attualità

Stop alle pellicce. Sì agli shtreimel

Tipici shtreimel

Guerra alle pellicce. Anche se con qualche eccezione. E tutto questo per insegnare a rispettare gli animali. E per impedire ogni genere di crudeltà. Per la gioia degli animalisti di tutto il mondo.

Israele capofila. Israele prima di tutti. Una commissione interministeriale, riunitasi domenica a Gerusalemme, ha preso questa storica decisione. Il divieto di importazione riguarda ogni genere di pelliccia. Anche se, precisano dalla commissione, sarà consentita invece la lavorazione delle pelli di ovini, bovini e cammelli.

L’iniziativa del governo, che sarà ora sottoposta al parere della Knesset, lascia aperta una importante eccezione, su richiesta ultimativa dei partiti ortodossi che temevano venisse messo fuorilegge lo ‘shtreimel’, il cappellone cilindrico foderato di pelliccia (code di volpe all’esterno, cuoio e velluto dentro) indossato dagli zeloti in occasione di festività. Così, il governo israeliano consentirà anche in futuro la importazione di quelle pellicce “che siano necessarie al culto religioso”.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...