attualità

Venti di guerra

Un'immagine della seconda guerra del Libano (2006)

Due notizie. Una arriva da Be’ersheba, nel deserto del Negev, Israele. L’altra dal Washington Post, Stati Uniti. Il dato particolare è che dicono la stessa cosa. I governo di Gerusalemme e le milizie di Beirut si starebbero preparando alla terza guerra del Libano.

“Un altro conflitto con il paese dei cedri è inevitabile. Non so quando, ma ci sarà”. Parola del ministro senza portafoglio di Gerusalemme, Yossi Peled (Likud). “Il Libano è l’unica realtà al mondo ad avere un’organizzazione militare che non risponde al suo governo e la comunità internazionale ha fallito con Hezbollah”, ha proseguito.

Non bastasse questa dichiarazione, a Gerusalemme fa rabbrividire un articolo del Washington Post di oggi. Dove c’è scritto che militanti dell’organizzazione terroristica Hezbollah stanno trasportanto missili a lunga gittata nel sud del Libano, nella valle di Bekaa. Un’area controllata dalla missione Unifil (dove si trovano anche gli italiani) che – scrive il giornale – può fare davvero poco per fermarli. I missili – secondo gli analisti interpellati dal Post – sarebbero in grado di raggiungere le grandi città come Haifa. Non è chiaro se così potenti da toccare anche Tel Aviv o Gerusalemme.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...