attualità

Gli Editors controcorrente: suonano a Tel Aviv e si divertono pure

Messaggio numero uno: «Popolo e vertici politici non sono la stessa cosa». Messaggio numero due: «Suonare in un paese non vuol dire dare l’endorsement al governo che lo guida». Messaggio numero tre: «Qui a Tel Aviv abbiamo fatto uno dei concerti più belli e memorabili della nostra carriera».

Gli Editors contro le band che hanno boicottato Israele dopo il blitz sulla nave? Non proprio. Ma il messaggio – anzi: i messaggi – che il leader della band di musica indie, Tom Smith, ha scritto sul sito del gruppo non lasciano molto scampo ad altre interpretazioni.

CONTROCORRENTE / Gli Editors, nonostante l'ondata di boicottaggi da parte di altri musicisti, hanno deciso di suonare lo stesso in Israele. E si sono pure divertiti

Loro, gli Editors, la performance in Israele l’hanno fatta. Al “Barbie Club”, il locale in cui si sono esibiti, c’era il pieno di persone. E loro, i musicisti, si sono pure divertiti. «Grazie Tel Aviv per la bellissima serata – continua Smith -, una di quelle che resterà a lungo impressa nella nostra memoria».

«Quando i Pixies hanno deciso di cancellare il loro show al PicNic, abbiamo discusso a lungo su quello che era giusto fare o non fare – ammette il leader del gruppo –. Ma la risposta era semplice: andare a suonare in un Paese non voleva dire dare il proprio assenso al governo in carica. Del resto, i nostri show nel Nord America, durante l’era Bush, non volevano dire essere d’accordo con l’invasione dell’Iraq».

Quindi la stoccata ai musicisti che hanno cancellato le loro date israeliane: «Con tutto quello che è successo nelle ultime settimane, la cosa più facile da fare sarebbe stata quella di annullare i concerti nello Stato ebraico, far passare del tempo e cantare una volta che del Paese non si parlava più all’estero».

«Ma stasera – conclude Smith – con noi hanno cantato mille persone, mille persone che credono e sperano nella pace. Grazie Tel Aviv, speriamo di vedervi ancora e presto».

Annunci
Standard

One thought on “Gli Editors controcorrente: suonano a Tel Aviv e si divertono pure

  1. Andrea ha detto:

    Hanno fatto bene a non dare retta a tutti i razzisti boicottatori del mondo, a tutti gli odiatori di Israele. Come quei professori alla Gianni Vattimo che in nome della pace cercano di espellere dai circuiti internazionali l’Accademia israeliana fucina inesauribile, oltre che di raffinata ricerca, di battaglie per la pace.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...