attualità

In dieci anni

Meno uniti. Più razzisti. Disillusi dalla politica. Ma più vicini alla nazione. E alla religione. In una parola: pessimisti. Ecco il volto di Israele nel periodo 2000-2009.

I dati del sondaggio pubblicati dall’Istituto Rafi Smith / Yedioth Ahronoth non lasciano dubbi a interpretazioni. Sono stati dieci anni con poche luci e tante, troppe ombre. L’oro alle Olimpiadi di Atene e il Nobel da una parte. Le bombe, i kamikaze, la sindrome da accerchiamento dall’altra.

Meno uniti. Il 69% degli israeliani intervistati (ebrei, musulmani, di nuova e vecchia generazione, di destra e di sinistra, religiosi e non) ritiene che la società è meno unita di dieci anni prima. Anche se il 34% si sente più vicino all’idea di nazione. Chi è attaccato di più alle istituzioni del Paese sono i nuovi immigrati.

Più razzisti. Quasi un israeliano su due (47%) pensa che la società sia diventata più razzista nei confronti delle minoranze presenti sul territorio. A sostenere questa tesi sono ex elettori della sinistra progressista, con un basso tenore di vita e un’istruzione basilare.

Vicini alla religione. Il dato è contrastante: chi è sempre stato alla larga dalla religione, in questi dieci anni s’è allontanato ancora di più. Ma le persone religiose, nel periodo 2000-2009 si sono avvicinate ancora di più ai precetti ebraici (o musulmani). Una società centrifuga.

Verso destra. E’ uno dei dati più significativi. Peraltro già emerso nelle analisi post-elezioni. L’82% degli israeliani si colloca nella fascia destra dello spazio politico e risponde che rispetto al decennio precedente si è “spostato di molto verso destra”. Soltanto due su cento pensano di essere transitati a sinistra.

Poca fiducia. Troppe campagne elettorali. Troppe elezioni. Troppi politici coinvolti in scandali e casi di corruzione. Alla fine, il dato ne risente: il 67% ripone meno fiducia nelle istituzioni del Paese.

Ci sarà la pace. Forse. Trentacinque israeliani su cento pensano che ci sarà un accordo di pace con uno dei vicini nei prossimi anni. Ma i restanti la pensano in modo contrario. Diverso, invece, il dato per quanto riguarda la composizione araba: per il 61% ci sarà la pace e per il 43 che ci sarà più sicurezza nel Paese.

p.s. Falafel Cafè vi augura buon anno e, soprattutto, tanta serenità. A domani, con il primo post del 2010 (l.b.)

Annunci
Standard

2 risposte a "In dieci anni"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...