economia

Israle, sparisce Burger King. Gli ebrei preferiscono il marchio locale

Il logo del fast food israeliano "Burger Ranch"

Agl’israeliani il fasto food piace glocal. Va bene il panino fatto come lo cucinerebbero dal McDonald’s o da Burger King, ma il marchio deve essere rigorosamente “Made in Israel”. Lo dicono i sondaggi, lo dimostrano i conti.

Ed è così che i fratelli Eli e Yuval Orgad, proprietari della Orgad Holding, hanno preso una decisione che va contro il tempo: togliere i cartelli firmati Burger King (di cui hanno il diritto di franchising per tutto il Paese) e mettere quelli della meno famosa – all’estero – e più ebraica “Burger Ranch”, posseduta interamente dagli Orgad.

“I nostri test hanno dimostrato in modo inequivocabile che gl’israeliani preferiscono il marchio Burger Ranch Bull”, hanno detto Eli e Yuval. Spariranno così 55 punti di ristoro targati Burger King, che andranno ad aggiungersi agli altri 52 già firmati Burger Ranch, per un totale di 107.

“Entro agosto di quest’anno il processo di conversione sarà terminato”, ha aggiunto il CEO Moshe Gabay. Che ha poi aggiunto: “A partire da Tel Aviv attrezzeremo i nostri fast food con tv al plasma per i grandi e angoli giochi per i piccini”. Il tutto al costo di 1,5 milioni di dollari.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...