procedura da effettuare: denuncia, tempo tecnico d’attesa, rimborso. Infine la condanna del colpevole. Con una precisazione: «Ammesso che si riesca a dimostrare chi sia stato».

Leonard Berberi

Annunci
Standard

3 thoughts on “Un’attivista denuncia: i soldati israeliani hanno usato la mia carta di credito

  1. Solo qualche domanda: in quell’estratto conto è documentato che quella carta di credito è stata usata da un soldato israeliano? E’ documentato nell’estratto conto che la birra è stata acquistata per “festeggiare l’uccisione di civili inermi”? Quanta spudoratezza ci vuole per spacciarsi per giornalista da parte di una che chiama civili inermi degli assassini che si sono preparati e addestrati e armati PER UCCIDERE?

    • Cara Barbara, ovviamente non è documentato. Ma come mi ha detto la diretta interessata, la carta le è stata presa dai soldati israeliani. E’ ovvio che è lei ad attribuire quelle spese ai soldati israeliani ed è altrettanto ovvio che la sua frase “hanno festeggiato l’uccisione di civili inermi” è sempre una sua frase. Dettata dallo shock – se vuoi – o da altro. Io non posso che riportare le sue parole. Poi ognuno può pensarla come vuole…

  2. Chiaro che sono parole sue. Ribadisco solo lo stupore che una persona simile si spacci per giornalista. Anche se è in fin troppo affollata compagnia, quanto a questo. (Poi, se vogliamo, anche il fatto che le sia stata presa dai soldati è una affermazione sua, e visto il personaggio io, non dico la mano, ma neanche un’unghia ci metterei sul fuoco. Mi viene in mente Agnoletto selvaggiamente picchiato dai soldati israeliani e arrivato davanti alle telecamere senza neanche un lividino grande così… La conosciamo questa gentaglia, oh se la conosciamo!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...