commenti

La nave, l’assalto e il bambino

C’è Ekrem Çetin, il capo macchina della Mavi Marmara, che posa rilassato con un bambino di pochi mesi (suo figlio?). Ci sono musulmani che – dalla nave – pregano in direzione della Mecca. Ci sono bandiere palestinesi svolazzanti. E imam che arringano la folla. E donne con il velo. E immagini di persone che sembrano compagni di viaggio. Anzi, di vacanza.

Poi ci sono le istantanee della notte tra il 30 e il 31 maggio. Si vedono i soldati israeliani che arrivano sulla barca. Due corpi senza vita coperti da bandiere. Volti smarriti. Buio pesto che diventa prima luce dell’alba poi giorno pieno.

Tutte queste sono le foto pubblicate sulla pagina Flickr dell’Ihh, l’organizzazione turca che ha organizzato i viaggi pro-Gaza. Ognuno dei lettori si può fare un’idea. Mi permetto di fare soltanto una considerazione: in tutto questo, quel povero bambino – in braccio a Çetin – che c’entra?

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...